Misandria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il termine misandria (dal greco μισέω misèō, "odiare", e ἀνήρ anḕr, "uomo") indica un sentimento ed un conseguente atteggiamento di avversione ed ostilità nei confronti del genere maschile.[1]

In ragione di questa specifica delimitazione della categoria umana oggetto di avversione si distingue dalla misantropia e costituisce il concetto, speculare e contrapposto, della misoginia.

Alcune teoriche del femminismo radicale, come Valerie Solanas, Mary Daly, Wendy McElroy, Andrea Dworkin[2] sono state tacciate a volte di misandria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]