Misandria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il termine misandrìa (dal greco μῖσος (mísos), "odio", "avversione", e ἀνήρ, gen. ἀνδρός (anēr, gen. andrós), "uomo") indica un sentimento ed un conseguente atteggiamento di avversione, ostilità, odio, disprezzo e/o pregiudizio nei confronti del genere maschile.[1][2][3]

La misandria può manifestarsi in numerosi modi, tra cui esclusione sociale, discriminazione sessuale, ostilità, ginocentrismo, insulto verso gli uomini, incitamento all'odio e violenza contro gli uomini, scarsa o assente copertura mediatica, demonizzazione e oggettificazione sessuale.

A livello lessicale, l'antonimo della misandria è la misoginia.[4]

In psicologia[modifica | modifica wikitesto]

Glick e Fiske hanno sviluppato costrutti psicometrici per misurare gli atteggiamenti degli individui nei confronti degli uomini nella loro "Ambivalence toward Men Inventory" (AMI), che include un fattore di "Ostilità verso gli uomini". Queste metriche si basavano su una discussione in piccoli gruppi con le donne per identificarne i fattori. Successivamente, il numero di domande è stato ridotto utilizzando metodi statistici. L'ostilità verso gli uomini era suddivisa in tre fattori: il risentimento per il paternalismo, ovvero la convinzione che gli uomini sostenessero il potere maschile; la differenziazione di genere compensativa, ossia la convinzione che gli uomini fossero supportati dalle donne; e l'ostilità eterosessuale, basata sulla convinzione che gli uomini avrebbero probabilmente intrapreso azioni ostili.[5] Il costrutto combinato, ovvero la cosiddetta "Ostilità verso gli uomini", è risultato inversamente correlato alle misure di uguaglianza di genere quando si confrontano i diversi paesi[6] e in uno studio con studenti universitari, le femministe che si definiscono come tali hanno un punteggio più basso.[7]

Nella letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura dell'Antica Grecia[modifica | modifica wikitesto]

La professoressa di classici Froma Zeitlin dell'Università di Princeton ha discusso della misandria nel suo articolo intitolato "Patterns of Gender in Aeschylean Drama: Seven against Thebes and the Danaid Trilogy"[8]. Scrive:

Il punto di contatto più significativo, tuttavia, tra Eteocle e i supplenti Danaidi sono, infatti, le loro posizioni estreme rispetto al sesso opposto: la misoginia dell'esplosione di Eteocle contro tutte le donne di qualsiasi varietà (Se. 181-202) ha la sua controparte nell'apparente sventura dei Danaidi, che sebbene siano in particolare opposti ai loro cugini egiziani (il matrimonio con loro è incestuoso, sono uomini violenti) spesso estendono le loro obiezioni per includere la razza maschile nel suo insieme e vedere la loro causa come una contesa appassionata tra i sessi (cfr. Su. 29, 393, 487, 818, 951).[8]

Shakespeare[modifica | modifica wikitesto]

Il critico letterario Harold Bloom ha sostenuto che anche se la parola "misandria" è relativamente inaudita in letteratura, non è difficile trovare impliciti, anche espliciti, esempi di misandria. In riferimento alle opere di Shakespeare Bloom sosteneva:[9]

(EN)

«I cannot think of one instance of misogyny whereas I would argue that misandry is a strong element. Shakespeare makes perfectly clear that women in general have to marry down and that men are narcissistic and not to be trusted and so forth. On the whole, he gives us a darker vision of human males than human females.»

(IT)

«Non riesco a pensare a un caso di misoginia, mentre direi che la misandria è un elemento forte. Shakespeare chiarisce perfettamente che le donne in generale devono sposarsi e che gli uomini sono narcisisti e non bisogna fidarsi di loro e così via. Nel complesso, ci dà una visione più oscura dei maschi umani rispetto alle femmine umane»

(Elin Schoen Brockman, "In the Battle of the Sexes, This Word Is a Weapon")

Letteratura moderna[modifica | modifica wikitesto]

Anthony Synnott sostiene che c'è una tendenza in letteratura a rappresentare gli uomini come cattivi e le donne come vittime e sostiene che esiste un mercato per i romanzi "anti-maschili" senza un corrispondente mercato "anti-femminile", citando The Women's Room di Marilyn French e Il colore viola di Alice Walker. Fornisce esempi di confronti tra uomini e guardie carcerarie naziste come tema comune nella letteratura.[10]

