Autoritratto (Van Gogh 1889)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Autoritratto
SelbstPortrait VG2.jpg
AutoreVincent van Gogh
Data1889
Tecnicaolio su tela
Dimensioni65×54 cm
UbicazioneMuseo d'Orsay, Parigi

L'autoritratto è un dipinto a olio su tela (65x54 cm) realizzato nel 1889 dal pittore Vincent van Gogh. È conservato nel Museo d'Orsay di Parigi.

Van Gogh dipinse un grande numero di autoritratti durante la sua carriera artistica, e questo è considerato uno dei suoi più belli, se non addirittura il migliore. Fu realizzato nel settembre 1889 nel manicomio di Saint-Rhémy, quando il pittore s'era appena ristabilito da una lunga crisi di follia durata due mesi, e durante la quale tentò di uccidersi ingerendo i colori. A proposito di questa tela, Van Gogh scriverà al fratello Theo: "Noterai come l'espressione del mio viso sia più calma, sebbene a me pare che lo sguardo sia più instabile di prima".

Ed è appunto lo sguardo allucinato che colpisce subito, tanto da restare fissato in chi lo osserva. Ad esso va aggiunto il fondale formato da spirali grigio-verdi arrovellate, molto simili al fogliame dei cipressi dipinti in quel periodo, ma anche a fiamme di una fornace. L'andamento turbinoso della pennellata sembra testimoniare la perdita di orientamento dovuta alle gravi crisi nervose.

Antonin Artaud, grande ammiratore dell'opera di Vincent, commentando quest'opera, dirà: "Uno sguardo che colpisce per immediatezza".

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura