La signora mia zia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La signora mia zia
La signora mia zia.jpg
Una scena del film
Titolo originale Auntie Mame
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1958
Durata 143 min
Genere commedia
Regia Morton DaCosta
Soggetto Patrick Dennis
Sceneggiatura Betty Comden e Adolph Green
Fotografia Harry Stradling Sr.
Montaggio William H. Ziegler
Musiche Bronislau Kaper
Scenografia Malcolm C. Bert e George James Hopkins
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La signora mia zia (Auntie Mame) è un film del 1958 diretto da Morton DaCosta e tratto dal libro Zia Mame di Patrick Dennis. In America il libro riscosse un enorme successo mentre in Italia fu un flop.

Patrick, rimasto improvvisamente orfano, viene affidato alle cure di sua zia Mame, quanto mai poco abituata a relazionarsi con l'infanzia. Ma saranno proprio l'amabile eccentricità della zia ed il suo grande cuore a rivelarsi il filo conduttore della pellicola.

Per gli amanti di questo film, indimenticabile rimane il motto della zia: "Vivi, vivi, vivi! La vita è un banchetto ed i poveri scemi muoiono di fame..."

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 l'American Film Institute l'ha inserito al 94º posto della classifica delle cento migliori commedie americane di tutti i tempi. Nel 2005 ha inserito la battuta «Life is a banquet, and most poor suckers are starving to death!» («La vita è un banchetto ed i poveri scemi muoiono di fame!») al 93º posto della classifica delle cento migliori citazioni.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema