Meneceo (figlio di Oclaso)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo Meneceo figlio di Creonte e nipote di questo Meneceo, vedi Meneceo.

Nella mitologia greca, Meneceo (in greco antico: Μενοικεύς, Menoikeús) è figlio di Oclaso, nonché padre di Creonte (sovrano di Tebe) e di Giocasta, che diverrà madre e moglie di Edipo.

Meneceo aveva un auriga di nome Periere il quale al termine di una lite con gli avversari avvenuta nel corso delle celebrazioni in onore di Poseidone, lanciò il sasso che uccise Climeno e da cui successe l'assedio dei Sette contro Tebe.

È nonno del Meneceo che prenderà parte alla guerra dei Sette contro Tebe.

Genealogia[modifica | modifica wikitesto]

Cadmo
Armonia
Echione
Agave
Semele
Zeus
Ino
Atamante
Autonoe
Aristeo
Polidoro
Penteo
Dioniso
Palemone
Atteone
Labdaco
Oclaso
Laio
Meneceo
Giocasta
Laio
Creonte
Edipo
Giocasta
Eteocle
Polinice
Antigone
Ismene


Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca