Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Saneatsu Mushanokōji

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Mushanokōji Saneatsu)
Saneatsu Mushanokōji fotografato nel 1951.

Saneatsu Mushanokōji (武者小路実篤 Mushanokōji Saneatsu?) (Tokyo, 12 maggio 1885Tokyo, 9 aprile 1976) è stato uno scrittore giapponese. Veniva chiamato dai suoi amici Mushakōji Saneatsu, Musha (guerriero, soldato) e Futo-o. Appartenne al terzo rango della corte imperiale. Fu insignito del riconoscimento al merito culturale. Tra i numerosi titoli di cui venne fregiato ricordiamo quello di cittadino onorario di Tokyo. Fu anche membro dell'Accademia delle Arti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni di vita[modifica | modifica wikitesto]

Ottavo figlio del visconte Saneyo Mushanokōji, nacque a Kōjimachi, nel quartiere di Tokyo oggi conosciuto come Chiyoda. La linea familiare Mushanokōji faceva parte dei nobili di corte fin dal periodo Muromachi. Perde il padre alla tenera età di due anni e viene cresciuto per lo più da sua madre. Si racconta che durante l'infanzia avesse diversi problemi nelle composizioni scritte.

Dopo avere frequentato il Gakushūin dalle elementari fino alle superiori, nel 1906 decide di iscriversi all'Università Imperiale di Tokyo, per studiare sociologia. Nel 1907 costituisce un circolo letterario, chiamato il gruppo Jūkokakai (Il Club di due settimane), con Kinoshita Rigen, Shiga Naoya, Arishima Takeo e Ogimachi Kinzaku, suoi ex-compagni di studi. Durante quell'anno decide di lasciare gli studi. Nel 1908, contribuisce al lancio della rivista Mochino, facendola circolare tra gli studenti. Nel 1910, come un membro chiave e carismatico, collabora alla pubblicazione della rivista letteraria Shirakaba (Betulla bianca) insieme ai suoi amici Shiga Naoya, Arishima Takeo e Arishima Ikuma. Affascinato da Lev Nikolaevič Tolstoj, essendo stato introdotto da suo zio per la Bibbia e le opere di questo autore, fu uno dei pilastri ideologici della corrente letteraria che si diffuse a partire da questa rivista.

Carriera letteraria[modifica | modifica wikitesto]

Per mezzo di Shirakaba, ha cominciato a muoversi via dall'ideale di Tolstoj dell'auto-sacrificio, e ha promosso la sua filosofia dell'umanesimo come alternativa all'allora popolare forma di naturalismo. Mentre il suo umanesimo ha preso in prestito alcuni elementi dal naturalismo, credeva in generale che l'umanità controllava il proprio destino attraverso l'affermazione della volontà, mentre i naturalisti hanno teso a vedere l'individuo come impotente e disperato contro forze che sfuggono al controllo personale.

Con lo scoppio della prima guerra mondiale, ha girato ancora a Tolstoj per ispirazione e per l'ulteriore sviluppo della sua filosofia di umanitarismo. Nel 1916, si trasferì in ciò che è ora parte di Abiko, Chiba, insieme a Shiga Naoya e Yanagi Sōetsu.

Mushanokōji (a destra) e Koyata Yamamoto con il dipinto di Van Gogh, fotografati prima del 1945.

Nel 1915, il trentenne Koyata Yamamoto, un ricco imprenditore della costa sud di Ashiya, lesse il suo romanzo Quando aveva 30 anni. Il romanzo fece una tale impressione a Yamamoto che dovette leggere molte altre sue opere e, nel 1917, finì con lo stringere con questi una forte amicizia. È il risultato dell'influenza di Mushanokōji, piuttosto che un'affinità con l'opera del pittore olandese Vincent van Gogh, che spinse Yamamoto ad acquistare il dipinto Natura morta: Vaso con cinque girasoli. Infatti Mushanokōji, attraverso i suoi amici Moritatsu Hosokawa e Kikuo Kojima, aveva perfezionato l'acquisto di un Autoritratto in un cappello di feltro del pittore francese Paul Cézanne per 20.000 yen ed era molto interessato anche all'acquisto dei Girasoli di Van Gogh, ma non era riuscito a trovare un compratore giapponese. Yamamoto, colpito dalla passione del suo amico, nel 1920 acconsentì a comprarlo da un venditore in Francia, nella galleria d'arte Bernheim Jeune a Parigi, per 20.000 yen, l'equivalente di 200 milioni di yen oggi (1,886,800 dollari). Yamamoto intendeva presentare il pezzo ad un museo d'arte della città di Ashiya che Mushanokōji e altri letterati avevano sperato di stabilire: il progetto Shirakaba Museum. Tuttavia, prima che il piano fosse realizzato, il capolavoro venne distrutto da un incendio dei bombardamenti aerei statunitensi su Ashiya il 6 agosto 1945.

