Luciano Ciocchetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luciano Ciocchetti
Luciano Ciocchetti.jpg

Vicepresidente della Regione Lazio
Durata mandato 16 aprile 2010 –
24 settembre 2012
Presidente Renata Polverini
Predecessore Esterino Montino
Successore Massimiliano Smeriglio

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XII, XV, XVI (Fino al 15/09/2010)
Gruppo
parlamentare
XII:
- Centro Cristiano Democratico

XV:
- UDC (Unione dei Democratici Cristiani e dei Democratici di Centro)

XVI:
- Unione di Centro

Circoscrizione XII - XV:
Lazio 1

XVI:
Lazio 2

Collegio XII:
3 (Roma-Ardeatino)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Direzione Italia (Dal 2017)
In precedenza:
DC (Fino al 1994)
CCD (1994-2002)
UDC (2002-2013)
IpP (2013-2014)
FI (2014-2016)
CoR (2016-2017)
Titolo di studio Diploma di Liceo Scientifico
Professione Giornalista

Luciano Ciocchetti (Roma, 3 marzo 1958) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Inizia l'attività politica nella Democrazia Cristiana.

Nel 1981 viene eletto consigliere della XII Circoscrizione occupandosi di servizi rivolti alla persona: sport, servizi sociali, ambiente e opere pubbliche. Eletto consigliere comunale di Roma, dal 1989 al 1993, lavora in commissione servizi sociali.

Consigliere comunale a Roma[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1997 viene eletto consigliere comunale di Roma e nominato Presidente della Commissione Consiliare Politiche Sociali, Servizi alla Persona e alla Sanità.

Consigliere regionale del Lazio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 Luciano Ciocchetti arriva al consiglio regionale del Lazio prima come capogruppo e poi come assessore all'urbanistica e casa. Nel 2005 viene rieletto consigliere regionale dell'Unione dei Democratici Cristiani e di Centro e poi segretario regionale.

Elezione a deputato[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 1994 viene eletto alla Camera dei Deputati nel collegio uninominale di Roma-Ardeatino sostenuto dal Polo del Buon Governo (in quota CCD). Durante la XII Legislatura si è occupato di proposte di legge a favore dei servizi alla persona, dello sport e lo sviluppo del territorio regionale del Lazio.

Alle elezioni politiche del 2006 è rieletto alla Camera dei Deputati.

Nel 2008 viene candidato a sindaco di Roma per l'UDC che corre da solo mettendo al centro del suo programma la lotta al degrado, alla criminalità, al commercio abusivo, ma viene sconfitto ottenendo il 3,1%. Rieletto alla Camera dei Deputati per la terza volta.

Vice Presidente della Regione Lazio[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 marzo 2010 il Presidente della Regione Lazio Renata Polverini nomina Ciocchetti Vicepresidente della Regione Lazio e Assessore alle Politiche del Territorio e dell'Urbanistica.

Il 24 settembre 2012 in seguito alle dimissioni della Polverini dalla Presidenza della Regione Lazio decade da tutti gli incarichi insieme all'intera Giunta.

Aderisce allora alla rinata Forza Italia per cui è candidato alle Elezioni europee del 2014 nella circoscrizione Italia centrale, ma con 25.434 voti non viene eletto.

A luglio 2015, infine, abbandona Forza Italia per aderire al nuovo partito di Raffaele Fitto Conservatori e Riformisti.

Alle elezioni politiche del 2018 è candidato alla Camera dei Deputati, nel collegio uninominale Roma 1 (Trionfale-Trastevere-Flaminio) sostenuto dalla coalizione di centro-destra (in quota Noi con L'Italia), dove si sfida con il Premier uscente Paolo Gentiloni (PD/cento-sinistra), ma non viene eletto in quanto sconfitto da Gentiloni.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]