Mario Argento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mario Argento
Mario Argento.jpg
Argento in veste di arbitro nel 1928
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Carriera
Squadre di club1
19??-19??Sportiva Napoli? (?)
1912-1913Naples3 (0)
1913-1915Internazionale Napoli6 (0)
1919Internazionale Napoli? (?)
1919-1920Naples1 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'8 febbraio 1920
Mario Argento
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Federazione Italia AIA
Sezione Napoli
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1920-1922
1922-1926
1926-1928
Prima Categoria
Prima Divisione
Prima Divisione
Arbitro
Arbitro
Arbitro
Premi
Anno Premio
1949 Pioniere del calcio italiano

Mario Argento (1895 – ...) è stato un calciatore, arbitro di calcio, dirigente sportivo, giornalista, ciclista[1], schermidore[1] , podista[1] e pioniere del calcio italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il Palazzetto dello sport della città di Napoli porta il suo nome, ma è in disuso dal 1998[2].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Fu un pioniere del calcio partenopeo, giocò nella Sportiva Napoli[3] una delle primissime compagini napoletane di inizio novecento. Nel 1912 gioca in Prima Categoria nelle file del Naples, dove colleziona 3 presenze[4]. L'anno seguente passa all'Internazionale Napoli dove resta per due stagioni, giocando ulteriori 6 gare in Prima Categoria[4]. Nel 1919 gioca la Coppa Reichlin con l'Internazionale Napoli[5] e poi ritorna al Naples, ancora in massima serie, dove gioca l'unica ed ultima partita l'8 febbraio 1920, contro il Pro Napoli[4].

Arbitro[modifica | modifica wikitesto]

Arbitrò diverse partite in massima serie negli anni venti, generalmente nel raggruppamento campano[4][6][7][8]. Arbitrò l'amichevole Puteolana-Lazio 1-1 del 28 marzo 1921[9]. Arbitro benemerito nel 1930[10], negli anni quaranta fu tra i sostenitori del professionismo arbitrale[11].

Giornalista[modifica | modifica wikitesto]

Abbandonati gli studi di medicina[12], si dedicò al giornalismo, dirigendo il settimanale sportivo Tutti gli Sports[13], inserto sportivo del Mattino di Napoli[13].

Dirigente[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1926-1927 fece parte della Commissione Tecnica del Napoli insieme a Felice Scandone[14][15]. Nell'agosto 1944 fu eletto Commissario Straordinario del CONI di Napoli[1] , mentre anni addietro fu consigliere della FIGC[1] e fu tra i Commissari della Nazionale[1] .

Nel 1948 in occasione del 50º anniversario della F.I.G.C. fu insignito del titolo di pioniere del calcio italiano.[16]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

A 14 anni fu insignito della Medaglia d'Argento al valore di Marina[17].

Onorificenze italiane[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'Argento al valore di Marina - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Argento al valore di Marina

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate all'8 febbraio 1920.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
19??-19?? Italia Sportiva Napoli ? ? ? ? ?
1912-1913 Italia Naples PC 3 0 3 0
1913-1914 Italia Internazionale Napoli PC 4 0 4 0
1914-1915 PC 2 0 2 0
1919 - - - CR 1+ 0+ 1+ 0+
Totale Internazionale Napoli 6 0 1+ 0+ 7+ 0+
1919-1920 Italia Naples PC 1 0 1 0
Totale Naples 4 0 4 0
Totale Carriera 10 0 1+ 0+ 11+ 0+

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Il dott. Mario Argento Commissario del Comitato del CONI di Napoli, Corriere dello Sport nr. 179 pag. 1, 22 agosto 1944. URL consultato il 12 novembre 2014.
  2. ^ Mario Canfora, Napoli, lo scandalo PalArgento, Gazzetta dello Sport, 22 giugno 2006. URL consultato il 12 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2014).
  3. ^ Tramontano, pag. 4.
  4. ^ a b c d Tramontano, pag. 9.
  5. ^ Gaudino, Lubrano, pag. 119.
  6. ^ Tramontano, pag. 11.
  7. ^ Tramontano, pag. 12.
  8. ^ Tramontano, pag. 13.
  9. ^ Gaudino, Lubrano, pag. 31.
  10. ^ Arbitri benemeriti, Annuario Italiano del Giuoco del Calcio, vol. 3 pag. 132, 1932. URL consultato il 12 novembre 2014.
  11. ^ Professionismo arbitrale, Corriere dello Sport nr. 161 pag. 1, 5 luglio 1945. URL consultato il 12 novembre 2014.
  12. ^ Mario Argento. Una vita per lo sport, books.google.it. URL consultato il 12 novembre 2014.
  13. ^ a b Tutti gli sports, coninet.it. URL consultato il 12 novembre 2014.
  14. ^ Dal Naples Football Club all'Internaples, sscnapoli.it. URL consultato il 13 novembre 2014.
  15. ^ Varriale, pag. 15.
  16. ^ Bollettino ufficiale della FIGC, comunicato ufficiale n. 45 del 18 febbraio 1949. Con comunicato n. 46, al Palazzo Tursi di Genova il 27 febbraio 1949 furono consegnati i distintivi d'onore alle persone che avevano dato un contributo rilevante allo sviluppo del gioco del calcio in Italia nel periodo 1898-1914 (comprese le persone già decedute): 7 presidenti; 12 del Piemonte; 15 della Lombardia; 5 del Veneto; 6 della Liguria; 2 dell'Emilia, 4 della Toscana; 5 del Lazio; 2 della Campania; 2 delle Puglie; 1 della Sicilia.
  17. ^ Argento, pag. IV di copertina.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paola Argento, Mario Argento : una vita per lo sport, Napoli, Edizioni scientifiche italiane, 1995, ISBN 88-7104-943-8.
  • Elio Tramontano, Da Sallustro a Maradona 90 anni di storia del Napoli, Napoli, Edizioni Meridionali, 1984. ISBN non esistente
  • Enrico Varriale, Napoli 8½ il film degli 85 anni d'amore tra la città e la sua squadra, Argelato (BO), Minerva Edizioni, luglio 2011, ISBN 978-88-7381-381-1.
  • Gennaro Gaudino, Francesco Lubrano, Puteolana Storia-Iconografia-Emerografia-Statistiche dalle origini ad oggi, Monte di Procida, Tipolitografia Grafica Montese, dicembre 2007. ISBN non esistente

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]