Christina Hoff Sommers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Christina Hoff-Sommers

Christina Hoff-Sommers (Petaluma, 28 settembre 1950) è una saggista statunitense che si occupa di cultura, adolescenza e moralità nella società americana.

Il suo libro più noto al grande pubblico è Who Stole Feminism?: How Women Have Betrayed Women. La Sommers si considera all'interno della corrente femminista americana.

Visione Politica[modifica | modifica wikitesto]

Christina Hoff Sommers opera una distinzione tra "femminismo di genere" (gender feminism) e "femminismo di uguaglianza" (equity feminism). Vede il primo rappresentato principalmente all'interno delle università americane e focalizzato nella realizzazione di un cambiamento più o meno radicale dei ruoli di genere e nella demolizione del "patriarcato". Il "femminismo di uguaglianza" (nel quale ella si identifica) rivendica, invece, la sola parità di diritti e di opportunità per i due sessi. La Sommers ritiene che la maggior parte delle donne americane si consideri soddisfatta dei risultati ottenuti dal femminismo negli ultimi trenta anni, sebbene alcuni passi verso una effettiva uguaglianza possano e debbano essere intrapresi.

La Sommers ritiene che il femminismo di uguaglianza non sia la voce più "rumorosa" all'interno della corrente femminista. Riferendosi a numerose conferenze sul "femminismo di genere" a cui ha partecipato, rileva che il principale problema del "femminismo di genere" consiste nel presentare le donne come fragili e soggette a manipolazioni mentali da parte degli uomini. In maniera abbastanza simile a Daphne Patai, è convinta che l'attuale femminismo di genere americano sia eccessivamente focalizzato sull'aspetto sessuale del rapporto uomo-donna. In particolare, non condivide la visione che l'egemonia maschile si realizzi attraverso una eterosessualità compulsoria imposta dal patriarcato a scapito delle donne.

Nel suo libro Who Stole Feminism?, descrive come il movimento femminista si sia spostato verso posizioni estreme rinnegando i principi ispiratori originari di uguaglianza dei due sessi.

Bibliografia selettiva[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Articoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1988, "Should the Academy Support Academic Feminism?" Public Affairs Quarterly 2 (1988): 97-120.
  • 1990, "The Feminist Revelation" Social Philosophy and Policy 8, no. 1 (1990): 152-57.
  • 1990, "Do These feminists Like Women?," Journal of Social Philosophy 21, 2 (Fall 1990): 66-74

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • 1984, Vice & Virtue in Everyday Life: Introductory Readings in Ethics. Co-edited with Robert J. Fogelin for the 2nd and 3rd editions, and with Fred Sommers for the 4th and subsequent editions. ISBN 0155948903.
  • 1986, Right and Wrong: Basic Readings in Ethics. Co-edited with Robert J. Fogelin. ISBN 0-15-577110-8.
Controllo di autorità VIAF: (EN50628490 · LCCN: (ENn84122413 · ISNI: (EN0000 0001 1062 0703 · GND: (DE1048024245 · BNF: (FRcb162287803 (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie