Monte Barone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il monte in Puglia, vedi Riserva naturale Monte Barone.
Monte Barone
MonteBarone.jpg
StatoItalia Italia
RegionePiemonte Piemonte
ProvinciaBiella Biella
Altezza2 044 m s.l.m.
Prominenza622 m
CatenaAlpi
Coordinate45°44′14.94″N 8°09′12.24″E / 45.737483°N 8.1534°E45.737483; 8.1534Coordinate: 45°44′14.94″N 8°09′12.24″E / 45.737483°N 8.1534°E45.737483; 8.1534
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte Barone
Monte Barone
Mappa di localizzazione: Alpi
Monte Barone
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Occidentali
Grande SettoreAlpi Nord-occidentali
SezioneAlpi Pennine
SottosezioneAlpi Biellesi e Cusiane
SupergruppoAlpi Biellesi
GruppoCatena Monte Bo-Barone
SottogruppoCostiera Talamone-Barone
CodiceI/B-9.IV-A.2.a

Il monte Barone è una montagna delle Alpi situata nelle Prealpi Biellesi che raggiunge un'altezza di 2044 m. Il monte Barone domina la valle Sessera e la valle dello Strona di Postua. Ai suoi piedi si trovano i paesi di Coggiola, Crevacuore, Pray, Postua, Guardabosone. La cima si trova al confine tra il comune di Coggiola e un'isola amministrativa montana di Caprile.[1]

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo in piemontese significa mucchio, ammasso; questo termine entra nella denominazione anche di altre montagne quali, ad esempio, il monte Baron (val Casternone) o la colma di Mombarone (valle dell'Elvo).

Salita alla vetta[modifica | modifica wikitesto]

La via normale prevede un tempo di percorrenza di circa due ore e trenta. Partendo dall'abitato di Coggiola si sale in macchina sino alla località Piane e si prosegue fino alla chiesetta dove si può parcheggiare. Lasciata la macchina, si ritorna indietro lungo la strada fino ad incontrare le indicazioni del sentiero G1 che inizia a salire, attraversa un piccolo alpeggio e prosegue nel vallone formato dal Rio Cavallero. Varcato su un ponticello il torrente, diventa più ripido, pur rimanendo largo e comodo. Dopo una ventina di minuti entra in un bosco di pini ed incontra la casa della Guardia Forestale. A questo punto il sentiero che conduce sulla cima è marcato G8 e prosegue sempre attraverso il bosco fino a scollinare sulla sommità della costa, da cui si può ammirare un bel panorama. Continua quindi lungo il costone rivolto a Nord-Ovest dove si trova il passaggio più difficile detto "Le Scarpie" (corda fissa) e, superatolo, raggiunge pianeggiando l'Alpe Ponasca e il rifugio del CAI "Monte Barone" (aperto nella stagione estiva). Dal rifugio, attraverso un prato, perviene alla cresta e quindi alla cima.

Panorama[modifica | modifica wikitesto]

Il monte visto dalla Valsesia (in primo piano i Denti di Gavala)

Grazie alla posizione avanzata verso la pianura Padana rispetto alle Alpi vere e proprie, il monte Barone gode di un panorama molto vasto. Partendo da Nord si ammirano: il Monte Rosa, i monti della val d'Ossola, il monte Leone, il lago Maggiore e il lago d'Orta, la pianura vercellese, le città di Novara, Vercelli, Milano e Torino, il Monviso e infine i monti di confine tra Biellese e Valle d'Aosta.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Ogni anno nell'ultima domenica di agosto la sezione valsessera del CAI fa celebrare una messa sulla cima del monte, con pranzo a seguire presso il rifugio CAI "Monte Barone".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cartografia IGM on-line su www.pcn.minambiente.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]