Femminismo individualista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il femminismo individualista, chiamato anche femminismo libertario, è l'ideale femminista che enfatizza l'individuo come protagonista delle rivendicazioni.[1]

Generale[modifica | modifica wikitesto]

Le femministe individualiste tentano di cambiare i sistemi giuridici per eliminare i privilegi di classe e i privilegi di genere e per garantire che gli individui abbiano uguali diritti, inclusa un'eguale rivendicazione legale per le loro stesse persone e proprietà. Il femminismo individualista incoraggia le donne ad assumersi la piena responsabilità della propria vita. Si oppone inoltre a qualsiasi interferenza governativa nelle scelte che gli adulti fanno con il proprio corpo perché, sostiene, tale interferenza crea una gerarchia coercitiva (come il patriarcato).[2] Uno dei temi centrali del femminismo individualista ruota attorno al Movimento dell'Amore Libero, che indica che le scelte sessuali di una donna dovrebbero essere fatte da lei per lei, piuttosto che dai regolamenti del governo.[3]

Il femminismo individualista è stato lanciato per fare appello alle "donne più giovani... di una generazione più conservatrice"[4] e include concetti di Rene Denfeld e Naomi Wolf, essenzialmente che "il femminismo non dovrebbe più riguardare soluzioni comuni ai problemi comuni ma soluzioni individuali per problemi individuali ",[4] e concetti di Wendy McElroy e in particolare di Joan Kennedy Taylor.

L'Association of Libertarian Feminists, fondata nel 1973 da Tonie Nathan, la candidata al vicepresidente del partito libertario nel 1972, è uno dei numerosi tipi di organizzazioni femministe individualiste.[1] Ci vuole un forte sostegno anti-governativo e favorevole alla scelta.[5][6] Altre organizzazioni femministe libertarie includono la Ladies of Liberty Alliance,[7] Feminists for Liberty, e il defunto Mother's Institute,[8] che includeva Madri per la libertà (gruppi di incontro).[9]

Wendy McElroy e Christina Hoff Sommers definiscono il femminismo individualista in opposizione a quello che chiamano femminismo politico o di genere.[10][11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b About ALF - The Association of Libertarian Feminists, su alf.org, 28 agosto 2009. URL consultato il 26 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2009).
  2. ^ McElroy, Wendy, ed. (2002). Liberty for women: freedom and feminism in the twenty-first century. Chicago: Ivan R. Dee. ISBN 9781566634359. Kennedy Taylor, Joan (1992). Reclaiming the mainstream: individualist feminism rediscovered. Buffalo, N.Y: Prometheus Books. ISBN 9780879757175. Kennedy Taylor, Joan (1999). What to do when you don't want to call the cops: a non-adversarial approach to sexual harassment. London New York: New York University Press. ISBN 9780814782323.
  3. ^ (EN) Individualist Feminism: The Lost Tradition | Wendy McElroy, 1º agosto 1998. URL consultato il 26 maggio 2018.
  4. ^ a b Siegel, Deborah (2007). "Postfeminist panache". In Siegel, Deborah. Sisterhood, interrupted: from radical women to grrls gone wild (1st ed.). New York: Palgrave Macmillan. pp. 123 and 122–124 & nn. 32–34. ISBN 9781403982049.
  5. ^ ALF Paper: Government Is Women's Enemy, su alf.org, 26 dicembre 2008. URL consultato il 26 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2008).
  6. ^ The Right to Abortion: A Libertarian Defense, su alf.org, 25 dicembre 2008. URL consultato il 26 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2008).
  7. ^ (EN) LOLA ★ Ladies of Liberty Alliance, su ladiesofliberty.org. URL consultato il 26 maggio 2018.
  8. ^ The Mothers Institute: About Us, su themothersinstitute.org, 29 febbraio 2012. URL consultato il 26 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 29 febbraio 2012).
  9. ^ The Mothers Institute, su themothersinstitute.org, 22 maggio 2009. URL consultato il 26 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 22 maggio 2009).
  10. ^ McElroy, Wendy, ed. (2002). Liberty for women: freedom and feminism in the twenty-first century. Chicago: Ivan R. Dee. p. 14. ISBN 9781566634359.
  11. ^ Hoff Sommers, Christina (1995). Who Stole Feminism? How Women Have Betrayed Women. New York: Touchstone/Simon & Schuster. ISBN 9780684801568.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]