Opizio Pallavicini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Opizio Pallavicini
cardinale di Santa Romana Chiesa
Opizio Pallavicini.JPG
Ritratto del cardinale Pallavicini
Stemma cardinal Pallavicini.jpg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato15 ottobre 1632 a Genova
Ordinato presbiteroin data sconosciuta
Nominato arcivescovo27 febbraio 1668 da papa Clemente IX
Consacrato arcivescovoin data sconosciuta
Creato cardinale2 settembre 1686 da papa Innocenzo XI
Deceduto11 settembre 1700 (67 anni) a Roma
 

Opizio Pallavicini (Genova, 2 settembre 1632Roma, 11 settembre 1700) è stato un cardinale italiano della Chiesa cattolica nominato da papa Innocenzo XI.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Talvolta citato anche come Opizio Pallavicino, nacque il 15 ottobre 1632 a Genova da nobile famiglia.

Ottenuto il dottorato in utroque iure e ricevuta l'ordinazione sacerdotale, durante il pontificato di papa Innocenzo X (1644-1655) si trasferì a Roma dove ricoprì l'incarico di referendario del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica di Grazia e Giustizia.

Governatore delle città di Ascoli Piceno, San Severino Marche, Orvieto, Montalto e Fermo.

Eletto arcivescovo titolare di Efeso il 27 febbraio 1668, nunzio apostolico in Toscana dal 1º giugno 1668; nunzio a Colonia dal 29 novembre 1672; nunzio in Polonia dal 30 settembre 1680; diede grande impulso alla lotta contro i turchi.

Elevato a cardinale presbitero nel concistoro del 2 settembre 1686 da papa Innocenzo XI; legato pontificio in Urbino dal 12 luglio 1688 sino al 1690, successivamente, il 14 novembre 1689 ricevette il titolo dei Santi Silvestro e Martino ai Monti. Partecipò al conclave del 1689 e, successivamente, il 28 novembre 1689 fu trasferito alla sede di Spoleto come arcivescovo a titolo personale. Dall'8 agosto 1691 fu a Osimo, sempre come arcivescovo a titolo personale; nello stesso anno partecipò anche al conclave che vide l'elezione di papa Innocenzo XII.

Morì a Roma l'11 settembre 1700 presso palazzo Buratti, dove risiedeva.

È sepolto nel vestibolo dei sotterranei della chiesa di San Martino ai Monti.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

  • ...
  • Cardinale Opizio Pallavicini

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gaetano Moroni, Dizionario di erudizione storico ecclesiastica da San Pietro sino ai giorni nostri, Venezia, Tipografia Emiliana, 1840-1861.

Gaetano Platania, Santa Sede e sussidi per la guerra contro il turco nella seconda metà del XVII secolo. Ospizio Pallavicini nunzio a Varsavia e la liberazione di Vienna, in Il buon senso o la ragione. Miscellanea di studi in onore di Giovanni Crapulli, a cura di Nadia Boccara, Viterbo, Sette Città editore, 1997, pp.103-138.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN44018886 · ISNI (EN0000 0001 1059 6571 · LCCN (ENno2004106298 · GND (DE120212897