Lago Sirino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
lago Sirino
Lago Sirino.jpg
Stato Italia Italia
Regione Basilicata Basilicata
Provincia Potenza Potenza
Comune Nemoli
Coordinate 40°05′32.89″N 15°48′31.55″E / 40.092469°N 15.808765°E40.092469; 15.808765Coordinate: 40°05′32.89″N 15°48′31.55″E / 40.092469°N 15.808765°E40.092469; 15.808765
Altitudine 788 m s.l.m.
Dimensioni
Superficie 0,05 km²
Profondità massima 9 m
Mappa di localizzazione: Italia
lago Sirino
lago Sirino

Il lago Sirino è un piccolo bacino idrico naturale della Basilicata posto in una dolina carsica alle falde della vetta omonima ad un'altitudine di 788 metri sul livello del mare.

Il lago, di forma leggermente ellittica, è forse l'ultimo residuo del grande lago pleistocenico che occupava la valle del Noce. Lo specchio d'acqua, anticamente molto più esteso degli attuali cinque ettari dei periodi di piena invernale, in epoca preistorica occupava il bacino lacustre del Noce, lungo l'attuale corso del fiume e si allargava a monte della cittadina di Nemoli giungendo a Lauria; da qui, passando per Trecchina, girava attorno alle falde del monte Coccovello e ai rilievi montuosi adiacenti[1]. Il fondale e le sponde del lago sono costituite da calcari con noduli di selce risalenti al Triassico e da diaspri policromi prevalentemente di colore rosso, grigio, marroncino e bianco, detti scisti silicei, del periodo Giurassico[2]. Il bacino è alimentato da sorgenti perenni e non ha un emissario visibile. La ricca flora che lo circonda è contraddistinta da ontani, olmi, castagni, pioppi, diverse specie di conifere e vegetazione palustre. Le sue acque sono popolate da una variegata fauna ittica formata da trote iridee, anguille, capitoni, cavedani, persici reali, tinche, carpe, alborelle ed altri anfibi[3]. Rientra nel territorio del Parco nazionale dell'Appennino Lucano-Val d'Agri-Lagonegrese[4].

In epoca feudale apparteneva all'università di Rivello; nel 1834 è passato poi nella giurisdizione di Nemoli, diventato nello stesso anno comune autonomo e indipendente da Rivello. Negli ultimi anni si sono verificati alcuni episodi di dissesto idrogeologico, caratterizzati anche dall'apertura di voragini di entità considerevole che hanno provocato l'abbassamento del livello delle acque, tali da suscitare preoccupazione tra gli abitanti della frazione omonima e all'interno dell'amministrazione comunale[5].

Sulle sue rive si va sviluppando qualche iniziativa turistica e sorgono alcuni esercizi commerciali raggiungibili in breve tempo dall'autostrada A3 Napoli–Reggio Calabria (Lagonegro Nord/Sud e Lauria Nord), che lo sovrasta, attraverso la Strada provinciale ex Strada statale 19 delle Calabrie passante da sud per la frazione di Pecorone di Lauria. Lungo il perimetro del lago è presente una stradina di 1 km indicata come ciclostrada[6]; nelle immediate vicinanze c'è anche un'area camper[7].

Lago Sirino (Nemoli) - panoramio.jpg

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Da Potenza a Castrovillari, in Basilicata Calabria, Milano, Touring Club Italiano, 1996, p. 284 di 761, ISBN 8836500218.
  2. ^ Nel Comune di Nemoli, nel Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, è presente una gemma preziosa che la natura ha regalato agli abitanti della Basilicata, in Al Parco Lucano, 30 gennaio 2011.
  3. ^ lucania.net. URL consultato il 21 settembre 2012.
  4. ^ Parco Nazionale dell'Appennino Lucano-Val d'Agri-Lagonegrese, Il Territorio, su parcoappenninolucano.it.
  5. ^ Salvatore Lovoi, Una voragine sta prosciugando il lago Sirino, in Gazzetta del Mezzogiorno, 27 luglio 2011.
  6. ^ piste-ciclabili.com
  7. ^ Albatros Camper Club Matera, Lago Sirino 22-07-2012, su albatroscamperclubmatera.it. URL consultato il 21 settembre 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Basilicata Portale Basilicata: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Basilicata