Norman Thomas Gilroy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Norman Thomas Gilroy
cardinale di Santa Romana Chiesa
Coat of arms of Norman Thomas Gilroy.svg
Christus lux mea
Incarichi ricoperti
Nato 22 gennaio 1896, Sydney
Ordinato presbitero 24 dicembre 1923 dal cardinale Willem Marinus van Rossum, C.SS.R.
Nominato vescovo 10 dicembre 1934 da papa Pio XI
Consacrato vescovo 17 marzo 1935 dall'arcivescovo Filippo Bernardini
Elevato arcivescovo 1º luglio 1937 da papa Pio XI
Creato cardinale 18 febbraio 1946 da papa Pio XII
Deceduto 21 ottobre 1977, Sydney

Sir Norman Thomas Gilroy (Sydney, 22 gennaio 1896Sydney, 21 ottobre 1977) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico australiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Sydney il 22 gennaio 1896.

Fu arcivescovo di Sydney dal 1940 al 1971, anno in cui si ritirò per raggiunti limiti di età (75 anni).

Papa Pio XII lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 18 febbraio 1946: è il primo australiano di nascita a essere elevato alla porpora.

Dopo l'indipendenza politica dell'India, papa Pio XII lo nominò legato papale per il concilio plenario indiano. Il concilio si aprì a Bangalore il 6 gennaio 1950 e proseguì fino al 18 gennaio. Erano presenti tutti gli ordinari delle 52 circoscrizioni ecclesiastiche indiane dell'epoca, ivi incluso l'arcivescovo di Goa e vescovi dei riti orientali di Malabar, che insieme rappresentavano 4 milioni e mezzo di cattolici [1].

Partecipò al conclave del 1958 che elesse Giovanni XXIII e a quello del 1963 che elesse Paolo VI.

Partecipò anche alle quattro sessioni del Concilio Vaticano II.

Morì il 21 ottobre 1977 all'età di 81 anni.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico
«In riconoscimento per il servizio come arcivescovo cattolico romano di Sydney.»
— 4 giugno 1969[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Storia del Cristianesimo 1878-2005 - Vol . 8 - Le missioni cattoliche, Periodici San Paolo, Milano, 2005, pag. 59
  2. ^ (EN) Sito web It's an Honour: dettaglio decorato.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN93612536 · ISNI (EN0000 0000 6525 2250 · GND (DE1033606111 · NLA (EN35862050