Notes on a Conditional Form

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Notes on a Conditional Form
ArtistaThe 1975
Tipo albumStudio
Pubblicazione22 maggio 2020
Durata80:30
Dischi1
Tracce22
Genere[1]Pop
Rock
EtichettaDirty Hit, Polydor
ProduttoreGeorge Daniel, Matthew Healy, Jonathan Gilmore
Registrazioneagosto 2018–febbraio 2020
Abbey Road, British Grove, E8 Hackney, RAK, Sleeper Sounds, Strongroom Studio e The Church, Londra (Regno Unito)
Angelic Studio, Halse (Regno Unito)
Conway Sound, East West, NightBird Studios e Perfect Sound, Los Angeles (California)
Lush Recording Studios, Brisbane (Australia)
Sony Recording Studios, Sydney (Australia)
Storm Trooper Studio Tour Bus (Stati Uniti)
Tic Studios, Vienna (Austria)
FormatiCD, MC, LP, download digitale, streaming
Certificazioni
Dischi d'argentoRegno Unito Regno Unito[2]
(vendite: 60 000+)
The 1975 - cronologia
Album successivo
Singoli
  1. People
    Pubblicato: 22 agosto 2019
  2. Frail State of Mind
    Pubblicato: 24 ottobre 2019
  3. Me & You Together Song
    Pubblicato: 16 gennaio 2020
  4. The Birthday Party
    Pubblicato: 19 febbraio 2020
  5. Jesus Christ 2005 God Bless America
    Pubblicato: 3 aprile 2020
  6. If You're Too Shy (Let Me Know)
    Pubblicato: 23 aprile 2020
  7. Guys
    Pubblicato: 13 maggio 2020

Notes on a Conditional Form è il quarto album in studio del gruppo musicale britannico The 1975, pubblicato il 22 maggio 2020 sulle etichette Dirty Hit e Polydor Records.

Pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 gennaio 2020 l'uscita dell'album è stata rinviata al 24 aprile 2020.[3] Il 30 marzo successivo, è stata nuovamente rinviata e fissata il 22 maggio 2020, con una nuova copertina del disco.[4]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[5] 3/5 stelle
Clash[6] 8/10
Consequence of Sound[7] B+
DIY[8] 3.5/5 stelle
Entertainment Weekly[1] A–
Exclaim![9] 8/10
musicOMH[10] 4/5 stelle
New Musical Express[11] 5/5 stelle
Paste[12] 5,1/10
Pitchfork[13] 8/10
PopMatters[14] 7/10
Rolling Stone[15] 3/5 stelle
Rumore[16] 87/100
Slant Magazine[17] 3.5/5 stelle
Sputnikmusic[18] 3/5 stelle
The A.V. Club[19] C
The Daily Telegraph[20] 3/5 stelle
The Guardian[21] 3/5 stelle
The Line of Best Fit[22] 3/10

Notes on a Conditional Form ha ottenuto recensioni generalmente positive da parte dei critici musicali. Su Metacritic, sito che assegna un punteggio normalizzato su 100 in base a critiche selezionate, l'album ha ottenuto un punteggio medio di 69 basato su ventotto recensioni.[23]

Mauro Fenoglio di Rumore definisce l'album una «trasposizione musicale dell'approdo a San Junipero» e una «lezione di pop onnivoro per un mondo al crocevia».[16] La stessa rivista lo ha inserito alla posizione numero 35 dei migliori album dell'anno.[24] Dan Stubbs di New Musical Express sostiene che la band «ha fatto uscire un album perfetto per l'introspezione, per l'ascolto in cuffia e per ballare nella propria cameretta, qualcosa di profondo e rilassato e talvolta sciocco che scava nelle profondità di molti ascoltatori».[11]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di George Daniel e Matthew Healy, eccetto dove indicato.

  1. The 1975 – 3:55 (George Daniel, Matthew Healy, Greta Thunberg)
  2. People – 2:38
  3. The End (Music for Cars) – 2:30
  4. Frail State of Mind – 3:53
  5. Streaming – 1:32
  6. The Birthday Party – 4:45
  7. Yeah I Know – 4:13
  8. Then Because She Goes – 2:07
  9. Jesus Christ 2005 God Bless America – 4:24
  10. Roadkill – 2:55
  11. Me & You Together Song – 3:27
  12. I Think There's Something You Should Know – 4:00
  13. Nothing Revealed / Everything Denied – 3:38
  14. Tonight (I Wish I Was Your Boy) – 4:07 (George Daniel, Matthew Healy, Guendoline Rome Viray Gomez)
  15. Shiny Collarbone – 2:50
  16. If You're Too Shy (Let Me Know) – 5:19
  17. Playing on My Mind – 3:24
  18. Having No Head – 6:04
  19. What Should I Say – 4:06
  20. Bagsy Not in Net – 2:26
  21. Don't Worry – 2:48 (Tim Healy)
  22. Guys – 4:29

