Labdaco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Labdaco
Nome orig. Λάβδακος
Sesso Maschio
Professione Re di Tebe

Labdaco (in greco antico: Λάβδακος, Labdacus) è un personaggio della mitologia greca figlio di Polidoro, nipote di Cadmo. Attraverso la madre Nitteide, Labdaco è nipote di Ctonio, uno degli uomini nati dai denti del drago che fu ucciso da Cadmo.

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Suo padre, Polidoro morì quand'egli aveva soltanto un anno e la reggenza al trono fu assicurata dal nonno Nitteo.
Alla morte del nonno passò a Lico (fratello di Nitteo) per poi passare a Labdaco ed essere passato a suo figlio Laio, il padre d'Edipo.
Labdaco mosse una guerra contro Pandione il re d'Atene e durante questa guerra, Tereo il re di Tracia, accorse in aiuto di Pandione.

Labdaco, come Penteo fu ostile al dio del vino Dioniso ed alle baccanti, sue sacerdotesse[1].

Fu padre di Laio, alla morte del padre aveva un anno, da lui discesero Edipo e tutti gli altri labdacidi.[2]

Secondo una tradizione rappresentata dal solo Apollodoro, Labdaco perì come Penteo straziato dalle Baccanti per aver combattuto il culto di Dioniso[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luisa Biondetti, Dizionario di mitologia classica, Milano, Baldini&Castoldi, 1997, ISBN 978-88-8089-300-4.
Predecessore Re di Tebe nella mitologia greca Successore
Lico
(reggente di Labdaco)
IV Lico
(reggente di Laio)