Niven Busch

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Niven Busch

Niven Busch (New York, 26 aprile 1903San Francisco, 25 agosto 1991) è stato uno scrittore e sceneggiatore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a New York City, Busch iniziò a scrivere nei primi anni 1920, collaborando a "Time Magazine" (fondato, tra gli altri, da suo cugino Briton Hadden). Prima di trasferirsi dieci anni più tardi a Hollywood, Busch ne era diventato redattore, pubblicando allo stesso tempo anche su "The New Yorker", dove faceva uscire ritratti e profili di famosi americani (articoli più tardi raccolti nel suo primo libro, Twenty-One Americans).

Nel 1932 entrò a far parte della scuderia degli scrittori dell'agente e produttore Myron Selznick (18981944) che gli procurò un contratto con la Warner Bros., convincendolo a trasferirsi a Los Angeles. Qui collaborò alla sua prima sceneggiatura, per L'urlo della folla (The Crowd Roars) di Howard Hawks.

Durante gli anni 1930, Busch lavorò per le più importanti major di Hollywood, soprattutto in film di serie B come The Big Shakedown. Nel 1938 ottenne una nomination agli Oscar per L'incendio di Chicago, film di Henry King basato sul suo racconto We the O'Learys. Nel 1940 scrisse con Jo Swerling L'uomo del West di William Wyler. Il produttore del film, Samuel Goldwyn, lo chiamò a lavorare come story editor e Busch gli raccomandò L'idolo delle folle, poi girato da Sam Wood con Gary Cooper e l'attrice Teresa Wright, che presto diventò sua moglie. I due furono sposati per 10 anni, dal 1942 al 1952 ed ebbero due figli: Niven Terence (nato nel 1944) e Mary Kelly (nata nel 1947). In quel periodo, non accreditato, ha anche supervisionato la sceneggiatura di Piccole volpi.

Trasferitosi intanto con la famiglia sulle colline di Encino, Busch cominciò a scrivere romanzi. Dopo The Carrington Incident (1941), pubblicò Duel in the Sun che fu un vero best seller, anche grazie alla trasposizione cinematografica Duello al sole che ne fece King Vidor nel 1946.

Da questo momento della sua vita, Busch alternò sceneggiature e romanzi, spesso entrambi di successo. They Dream of Home, un romanzo di veterani di ritorno in patria, fu seguito da The Furies (1950), film di Anthony Mann con Barbara Stanwyck. Un altro suo grande successo, con la moglie come attrice accanto a Robert Mitchum fu Notte senza fine (Pursued) (1947), che mescolava il western e il noir. Ma il film che più lo rese noto fu The Postman Always Rings Twice che trasse da un romanzo di James M. Cain per la Metro-Goldwyn-Mayer.

All'inizio degli anni 1950, dopo il divorzio, Busch lasciò Hollywood e andò nel nord della California, dove si mise ad allevare bestiame in un ranch e continuò a scrivere solo romanzi. Qui incontrò la seconda moglie, Carmencita Baker, e quindi la terza, Suzanne de Sanz (da cui avrà ulteriori quattro figli: Jerry, Peter, Briton e Nicholas).

Prima dell'ultimo romanzo, The Titan Game, Busch diventò una figura di spicco della scena letteraria di San Francisco (in città ambientò il romanzo California Street) e insegnò qualche corso alla Università della California.

All'età di 84 anni apparve in un cameo in L'insostenibile leggerezza dell'essere. Quattro anni più tardi morì per un attacco di insufficienza cardiaca.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Funny Girl, 1929 (su Fanny Brice)
  • Twenty-one Americans: Being Profiles of Some People Famous in Our Time, 1930
  • Duel on a Headland: A Portrait of Robinson Jeffers, 1935; trad. di Bruno Fonzi, Duello al sole, Milano-Roma: Jandi Sapi, 1947
  • The Carrington Incident, 1941
  • They Dream of Home, 1944
  • Duel in the Sun: A Novel of the Southwest, 1946; trad. Caterina Longanesi, Duello al sole, Milano: Mondadori, 1970
  • ... Day of the Conquerors: A Novel, 1946
  • The Furies, 1949, trad. Dolores Marchetti, Le furie, Roma: Jandi Sapi, 1950
  • The Hate Merchant, 1953; trad. Egidio Modena, Il mercante d'odio, Milano: Baldini & Castoldi, 1955
  • The Actor: A Realistic Novel of Hollywood, 1955; trad. in Max Ehrlich, Una lettera giunge dal passato, Milano: Selezione dal Reader's Digest, 1956
  • California Street, 1959
  • The San Franciscans, 1962
  • The Gentleman from California, 1965
  • The Take Over, 1973
  • No Place for a Hero: A Historical Novel of California's "pathfinder" John C. Fremont, 1978
  • Continent's Edge, 1980
  • The Titan Game, 1989

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN91282271 · ISNI (EN0000 0001 1462 4517 · LCCN (ENn79109747 · BNF (FRcb13993051m (data)