Con l'obiettivo filosofico di mettere in pratica una società armonica e idealistica lungo linee vagamente di Tolstoj, fondò nel 1918 lo Atarashiki mura (nuovo villaggio), un comune utopico quasi-socialista sulle montagne presso la cittadina di Kijōchō nella prefettura di Miyazaki, isola di Kyūshū. Il comune ha pubblicato anche una propria rivista letteraria, Atarashiki-mura. Nel 1920, durante l'esecuzione del comune, fu molto prolifico nella sua produzione letteraria. Tuttavia, era stanco dell'esperimento sociale e lasciò il villaggio nel 1926. Nel 1938, il villaggio rimase allagato per più di metà a causa della costruzione di una diga. Quindi, nel 1939, rifondò ex novo lo Atarashiki mura nella cittadina di Moroyamamachi della prefettura di Saitama, a nord di Tōkyō. Entrambi questi paesi esistono ancora oggi: per diventare residente bisogna avere per legge più di 40 anni.

Attraverso gli anni 1930 e 1940, ha sbiadito dal mondo letterario. Incoraggiato dal fratello maggiore Kintomo Mushanokōji, che era l'ambasciatore giapponese alla Germania nazista, ha viaggiato in tutta Europa nel 1936. Nel 1946, viene nominato per un seggio alla Camera dei Pari della Dieta del Giappone. Tuttavia, quattro mesi più tardi, viene eliminato dai pubblici uffici da parte delle autorità di occupazione americana, a causa della sua nuova opera per sostenere le azioni del governo giapponese nella seconda guerra mondiale.

Nel 1951 ricevette il riconoscimento al merito culturale e divenne un membro dell'Accademia delle Arti del Giappone nel 1952.

Morì di uremia presso l'ospedale della scuola di medicina dell'Università Jikei a Komae, Tokyo. La sua tomba è presso il Chūō Reien nella città di Hachioji, vicino a Tokyo. La sua casa a Chōfu, Tokyo, dove ha vissuto dal 1955 al 1976, è stata trasformata in un museo memoriale.

Opere rappresentative[modifica | modifica wikitesto]

  • Omedetaki hito (お目出たき人 lett. "Persona di indole buona"?), nel 1910;
  • Seken shirazu (世間知らず lett. "Bambino nel bosco"?), nel 1912;
  • So no imōto (その妹 lett. "Sua sorella"?), nel 1915, un gioco che coinvolte una scelta tra l'amore di sé e l'amore per l'umanità;
  • Kōfukumono (幸福者 lett. "Un uomo felice"?), nel 1919, un romanzo che presenta la sua immagine di essere umano ideale;
  • Yūjō (友情 lett. "Amicizia"?), nel 1920, un romanzo raffigurante la vittoria dell'umanesimo sull'ego;
  • Ningen banzai (人間万歳 lett. "Tre urrà per l'umanità"?), nel 1922, un dramma in cui appare il suo idealismo;
  • Aru otoko (或る男 lett. "Un certo uomo"?), nel 1923, un suo romanzo autobiografica in cui appare il suo idealismo;
  • Ninomiya Sontoku (二宮尊徳?), dopo il 1923, un romanzo storico e biografico circa il tecnologo di fattoria e filosofo agricolo del XIX secolo;
  • Dai Tōa Senji Jikan (大東亜戦争私観 lett. "Pensieri personali sulla Grande Guerra dell'Asia Orientale"?), nel 1942;
  • Shinri sensei (真理先生 lett. "Maestro di verità"?), nel 1949-1950.

Influenza nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

  • Maya Mortimer, Meeting the Sensei: The Role of the Master in Shirakaba Writers'. Brill Academic Publishers (2000);
  • Kanji Watanabe, Mushanokoji Saneatsu (Jinbutsu shoshi taikei). Kinokuniya Shoten (1984);
  • Vincent and Theo Van Gogh (mostra presso l'Hokkaido Museum of Modern Art: 5 luglio - 25 agosto 2002), Yukihiro Sata/Takashi Kamata/Yayoj Yanagisawa (eds.), Hokkaido Shimbun Press (2002), pagg. 270-277.

Manga e anime[modifica | modifica wikitesto]

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN22259644 · LCCN: (ENn82144415 · ISNI: (EN0000 0000 8101 2142 · GND: (DE122311213 · BNF: (FRcb12570029g (data)