March 881

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
March 881
Descrizione generale
Costruttore Regno Unito  March Engineering
Categoria Formula 1
Produzione 1988-1989
Squadra Leyton House March Racing Team
Progettata da Adrian Newey
Sostituisce March 871
Sostituita da March CG 891
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio monoscocca in fibra di carbonio
Motore Judd CV da 3,496 cc, 76º V8 longitudinale alle spalle del pilota
Trasmissione cambio manuale March 6 marce + RM
Altro
Carburante Mobil
BP
Pneumatici Goodyear
Risultati sportivi
Debutto Brasile Gran Premio del Brasile 1988
Piloti 15. Brasile Maurício Gugelmin
16. Italia Ivan Capelli
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
18 0 0 0
Campionati costruttori 0
Campionati piloti 0

La March 881 è la vettura con cui la scuderia Leyton House March Racing Team corse la stagione 1988 e parte della stagione 1989 del Campionato del Mondo di Formula 1. Guidata dal debuttante Maurício Gugelmin e da Ivan Capelli conquistò due podi con il pilota italiano. È stata inoltre la prima vettura di Formula 1 interamente progettata da Adrian Newey.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Una delle caratteristiche della 881 era la linea stretta e affusolata, in netto contrasto con le convenzionali March degli anni precedenti. In nome dell'efficienza aerodinamica, l'abitacolo era talmente stretto che Capelli vi entrava a malapena. Il motore era un Judd V8, il più veloce motore aspirato di quell'anno, l'unico in grado di poter affrontare i potenti turbo da 1000 CV delle squadre di vertice.

L'assetto era estremamente rigido. Questo era un vantaggio nelle piste con asfalto liscio, ma creava numerosi problemi ai piloti nelle piste dove l'asfalto era irregolare. Sul rettilineo del Casinò a Montréal le sollecitazioni erano talmente forti che Capelli spesso perdeva la vista per pochi istanti per il dolore causato dai sobbalzi della vettura. A Detroit invece, Capelli si fratturò un piede dopo aver perso il controllo a causa dei continui sobbalzi indotti dall'assetto rigido.

Carriera agonistica[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 1988 e Campionato mondiale di Formula 1 1989.

La carriera della 881 ha conosciuto alcuni acuti degni di nota, ma il più delle volte è stata frenata dalla scarsa affidabilità del motore. Nel 1988, dopo alcuni ritiri e piazzamenti nelle retrovie, i primi punti arrivarono al GP del Canada con il 5º posto di Ivan Capelli. Altri punti vennero dai GP di Gran Bretagna, Germania e Ungheria. In Belgio Capelli arrivò 4° ma a fine stagione il suo piazzamento venne trasformato in un 3º posto a causa della squalifica delle Benetton per benzina irregolare. In Portogallo arrivò il primo podio sempre da Ivan Capelli che si piazzò secondo dietro a Prost. In Spagna Capelli è invece costretto al ritiro per la rottura del motore mentre si trovava in terza posizione. In Giappone, sempre il solito Capelli si trova a duellare con Prost e conduce addirittura la gara per pochi giri prima di ritirarsi nuovamente a causa di noie al motore. La 881 si presenta al via anche del Mondiale 1989 in quanto la nuova CG 891 non è ancora pronta. Alla prima gara Guglielmin conquista subito un terzo posto che frutta alla squadra i primi ed unici 4 punti di quella stagione. Infatti, la nuova CG 891 si rivelerà estremamente fragile e nel resto della stagione collezionerà una serie di ritiri e piazzamenti poco significativi.

Risultati Completi[modifica | modifica wikitesto]

1988 Squadra Gomme Piloti BRA
Brasile
SMR
San Marino
MON
Monaco
MEX
Messico
CAN
Canada
DET
Stati Uniti
FRA
Francia
GBR
Regno Unito
GER
Germania
HUN
Ungheria
BEL
Belgio
ITA
Italia
POR
Portogallo
ESP
Spagna
JPN
Giappone
AUS
Australia
Punti WCC
Regno Unito Leyton House March Racing Team G 15. Brasile Maurício Gugelmin Rit 15 Rit Rit Rit Rit 8 4 8 5 Rit 8 Rit 7 10 Rit 5 6
16. Italia Ivan Capelli Rit Rit 10 16 5 NP 9 Rit 5 Rit 3 5 2 Rit Rit 6 17
1989 Squadra Gomme Piloti BRA
Brasile
SMR
San Marino
MON
Monaco
MES
Messico
USA
Stati Uniti
CAN
Canada
FRA
Francia
GBR
Regno Unito
GER
Germania
UNG
Ungheria
BEL
Belgio
ITA
Italia
POR
Portogallo
SPA
Spagna
GIA
Giappone
AUS
Australia
Punti WCC
Regno Unito Leyton House March Racing Team G 15. Brasile Mauricio Gugelmin 3 Rit 4 12
16. Italia Ivan Capelli Rit Rit 0

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Guido Schittone, Quando Adrian fece follie alla Leyton House, in Autosprint, n° 20 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1