La misandria di stampo razziale si verifica sia nella cultura che nella letteratura "alta" e "bassa". Ad esempio, gli uomini afro-americani sono stati spesso descritti in modo sprezzante come infantili o come erotizzati e iper-maschili, a seconda degli stereotipi culturali prevalenti.[11]

Julie M. Thompson, un'autrice femminista, collega la misandria con l'invidia degli uomini, in particolare "invidia del pene", un termine coniato da Sigmund Freud nel 1908, nella sua teoria dello sviluppo sessuale femminile[12]. Nancy Kang ha discusso "dell'impulso misandrico" in relazione alle opere di Toni Morrison[13].

Nel suo libro, Gender and Judaism: The Transformation of Tradition, Harry Brod, professore di filosofia e scienze umane presso il Dipartimento di filosofia e religione dell'Università dell'Iowa settentrionale, scrive:[14]

(EN)

«In the introduction to The Great Comic Book Heroes, Jules Feiffer writes that this is Superman's joke on the rest of us. Clark is Superman's vision of what other men are really like. We are scared, incompetent, and powerless, particularly around women. Though Feiffer took the joke good-naturedly, a more cynical response would see here the Kryptonian's misanthropy, his misandry embodied in Clark and his misogyny in his wish that Lois be enamored of Clark (much like Oberon takes out hostility toward Titania by having her fall in love with an ass in Shakespeare's Midsummer-Night's Dream).»

(IT)

«Nell'introduzione a The Great Comic Book Heroes, Jules Feiffer scrive che questa è la battuta di Superman sul resto di noi. Clark è la visione di Superman di come sono veramente gli altri uomini. Siamo spaventati, incompetenti e impotenti, in particolare con le donne. Sebbene Feiffer abbia preso la battuta bonariamente, una risposta più cinica vedrebbe qui la misantropia del kryptoniano, la sua misandria incarnata in Clark e la sua misoginia nel suo desiderio che Lois si innamori di Clark (proprio come Oberon elimina l'ostilità verso Titania facendola cadere innamorato di un asino in Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare).»

(Harry Brod, "Gender and Judaism: The Transformation of Tradition")

Nel 2020, il saggio esplicitamente misandrico Moi, les hommes, je les déteste ("odio gli uomini") della scrittrice francese Pauline Harmange ha suscitato polemiche in Francia dopo che un funzionario del governo ha minacciato il suo editore di perseguimento penale.[15][16]

La critica del femminismo tradizionale Christina Hoff Sommers ha descritto il dramma di Eve Ensler The Vagina Monologues come misandrico in quanto "non ci sono maschi ammirevoli... il dramma presenta una galleria di furfanti, di uomini brutali, sadici, molestatori di bambini, mutilatori genitali, stupratori di gang e odiosi ragazzini" che trova al passo con la realtà che "la maggior parte degli uomini non sono bruti. Non sono oppressori".[17]

Misandria e femminismo[modifica | modifica wikitesto]

Svariate teoriche del femminismo radicale, tra cui Valerie Solanas, Mary Daly, Wendy McElroy, Andrea Dworkin[18] sono state accusate di misandria.

L'accademica Alice Echols, professoressa di storia e studi contemporanei di genere all'Università della California meridionale, nel suo libro del 1989 Daring To Be Bad: Radical Feminism in America, 1967–1975, sosteneva che la femminista radicale Valerie Solanas, nota per il suo tentato omicidio di Andy Warhol nel 1968, mostrò un livello estremo di misandria rispetto a altre femministe radicali dell'epoca nel suo trattato SCUM Manifesto. Echols dichiarò:

La misandria sfacciata di Solanas - in particolare la sua convinzione nell'inferiorità biologica degli uomini - la sua approvazione delle relazioni tra "donne indipendenti" e il suo licenziamento del sesso come "il rifugio degli insensati" contravvenivano al tipo di femminismo radicale prevalso nella maggior parte dei gruppi di donne in tutto il paese.[19]

La saggista e femminista radicale Andrea Dworkin ha criticato il filone "deterministico biologico" nel femminismo radicale che, nel 1977, ha trovato "con crescente frequenza nei circoli femministi" che ha fatto eco alle opinioni (da molti invece ritenute solo parodia del patriarcato[20][21]) di Valerie Solanas secondo cui i maschi sarebbero biologicamente inferiori alle donne e violenti per natura, il che richiederebbe un genericidio per consentire l'emergere di un "nuovo Übermensch Womon".[22]

L'autrice femminista bell hooks (pseudonimo di Gloria Jean Watkins) ha discusso della questione dell'"odio dell'uomo" durante il primo periodo di liberazione delle donne come reazione all'oppressione patriarcale e alle donne che hanno avuto brutte esperienze con gli uomini nei movimenti sociali non femministi. Ha anche criticato i filoni separatisti del femminismo come "reazionari" per aver promosso l'idea che gli uomini sarebbero intrinsecamente immorali, inferiori e incapaci di contribuire a porre fine all'oppressione sessista o beneficiare del femminismo[23][24]. In Feminism is For Everybody, Watkins lamenta il fatto che le femministe che hanno criticato il pregiudizio anti-maschio nei primi movimenti delle donne non abbiano mai attirato l'attenzione dei media e che "il nostro lavoro teorico critica la demonizzazione degli uomini considerati come il nemico non ha cambiato la prospettiva delle donne che erano anti-maschi". Watkins ha teorizzato in precedenza che questa demonizzazione avrebbe portato a una frattura non necessaria tra il movimento maschile e il movimento femminista[25].

Sebbene Watkins non nomini singole teoriche separatiste, la visione utopica della filosofa e teologa femminista Mary Daly di un mondo in cui uomini e donne eterosessuali sono stati eliminati è un esempio estremo di questa tendenza[26]. Daly sosteneva che l'uguaglianza sessuale tra uomini e donne non era possibile e che le donne, a causa delle loro capacità superiori, dovrebbero governare gli uomini[27]. Ancora più tardi, in un'intervista, Daly ha sostenuto "Se la vita deve sopravvivere su questo pianeta, ci deve essere una decontaminazione della Terra. Penso che questo sarà accompagnato da un processo evolutivo che porterà a una drastica riduzione della popolazione di maschi"[28]. Lo stesso scenario è stato sostenuto dalla consigliera socialista, attivista femminista spagnola Vera Aurelia, la quale ha proposto una castrazione di massa degli uomini.[29]

Paul Nathanson e la professoressa di scienze delle religioni all'università McGill Katherine K. Young hanno sostenuto che il "femminismo ideologico" in contrapposizione al "femminismo egualitario" ha imposto misandria alla cultura[30]. Il loro libro del 2001, Spreading Misandry, analizzava "manufatti e produzioni culturali pop degli anni '90", dai film ai biglietti di auguri per quelli che consideravano messaggi pervasivi di odio verso gli uomini[31]. Legalizing Misandry (2005), il secondo della serie, ha prestato una simile attenzione alle leggi del Nord America[32]. Anche gli attivisti per i diritti degli uomini e altri gruppi mascolinisti hanno spesso criticato le leggi moderne in materia di divorzio, violenza domestica e stupro come esempi di misandria istituzionale[33][34].

Wendy McElroy, una femminista individualista[35], scrisse nel 2001 che alcune femministe "hanno ridefinito la visione del movimento del sesso opposto" come "una rabbia calda verso gli uomini [che] sembra essersi trasformata in un odio freddo"[36]. Ha sostenuto che è una posizione errata considerare gli uomini come una classe di irriformabili o stupratori.

In un articolo del 2016, la scrittrice e giornalista Cathy Young ha descritto un "attuale ciclo di misandria" nel femminismo[37]. Questo ciclo, spiega, include l'uso del termine "mansplaining" e altri neologismi che usano "man" (uomo) come prefisso dispregiativo[37]. Il termine "mansplaining", secondo la scrittrice femminista Rebecca Solnit, è stato coniato poco dopo l'apparizione nel 2008 del suo saggio Men Explain Things to Me[38].

Il professore di sociologia ed autore Anthony Synnott ha proposto il concetto secondo cui la misandria è ulteriormente alimentata e generata dalla misoginia e che il concetto di sfida alla misandria può essere visto come opposizione al femminismo[3]. A causa del numero crescente di club esclusivamente per donne e di campagne per l'emancipazione femminile, Synnott afferma che ciò può causare un ambiente di esclusione maschile e disprezzo degli uomini[39].

