Notte di Valpurga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il romanzo di Gustav Meyrink, vedi La notte di Valpurga.
Walpurgisnacht a Heidelberg

La notte di Valpurga (in tedesco Walpurgisnacht) era un'antica celebrazione pagana della primavera, tipica dell'Europa centro-settentrionale e praticata soprattutto dai popoli germanici, che avveniva la notte tra il 30 aprile ed il 1º maggio. Era caratterizzata da feste, canti, balli tradizionali e falò, ma assunse presto diversi significati, a seconda delle differenti tradizioni e culture dei Paesi europei nei quali si diffuse. Il suo attuale nome deriva da Valpurga di Heidenheim, una monaca bavarese del'VIII secolo canonizzata dalla Chiesa Cattolica e venerata il 1º maggio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La nascita di questa celebrazione si perde nei secoli, come fusione tra le cerimonie dei popoli germanici relative alla primavera (culto di Ostara) e i riti propiziatori stagionali, con quelli celtici, che celebravano il Beltane (in gaelico fuoco luminoso), secondo il calendario celtico, proprio la notte tra il 30 aprile il 1º maggio. Tale ricorrenza si diffuse presto anche in altri paesi, con piccole varianti e diversi nomi, come, ad esempio, le feste dette di "Calendimaggio" nell'Europa meridionale. Tale ricorrenza era caratterizzata dall'accensione di falò notturni, uniti a canti propiziatori per la purificazione del bestiame, oltre che alle invocazioni per un buon raccolto estivo, per l'abbondanza, la prosperità, la fertilità, esattamente così come avveniva, ad esempio per i Celti, per la ricorrenza stagionale opposta, il Samhain (notte tra il 30 ottobre e il 1º novembre, l'attuale Halloween).

Secondo alcune tradizioni teutoniche del IV-V secolo, strane figure, identificate successivamente come streghe, in questa notte uscivano dai loro rifugi per danzare e cantare. Queste tradizioni trovarono riscontro, in particolare, nella zona del monte Brocken (Harz), situato in Germania settentrionale, dove questi canti e balli erano dedicati alla luna. Tuttavia, questi rituali furono diversamente interpretati, a seconda del paese europeo ove si diffusero, come cerimonie esoteriche legate al demonio, simili a dei sabba. I satanisti laveyani infatti, consideravano la Walpurgisnacht come una delle tre ricorrenze annuali principali, insieme al proprio compleanno ed Halloween, così come dichiarato da Anton LaVey stesso, in The Satanic Bible.

La tradizione del Beltane e le sue varianti europee, si sovrapposero, intorno al XI secolo, alla ricorrenza cattolica di santa Valpurga, fino ad essere soprannominata la "notte di Valpurga".[1][2]. La festa di Valpurga si radicò nel tempo anche nella mitologia norrena dove, per esempio, viene ancor oggi fastosamente celebrata in Svezia.

Riferimenti nella cultura[modifica | modifica wikitesto]

Una scena del Faust (parte I) di Goethe è chiamata Walpurgisnacht, così come il secondo atto del testo teatrale Chi ha paura di Virginia Woolf? di Edward Albee, e un'altra scena ancora del Faust (parte II) è chiamata Klassische Walpurgisnacht. La notte di Valpurga è inoltre il titolo di un romanzo del 1917 di Gustav Meyrink, e il racconto horror I sogni nella casa stregata di Howard Phillips Lovecraft è incentrato cronologicamente su questa ricorrenza. Si intitola "Notte di Valpurga" anche un capitolo del romanzo La montagna incantata di Thomas Mann. La terza notte di Valpurga è anche la raccolta di scritti che Karl Kraus dedicò all'avvento del nazionalsocialismo e di Hitler (testo scritto fra il maggio e il settembre del 1933 e pubblicato postumo nel 1952 da Heinrich Fischer) nel quale l'autore denuncia la barbarie, gli omicidi e la creazione dei campi di concentramento da parte del neonato regime totalitario in Germania.

Riferimenti alla notte di Valpurga si riscontrano anche nella musica, con Felix Mendelssohn Bartholdy che ha musicato una ballata per soli, coro e orchestra su testo di Goethe, Die erste Walpurgisnacht, mentre i Procol Harum pubblicarono nel 1967 un disco dal titolo Repent Walpurgis (altrimenti noto in italiano come Fortuna), un brano strumentale nel quale era inserito l'inizio del preludio n° 1 in do maggiore di Bach da Il clavicembalo ben temperato, lo stesso sul quale Gounod compose la sua Ave Maria. Walpurgis era anche il titolo originale della traccia intitolata poi War Pigs (tratta dall'album Paranoid) dei Black Sabbath: Geezer Butler, bassista del gruppo, rivela che l'aveva intitolata così poiché il testo gioca su un paragone tra un sabba di streghe, adoratrici del Diavolo, e i potenti del mondo (politici, generali), che non si curano delle vite innocenti delle persone nei loro piani di conquista e distruzione. Walpurgisnacht è anche il titolo del primo singolo estratto da Luna, l'ultimo album (datato settembre 2014) della band Pagan Folk tedesca Faun; il corrispondente video musicale è interamente incentrato sulle immagini che descrivono la celebrazione di tale notte.

L'attesa di una catastrofica strega chiamata "Notte di Walpurgis" (pronunciato con la "v" come in "vaso") è al centro della serie anime del 2011 Puella Magi Madoka Magica.

Nel manga e nell'anime Hellsing, il maggiore dice: "Tutti gli attori sono saliti sulla scena, allo spuntar dell'alba si alza il sipario sulla Valpurgis".

La band italiana Death SS gli dedicò una traccia tratta dal loro album Heavy Demons del 1991, in collaborazione con l'attore Oliver Reed che prese parte come voce narrante del brano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La notte di Valpurga sul sito dell'ambasciata di Svezia a Roma, su swedenabroad.com. URL consultato il 25 febbraio 2012.
  2. ^ La notte di Valpurga, su gianfrancofranchi.com.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN: (ENsh2010013672 · GND: (DE4581377-2
Festività Portale Festività: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Festività