Atteone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Atteone
Actaeon Caserta.jpg
Scultura di Atteone e i suoi cani nella Reggia di Caserta
Nome orig.Ἀκταίων
SessoMaschio

Atteone (in greco antico: Ἀκταίων, Aktaion) è un personaggio della mitologia greca, figlio di Aristeo e di Autonoe, allevato dal centauro Chirone, che gli insegnò le tecniche di caccia.

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il mito, nel corso di una battuta di caccia, Atteone provocò l'ira di Artemide, quando la sorprese mentre faceva il bagno insieme alle sue compagne all'ombra della selva Gargafia. Il caldo estivo, infatti, la indusse a riporre le vesti e a rinfrescarsi interrompendo la caccia. La dea, per impedire al cacciatore di proferir parola intorno a quello che aveva visto, trasformò il giovane in un cervo spruzzandogli dell'acqua sul viso. Atteone si accorse della sua trasformazione solo quando scappando giunse a una fonte, dove poté specchiarsi nell'acqua. Intanto il cacciatore venne raggiunto dalla muta dei suoi 50 cani, resi furiosi da Artemide, che, non riconoscendolo, sbranarono il loro vecchio padrone. I cani, una volta divorato Atteone, si misero alla ricerca del loro padrone per tutta la foresta, riempiendola di dolorosi lamenti. Più tardi giunsero nella caverna di Chirone il quale donò loro un'immagine del loro padrone per attenuare il loro dolore.

Atteone sbranato dai suoi cani, del pittore di Dolone, particolare da un cratere lucano a figure rosse, ca. 390-380 a.C., dalla Basilicata, ora a Londra, British Museum.
Artemide ed Atteone nella metopa dal Tempio E di Selinunte della metà del V secolo a.C.

Alcune versioni raccontano che a far impazzire i cani sarebbe stato l'intervento di Lissa.

Secondo un'altra versione del mito, la punizione provenne da Zeus, perché aveva cercato di insidiare Semele. Secondo Euripide, Atteone fu punito per aver sostenuto di essere un cacciatore superiore ad Artemide.

Marc-Antoine Charpentier diede del mito una celebre interpretazione musicale nella Pastorale in Sei Scene "Actéon" (1684). Nell'epilogo la dea Giunone spiega di aver favorito la crudele vendetta di Diana sull'incauto cacciatore per essere Atteone figlio di Europa, che al momento era la favorita dello sposo infedele Zeus.

Atteone nella pittura[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN62342124 · GND (DE118647504
Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca