Massacro di Wounded Knee

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Massacro di Wounded Knee
DeadBigfoot.jpg
Cadavere del capo Piede Grosso nella neve
Data29 dicembre 1890
StatoStati Uniti Stati Uniti
Coordinate43°08′27.85″N 102°21′46.12″W / 43.14107°N 102.36281°W43.14107; -102.36281Coordinate: 43°08′27.85″N 102°21′46.12″W / 43.14107°N 102.36281°W43.14107; -102.36281
ObiettivoIndiani
ResponsabiliSoldati americani
MotivazioneRivolta indiana
Conseguenze
Morti300

Il massacro di Wounded Knee è il nome con cui è passato alla storia un eccidio di Miniconjou, un gruppo di Lakota Sioux, da parte dell'esercito degli Stati Uniti d'America, avvenuto nell'ambito delle guerre sioux e commesso il 29 dicembre 1890 nella valle del torrente Wounded Knee.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Negli ultimi giorni del dicembre 1890, la tribù di Miniconjou guidata da Piede Grosso, alla notizia dell'assassinio di Toro Seduto, partì dall'accampamento sul torrente Cherry per recarsi a Pine Ridge, sperando nella protezione di Nuvola Rossa.

Il 28 dicembre furono intercettati da quattro squadroni di cavalleria Settimo Reggimento guidato dal maggiore Samuel Whitside, che aveva l'ordine di condurli in un accampamento di cavalleria sul Wounded Knee. 120 uomini e 230 tra donne e bambini furono portati sulla riva del torrente, accampati e circondati da due squadroni di cavalleria e sotto tiro di due mitragliatrici.

Il comando delle operazioni fu preso dal colonnello James Forsyth e l'indomani gli uomini di Piede Grosso, ammalato gravemente a causa di una polmonite, furono disarmati. Coyote Nero, un giovane Miniconjou sordo, tardò a deporre la sua carabina Winchester, fu circondato dai soldati e, mentre deponeva l'arma, partì un colpo a cui seguì un massacro indiscriminato. Il campo venne falciato dalle mitragliatrici e i morti accertati furono 153. Secondo una stima successiva, dei 350 Miniconjou presenti ne morirono quasi 300.

Venticinque soldati furono uccisi, alcuni forse vittime accidentali dei loro compagni. Dopo aver messo in salvo i soldati feriti, un distaccamento tornò sul campo dove furono raccolti 51 indiani ancora vivi, 4 uomini e 47 tra donne e bambini. Trasportati a Pine Ridge, furono in seguito ammassati in una chiesetta ove (era periodo natalizio) si poteva leggere la scritta:

«Pace in terra agli uomini di buona volontà.»

A Wounded Knee, sul cartello rosso dove si può leggere la storia del massacro, è riportata la scritta Massacre of Wounded Knee. La scritta massacre venne aggiunta sopra la vecchia scritta Battle in quanto inizialmente venne dato il nome di battaglia di Wounded Knee e, spesso, viene tuttora riportata e ricordata come ultimo scontro armato tra nativi e Governo.[1]

Influenze culturali[modifica | modifica wikitesto]

Sia autori letterari sia compositori musicali hanno realizzato opere che, in qualche passaggio o nella loro interezza, citano o trattano di questo massacro che è sicuramente uno dei maggiori compiuti contro i nativi americani durante le guerre per la conquista dei loro territori.

Si ricordano qui:

La questione delle medaglie d'onore[modifica | modifica wikitesto]

In occasione della campagna militare del 1890 in cui avvenne il massacro, vennero insigniti venti soldati che vi avevano partecipato della medaglia d'onore, la massima onorificenza conferita dall'esercito degli Stati Uniti. Nel 2001 il Congresso Nazionale degli Indiani d'America emanò due risoluzioni che condannavano la consegna di queste medaglie, soprannominate da alcuni attivisti le "medaglie del disonore".[2]

Nel giugno del 2019 una rappresentanza di nove nativi lakota, tra cui diversi discendenti dei sopravvissuti al massacro, si è recata al Campidoglio per chiedere nuovamente la revoca delle venti medaglie d'onore (Remove the Stein Act).[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) US army massacres Sioux at Wounded Knee Archiviato il 12 maggio 2019 in Internet Archive.. History.
  2. ^ (EN) Lakota~WOUNDED KNEE: A Campaign to Rescind Medals: Topic, pictures and information - Fold3.com, su Fold3. URL consultato il 25 giugno 2019.
  3. ^ (EN) Alexus Davila, Descendants of Wounded Knee Massacre go to the Capitol to revoke medals of honor, su www.kotatv.com. URL consultato il 25 giugno 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85148587