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti
  • Greta Thunberg – voce (traccia 1)
  • Phoebe Bridgers – voce aggiuntiva (traccia 9), cori (tracce 8, 10 e 17)
  • FKA twigs – voce narrante (traccia 16), voce aggiuntiva (traccia 19)
  • Tim Healy – voce aggiuntiva (traccia 21)
  • Cutty Ranks – voce aggiuntiva (traccia 15)
  • Jamie Squire – chitarra, pianoforte, tastiera
  • John Waugh – sassofono tenore, arrangiamento del corno
  • Ben Lester – pedal steel guitar
  • Rashawn Ross – tromba, flicorno soprano
  • Lemar Guillary – trombone
  • Bob Reynolds – sassofono tenore, sassofono contralto
  • Helen Keen – flauto
  • Lindsey Ellis – ottavino, flauto
  • Gareth Hulse – oboe
  • Ruth Berresford – oboe
  • Nick Rodwell – clarinetto
  • Lois Au – fagotto
  • Martin Owen – corno francese
  • Tim Jones – corno francese
  • Pip Eastop – corno francese
  • Dan Newell – tromba
  • Christian Barraclough – tromba
  • Andy Wood – trombone tenore
  • Ed Tarrant – trombone tenore
  • Barry Clements – trombone basso
  • Owen Slade – tuba
  • Frank Ricotti – percussioni
  • Suzy Willison-Kawalec – arpa
  • Everton Nelson – primo violino
  • Emlyn Singleton – violino
  • Oli Langford – violino
  • Marianne Haynes – violino
  • Kate Robinson – violino
  • Ben Hancox – violino
  • Ciaran McCabe – violino
  • Ian Humphries – violino
  • Debbie Widdup – violino
  • Warren Zielinski – violino
  • Tom Pigot-Smith – violino
  • Perry Montague-Mason – violino
  • Natalia Bonner – violino
  • Martyn Jackson – violino
  • Bruce White – viola
  • Gillianne Haddow – viola
  • Andy Parker – viola
  • Peter Lale – viola
  • Lydia Lowndes-Northcott – viola
  • Ian Burdge – violoncello
  • Vicky Matthews – violoncello
  • Chris Worsey – violoncello
  • Jonny Byers – violoncello
  • Chris Laurence – contrabbasso
  • Stacey Watton – contrabbasso
  • George Daniel – arrangiamento orchestrale, arrangiamento del corno
  • Matthew Healy – arrangiamento orchestrale, arrangiamento del corno
  • Sam Swallow – arrangiamento orchestrale
  • John Waugh – arrangiamento del corno
Produzione
  • George Daniel – produzione, missaggio (tracce 15 e 20)
  • Matthew Healy – produzione
  • Jonathan Gilmore – produzione (tracce 2, 8, 10, 11, 16 e 22), ingegneria del suono
  • Luke Gibbs – assistenza all'ingegneria del suono
  • Mike Crossey – missaggio
  • Stephen Sesso – assistenza al missaggio
  • Robin Schmidt – mastering

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Notes on a Conditional Form ha debuttato alla 4ª posizione della Billboard 200 statunitense vendendo nella sua prima settimana 54 000 unità, di cui 39 000 sono vendite pure.[25] Nella Official Albums Chart britannica, invece, ha esordito in vetta grazie a 34 245 unità di vendita (di cui 24 476 sono in pure), diventando il quarto album al numero uno del gruppo.[26]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2020) Posizione
massima
Australia[27] 1
Austria[27] 30
Belgio (Fiandre)[27] 67
Canada[28] 19
Estonia[29] 28
Germania[27] 36
Giappone[30] 13
Grecia[31] 15
Irlanda[32] 2
Italia[27] 100
Lituania[33] 69
Nuova Zelanda[27] 4
Paesi Bassi[27] 36
Regno Unito[34] 1
Spagna[35] 81
Stati Uniti[36] 4
Svizzera[27] 36