La giornalista e responsabile dei media del Partito Verde di Inghilterra e Galles Miranda Larbi ha affermato che le femministe dovrebbero fare uno sforzo maggiore per tentare di tenere la misandria fuori dal femminismo[40]. Secondo Larbi, i difetti del femminismo moderno includono la creazione di problemi come le molestie sessuali specifiche del genere e la valutazione delle esperienze maschili meno delle esperienze femminili, che Larbi afferma mini gli obiettivi e le intenzioni del femminismo[41].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ricerca | Garzanti Linguistica, su garzantilinguistica.it. URL consultato il 3 agosto 2020.
  2. ^ (EN) Home : Oxford English Dictionary, su oed.com. URL consultato il 3 agosto 2020.
  3. ^ a b (EN) Why Some People Have Issues With Men: Misandry, su Psychology Today. URL consultato il 3 agosto 2020.
  4. ^ Female equivalent of a misogynist, su lexico.com.
  5. ^ (EN) The Ambivalence Toward Men Inventory: Differentiating Hostile and Benevolent Beliefs About Men, in Psychology of Women Quarterly, vol. 23, 23 giugno 2016, pp. 519–536, DOI:10.1111/j.1471-6402.1999.tb00379.x.
  6. ^ P Glick, Bad but Bold: Ambivalent Attitudes Toward Men Predict Gender Inequality in 16 Nations, in Journal of Personality and Social Psychology, vol. 86, n. 5, May 2004, pp. 713–728, DOI:10.1037/0022-3514.86.5.713.
  7. ^ (EN) Are Feminists man Haters? Feminists' and Nonfeminists' Attitudes Toward Men, in Psychology of Women Quarterly, vol. 33, n. 2, 1º giugno 2009, pp. 216–224, DOI:10.1111/j.1471-6402.2009.01491.x.
  8. ^ a b (EN) Froma I. Zeitlin, Patterns of Gender in Aeschylean Drama: Seven against Thebes and the Danaid Trilogy, 1º aprile 1990. URL consultato il 3 agosto 2020.
  9. ^ (EN) Elin Schoen Brockman, In the Battle Of the Sexes, This Word Is a Weapon, su The New York Times, 25 luglio 1999. URL consultato il 25 settembre 2022.
  10. ^ (EN) Anthony Synnott, Re-Thinking Men: Heroes, Villains and Victims, Routledge, 8 aprile 2016, ISBN 978-1-317-06393-3.
  11. ^ (EN) Michael Flood, Judith Kegan Gardiner e Bob Pease, International Encyclopedia of Men and Masculinities, Routledge, 7 agosto 2007, ISBN 978-1-134-31707-3. URL consultato il 3 agosto 2020.
  12. ^ Emphasis added. Julie M. Thompson, Mommy Queerest: Contemporary Rhetorics of Lesbian Maternal Identity, (Amherst: University of Massachusetts Press, 2002).
  13. ^ (EN) Nancy Kang, To Love and Be Loved: Considering Black Masculinity and the Misandric Impulse in Toni Morrison's Beloved, in Callaloo, vol. 26, n. 3, 22 agosto 2003, pp. 836–854, DOI:10.1353/cal.2003.0092. URL consultato il 3 agosto 2020.
  14. ^ Harry Brod, 19. Of Mice and Supermen: Images of Jewish Masculinity, in Gender and Judaism: The Transformation of Tradition, NYU Press, 1995, pp. 279–294, ISBN 9780814774533.
  15. ^ (EN) French book I Hate Men sees sales boom after government adviser calls for ban, su the Guardian, 8 settembre 2020. URL consultato il 30 settembre 2022.
  16. ^ (ES) Pauline Harmange: misándrica y censurada por el ministerio de Igualdad galo, su El Independiente, 27 novembre 2020. URL consultato il 26 agosto 2021.
  17. ^ (EN) Christina Hoff Sommers, What’s Wrong and What’s Right with Contemporary Feminism? (PDF), su aei.org, 19 novembre 2008. URL consultato il 25 settembre 2022 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
  18. ^ [1]
  19. ^ (EN) "Daring to be bad" : radical feminism in America, 1967-1975 : Echols, Alice : Free Download, Borrow, and Streaming, su Internet Archive. URL consultato il 3 agosto 2020.
  20. ^ Ginette Castro, "American feminism: a contemporary history",1990 NYU Press,a pg 73, ISBN 081471448X
  21. ^ Laura Winkiel, in Patricia Smith's "The queer sixties", 1999 Taylor & Francis, Inc., a pg 68, ISBN 0415921686
  22. ^ Andrea Dworkin, Biological Superiority: The World's Most Dangerous and Deadly Idea (PDF), in Heresies: A Feminist Publication on Art and Politics, No. 2, vol. 2, #6, Estate 1978, p. 46, ISSN 0146-3411 (WC · ACNP). URL consultato il 12 maggio 2015.
  23. ^ hooks, bell. (1984), Feminist Theory: From Margin to Center, South End Press; Boston.
  24. ^ hooks, bell. (2005), The Will To Change: Men, Masculinity and Love, New York; Washington Square Press
  25. ^ hooks, bell. Feminist Theory from Margin to Center. Boston, MA: South End, 1984. Print.
  26. ^ Daly, Mary. (1998), Quintessence...Realizing The Archaic Future, Beacon Press; Boston.
  27. ^ Daly, Mary. (1990), Gyn/Ecology: The Metaethics of Radical Feminism, Boston, Mass.: Beacon Press, pp. 384 & 375–376
  28. ^ Ridle, Susan (Fall/Winter 1999). "No Man's Land". EnlightenNext Magazine
  29. ^ (EN) A socialist councilor proposes the castration of newborns to a class of adolescent students, su Counting Stars. URL consultato il 26 agosto 2021.
  30. ^ Asian Religion and Ethics Unit - Professor Katherine Young, su web.archive.org, 7 gennaio 2008. URL consultato il 3 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2008).
  31. ^ (EN) Paul Nathanson e Katherine K. Young, Spreading Misandry: The Teaching of Contempt for Men in Popular Culture, McGill-Queen's Press - MQUP, 16 ottobre 2001, ISBN 978-0-7735-2272-5. URL consultato il 3 agosto 2020.
  32. ^ (EN) Paul Nathanson e Katherine K. Young, Legalizing Misandry: From Public Shame to Systemic Discrimination Against Men, McGill-Queen's Press - MQUP, 2006, ISBN 978-0-7735-5999-8. URL consultato il 3 agosto 2020.
  33. ^ Noah Berlatsky, When Men Experience Sexism, su The Atlantic, The Atlantic Monthly, 29 maggio 2013.
  34. ^ (EN) Anne Thériault, The Myth of Misandry, su Ravishly Media Company, Ravishly.com. URL consultato l'8 novembre 2018.
  35. ^ (EN) Wendy McElroy, su Independent Institute. URL consultato il 25 settembre 2022.
  36. ^ McElroy, Wendy (2001). Sexual Correctness: The Gender-Feminist Attack on Women. Harper Paperbacks. New York: McFarland & Company. ISBN 978-0-7864-1144-3. Pag. 5.
  37. ^ a b (EN) Cathy Young, Feminists treat men badly. It’s bad for feminism., su The Washington Post, 30 giugno 2016. URL consultato il 25 settembre 2022.
  38. ^ (EN) Men explain things to me : Solnit, Rebecca, author : Free Download, Borrow, and Streaming, su Internet Archive. URL consultato il 3 agosto 2020.
  39. ^ (EN) Misandry AND Misogyny, su Psychology Today. URL consultato il 3 agosto 2020.
  40. ^ (EN) Miranda Larbi, In 2018, we need to make more of an effort to keep misandry out of feminism, su Metro, 17 dicembre 2017. URL consultato il 25 settembre 2022.
  41. ^ (EN) For the Love of God…Respect Men!, su Foundations of Truth, 9 novembre 2019. URL consultato il 25 settembre 2022.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paul Nathanson, Katherine R. Young, Spreading Misandry: The Teaching of Contempt for Men in Popular Culture, Montreal, McGill Queen's University Press, 2006, ISBN 0-7735-3099-1.
  • Paul Nathanson, Katherine R. Young, Legalizing Misandry: From Public Shame to Systemic Discrimination Against Men, Montreal, McGill Queen's University Press, 2006, ISBN 0-7735-2862-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh89000857 · GND (DE4243642-4 · BNF (FRcb14517309d (data) · J9U (ENHE987007539216005171