Mauro Di Cicco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mauro Di Cicco
Mauro Di Cicco.jpg
Di Cicco al Palermo nel 1981
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1986 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??Sora
Squadre di club1
1969-1972Sora61 (2)
1972-1973Puteolana34 (0)
1973-1976SPAL19 (0)
1976-1984Palermo248 (0)
1984-1986Pescara45 (0)
Carriera da allenatore
1989-1990Mazara
1996-1997Mazara
2000-2001PalermoPrimavera
2001-2002PalermoVice
2002-2003RegginaVice
2003-2006[1]MessinaVice
2007-2008[2]ModenaVice
2008-2009[3]SalernitanaVice
2010AtalantaVice
2011BariVice
2011-2012PalermoVice
2013-2014PadovaVice
2015-2016LivornoColl. tecnico
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 25 novembre 2015

Mauro Di Cicco (San Vincenzo Valle Roveto, 1º aprile 1952) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver giocato con Sora e Puteolana in Serie D, nell'estate 1973 passa alla SPAL dove resta per 3 stagioni in Serie B, riuscendo a emergere in prima squadra (con l'eccezione di una presenza nell'annata Serie B 1974-1975) solamente nell'ultimo anno trascorso a Ferrara.

Viene quindi ceduto al Palermo, di cui diviene una delle bandiere del periodo a cavallo fra anni settanta e anni ottanta, disputando 8 campionati cadetti e giocando nella stagione 1978-1979 la finale di Coppa Italia persa per 2-1 contro la Juventus.[4]

Di Cicco (accosciato, primo da destra) in rosanero nel 1979, prima della finale di Coppa Italia a Napoli contro la Juventus.

Nel 1984 passa al Pescara per disputare altre due stagioni in B prima di chiudere la carriera agonistica. In carriera ha totalizzato complessivamente 312 presenze fra i cadetti, senza riuscire mai ad andare a segno.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Di Cicco ha allenato inizialmente a livello dilettantistico il Mazara nella stagione 1988-1989 (Serie D)[5] e successivamente nella stagione 1996-1997 (campionato di Eccellenza), ottenendo la promozione nella categoria superiore in quest'ultima occasione.[6]

Nella stagione 2000-2001 ha allenato la Primavera rosanero, mentre dal giugno del 2001 è divenuto il vice allenatore di Bortolo Mutti, iniziando questa esperienza proprio dal Palermo.[7]

Da gennaio del 2010 fino al 15 giugno è stato vice allenatore di Mutti all'Atalanta.[8] Resta fermo fino al successivo 11 febbraio 2011 quando segue Mutti al Bari sempre in qualità di vice. Dal 19 dicembre 2011 e fino a fine stagione è vice di Mutti al Palermo: per lui si tratta di un ritorno sia come ex calciatore che come ex allenatore.

Il 28 settembre 2013, sempre con Bortolo Mutti, siede sulla panchina del Padova in Serie B, sempre in qualità di vice.[9] Il 2 febbraio 2014 viene sollevato dall'incarico assieme a Bortolo Mutti, Gianni Piacentini e Ruben Scotti.[10]

Il 25 novembre 2015 diventa collaboratore tecnico del Livorno, seguendo anche in questo caso Mutti.[11]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia: 1996-1997

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Messina, squadra decimata ma Mutti suona la carica ricerca.repubblica.it
  2. ^ cfr. Archiviato il 2 settembre 2007 in Internet Archive. Modenafc.net
  3. ^ Salernitana 2008-2009 Salernocitta.com
  4. ^ Juventus-Palermo 2-1 Gazzetta.it
  5. ^ "Profondo azzurro" - Palmeri, il giustiziere[collegamento interrotto] Marsalasport.it
  6. ^ Iacono alla guida del Mazara Calcio Eccellenza. La società ufficializza il tecnico, incerto il futuro di Cavataio Mazaraonline.it
  7. ^ Di Cicco promosso 'vice', Ammirata alla Primavera ricerca.repubblica.it
  8. ^ L'Atalanta verso il futuro. Lunedì si riparte da Mutti[collegamento interrotto] Ecodibergamo.it
  9. ^ Ore 14.30, presentazione allo Stadio Euganeo di Bortolo Mutti e il suo staff Archiviato il 2 ottobre 2013 in Internet Archive. padovacalcio.it
  10. ^ Interrotto il rapporto di collaborazione con mister Mutti, Padovacalcio.it, 2 febbraio 2014. URL consultato il 2 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2014).
  11. ^ Livorno, reso noto lo staff che lavorerà con Mutti tuttomercatoweb.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]