Alpi Biellesi e Cusiane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alpi Biellesi e Cusiane
Mars camino gran gabe dalla p gragliasca.jpg
Monte Mars
ContinenteEuropa
StatiItalia Italia
Catena principaleAlpi Pennine (nelle Alpi)
Cima più elevataMonte Mars (2.600 m s.l.m.)

Le Alpi Biellesi e Cusiane sono una sottosezione[1] delle Alpi Pennine. Si trovano in territorio Italiano a sud della fascia principale delle Alpi Pennine.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Interessano il Piemonte, principalmente nelle provincie di Biella, Vercelli e del Verbano-Cusio-Ossola. Marginalmente interessano anche la Provincia di Torino, quella di Novara e la Valle d'Aosta. Si staccano dalle Alpi del Monte Rosa al Colle del Loo (2.452 m) ed al Tesslu (o Bocchetta Stretta).[2]

I limiti geografici sono: il Colle del Loo, il Torrente Sorba, Piode, il fiume Sesia, Varallo Sesia, il torrente Mastallone, il Tessù, il torrente Strona, Gravellona Toce, il Lago Maggiore, la pianura padana (linea Arona-Gattinara-Ivrea), il fiume Dora Baltea, Pont-Saint-Martin, il torrente Lys, il torrente Loo, il Colle del Loo.

Suddivisione[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione della SOIUSA

Secondo la SOIUSA le Alpi Biellesi e Cusiane sono una sottosezione alpina con la seguente classificazione:

La sottosezione è a sua volta suddivisa in due supergruppi, quattro gruppi e due sottogruppi (tra parentesi il codice SOIUSA dei supergruppi, gruppi e sottogruppi):

Vette[modifica | modifica wikitesto]

Le vette principali della sottosezione sono:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In accordo con le definizioni della SOIUSA.
  2. ^ Si tratta di un punto di valico situato sul crinale Val Mastallone/Valle Strona quotato 2304 e che separa la Cima Lago (2.401 m) dall'Altemberg.
  3. ^ a b Carta dei sentieri della Provincia di Biella 1:25.00 - Biellese nord-occidentale, Provincia di Biella, 2004

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sergio Marazzi, Atlante Orografico delle Alpi. SOIUSA, Pavone Canavese, Priuli & Verlucca, 2005.