Lico (figlio di Ireo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lico
Nome orig.Λύκος
SessoMaschio
Luogo di nascitaEubea
ProfessioneReggente di Tebe

Lico (in greco antico: Λύκος) è un personaggio della mitologia greca, figlio della ninfa Clonia del contadino Ireo (a sua volta figlio di Poseidone e della pleiade Alcione[1][2]) e fratello di Nitteo[1].

Lico ebbe un figlio anch'egli chiamato Lico[3].

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Fu esiliato assieme al fratello Nitteo per l'uccisione di Flegias, il figlio di Ares e si stabilirono a Tebe, dove Lico divenne re e sposò Dirce[1][2].

Da re accolse sua nipote Antiope, cacciata da Nitteo, ma la trattò al pari di una schiava e quando lei diede alla luce due gemelli, Anfione e Zeto, Lico ordinò di abbandonarli sul monte Citerone, affinché morissero. I neonati però, furono ritrovati casualmente da un pastore che li allevò come se fossero figli propri.

Nel frattempo la moglie di Lico, Dirce, trattò Antiope ancor più crudelmente e fino a costringerla alla fuga e lei giunse al rifugio dove vivevano i figli abbandonati che divenuti adulti la vendicarono uccidendo Lico e facendo trascinare Dirce da un bue.

I due gemelli si impossessarono del regno tebano e costruirono una nuova città ai piedi della Cadmea.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di Tebe nella mitologia greca Successore
Nitteo (reggente di Labdaco) Lico (reggente di Labdaco) Labdaco I
Labdaco Lico (reggente di Laio) Anfione e Zeto II
Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca