Maurizio Di Vincenzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maurizio Di Vincenzo al Romics 2013

Maurizio Di Vincenzo (Teramo, 7 maggio 1958) è un fumettista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Firma di Maurizio di Vincenzo

Si diploma all'Accademia di Belle Arti (Corso di Pittura), diventando professionista nel 1985. Tra il 1985 e il 1986 realizza alcune illustrazioni per L'Eternauta,Tilt, Boy Comics, Pupa, Fichissimo. A partire dal 1987 disegna anche per Skorpio, Lanciostory e Intrepido. Fa seguito,nel 1992 la collaborazione con Peppe Ferrandino, pubblicata su Comic Art dal titolo “Udo di Acquascura”.

Di Vincenzo partecipa quindi all'avventura di Nero (con la storia “La Chiesa trionfante”) e collabora, sempre per la Granata Press,alla serie de La Bionda, personaggio di Franco Saudelli 1993. Tempo dopo, disegna il nº 0 di Rivan Ryan ed entra nello staff di ESP, edito dalla casa esitrice Universo[1]. Per la serie ideata da Michelangelo La Neve, Di Vincenzo realizza due albi: il nº 4 (“Voci lontane”) e il nº 13 (“Il cavaliere infinito”).

Nel 2008, vede la luce “Rangaku", un insolito noir ambientato nel Giappone del XVII secolo, scritto da Luca Enoch, e pubblicato per il mercato francese dalla casa editrice Les Humanoïdes Associés.

In occasione del Cartoomics 2014 gli è stato conferito il premio Grouchino d'oro, come Miglior Disegnatore della Serie Regolare 2013 di Dylan Dog.[2]

Attualmente Di Vincenzo è uno dei disegnatori di Dylan Dog.

Di Vincenzo vive a Roma, dove lavora come insegnante della Scuola Romana dei Fumetti, della quale, è stato direttore della succursale di Pescara dal 1996 al 2000. [3][4]

Dal 2019, assieme a Valerio Piccioni ed Emiliano Tanzillo, realizza le copertine della serie Samuel Stern[5][6], edita dalla casa editrice Bugs Comics.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Serie Dylan Dog

Serie Magico Vento

Altre pubblicazioni

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61858213 · ISNI (EN0000 0000 0238 5064 · SBN IT\ICCU\RAVV\077332 · BNF (FRcb155217260 (data) · BNE (ESXX5632327 (data) · WorldCat Identities (ENviaf-61858213