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Larry Fitzmaurice, The 1975 run wild on the maximalist Notes on a Conditional Form: Review, su Entertainment Weekly, 21 maggio 2020. URL consultato il 24 maggio 2020.
  2. ^ (EN) Notes on a Conditional Form, British Phonographic Industry. URL consultato il 4 dicembre 2020.
  3. ^ (EN) Zach Redrup, NEWS: The 1975 delay 'Notes On A Conditional Form' and change artwork!, su deadpress.co.uk, 14 gennaio 2020. URL consultato il 24 maggio 2020.
  4. ^ (EN) Claire Shaffer, The 1975 Postpone 'Notes on a Conditional Form' Release Date (Again), su Rolling Stone, 30 marzo 2020. URL consultato il 23 maggio 2020.
  5. ^ (EN) Stephen Erlewine, Notes on a Conditional Form, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 28 maggio 2020.
  6. ^ (EN) Brenton Blanchet, The 1975 - Notes On A Conditional Form, su Clash, 17 maggio 2020. URL consultato il 28 maggio 2020.
  7. ^ (EN) Samantha Small, The 1975's Notes on a Conditional Form Marks a Definitive Moment in Time: Review, su Consequence of Sound, 22 maggio 2020. URL consultato il 28 maggio 2020.
  8. ^ (EN) Elly Watson, The 1975 – Notes on a Conditional Form, su DIY, 22 maggio 2020. URL consultato il 1º giugno 2020.
  9. ^ (EN) Ian Gormely, The 1975's 'Notes on a Conditional Form' Is Less Navel Gazey Than It Has Any Right to Be, su Exclaim!, 22 maggio 2020. URL consultato il 28 maggio 2020.
  10. ^ (EN) Ross Horton, The 1975 – Notes On A Conditional Form, su musicOMH, 22 maggio 2020. URL consultato il 28 maggio 2020.
  11. ^ a b (EN) Dan Stubbs, The 1975 – 'Notes On A Conditional Form' review: the sound of a band with no sonic boundaries, su New Musical Express, 1º maggio 2020. URL consultato il 28 maggio 2020.
  12. ^ (EN) Lizzie Manno, The 1975 Are Far Too Ambitious on Notes on A Conditional Form, su Paste, 20 maggio 2020. URL consultato il 28 maggio 2020.
  13. ^ (EN) Sam Sodomsky, The 1975: Notes on a Conditional Form, Pitchfork, 22 maggio 2020. URL consultato il 28 maggio 2020.
  14. ^ (EN) Jordan Blum, The 1975's 'Notes on a Conditional Form' Is Laudably Thought-Provoking and Thrilling, su PopMatters, 22 maggio 2020. URL consultato il 28 maggio 2020.
  15. ^ (EN) Claire Shaffer, The 1975's 'Notes on a Conditional Form' Is a Meandering Search for Meaning, su Rolling Stone, 21 maggio 2020. URL consultato il 28 maggio 2020.
  16. ^ a b Mauro Fenoglio, The 1975 - Notes on a Conditional Form, in Rumore, maggio 2020.
  17. ^ (EN) Paul Schrodt, Review: The 1975's Sprawling Notes on a Conditional Form Is a Sincere Ode to Rock, su Slant Magazine, 23 maggio 2020. URL consultato il 28 maggio 2020.
  18. ^ (EN) SowingSeason, The 1975: Notes on a Conditional Form, Sputnikmusic, 22 maggio 2020. URL consultato il 1º giugno 2020.
  19. ^ (EN) Annie Zaleski, The 1975 gets restless on the sprawling, unfocused Notes On A Conditional Form, su The A.V. Club, 22 maggio 2020. URL consultato il 1º giugno 2020.
  20. ^ (EN) Neil McCormick, The 1975, Notes on a Conditional Form, review: a good short album, buried inside a muddled long one, su The Daily Telegraph, 22 maggio 2020. URL consultato il 1º giugno 2020.
  21. ^ (EN) Alexis Petridis, The 1975: Notes on a Conditional Form review – music for the no-filter generation, su The Guardian, 21 maggio 2020. URL consultato il 28 maggio 2020.
  22. ^ (EN) Claire Biddles, The 1975 fall prey to their own self-indulgent trap, su The Line of Best Fit, 17 maggio 2020. URL consultato il 28 maggio 2020.
  23. ^ (EN) Notes on a Conditional Form, su Metacritic, CBS Interactive Inc. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  24. ^ The 1975 - Notes on a Conditional Form, in Rumore, dicembre 2020.
  25. ^ (EN) Keith Caulfield, 'Wunna' Wins: Gunna Earns First No. 1 Album on Billboard 200 Chart, su Billboard, 31 maggio 2020. URL consultato il 1º giugno 2020.
  26. ^ (EN) James Masterton, Charts analysis: The 1975 score fourth No.1 album, su Music Week, 29 maggio 2020. URL consultato il 29 maggio 2020.
  27. ^ a b c d e f g h (NL) The 1975 - Notes On A Conditional Form, Ultratop. URL consultato il 9 giugno 2020.
  28. ^ (EN) The 1975 - Chart history (Billboard Canadian Albums), su Billboard. URL consultato il 1º giugno 2020.
  29. ^ (ET) Siim Nestor, EESTI TIPP-40 MUUSIKAS: Vabariigi hetke populaarseima albumi on valmistanud korealane Agust D, su Eesti Ekspress. URL consultato il 2 giugno 2020.
  30. ^ (JA) 週間 合算アルバムランキング – 2020年06月01日付 (2020年05月18日~2020年05月24日), Oricon. URL consultato il 31 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 27 maggio 2020).
  31. ^ (EN) Official IFPI Charts - Top-75 Albums Sales Chart (Combined) - Week: 38/2020, IFPI Greece. URL consultato il 28 settembre 2020 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2020).
  32. ^ (EN) DISCOGRAPHY - THE 1975, su irish-charts.com. URL consultato il 29 maggio 2020.
  33. ^ (LT) 2020 22-os SAVAITĖS (balandžio 22-28 d.) ALBUMŲ TOP100., AGATA. URL consultato il 1º giugno 2020.
  34. ^ (EN) Notes on a Conditional Form - Full Official Chart History, Official Charts Company. URL consultato il 29 maggio 2020.
  35. ^ (EN) The 1975 - Notes On A Conditional Form, El Portal de Música. URL consultato il 2 giugno 2020.
  36. ^ (EN) The 1975 - Chart history (Billboard 200), su Billboard. URL consultato il 1º giugno 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock