La famiglia Bélier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La famiglia Bélier
La famiglia Bélier.png
Titolo originale La Famille Bélier
Paese di produzione Francia
Anno 2014
Durata 105 minuti
Genere commedia, drammatico, musicale
Regia Éric Lartigau
Produttore Philippe Rousselet, Éric Jehelmann, Stéphanie Bermann
Casa di produzione France 2 Cinéma, Nexus Factory, Jerico, Mars Films, Quarante 12 Films, Vendôme Production, uMedia
Distribuzione (Italia) BiM Distribuzione
Musiche Evgueni Galperine, Sacha Galperine
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La famiglia Bélier (La Famille Bélier) è un film francese del 2014, diretto da Éric Lartigau.[1] Ha vinto il premio Salamandre d'or (Premio del pubblico) al Sarlat Film Festival nel novembre 2014.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Rodolphe Bélier, sua moglie Gigi e Quentin, il loro figlio minore, tutti privi dell'udito e della parola, sono agricoltori e vivono vicino a Lassay-les-Châteaux in Mayenne, nella campagna bretone. Paula, la loro figlia maggiore di sedici anni, dotata sia dell'udito che della parola, comunica con la famiglia con la lingua dei segni e rappresenta per essa un'indispensabile interprete. Paula aiuta nelle stalle e nella vita quotidiana, quando si tratta di rispondere al telefono, per trattare con il loro banchiere o tradurre una consultazione con il medico e al mercato cittadino, dove ogni domenica i Bélier vendono formaggio. Come attività curricolare, Paula sceglie il corso di canto perché vi si è iscritto Gabriel, un compagno di scuola che le piace.

Thomasson, l'insegnante di canto, riconosce subito il talento latente di Paula, che va coltivato, e le propone di cantare in duetto insieme a Gabriel alla recita di fine anno. Gabriel va a casa di Paula per provare Je vais t'aimer, la canzone di Michel Sardou che dovranno eseguire insieme, ma mentre ballano abbracciati, come ha consigliato l'insegnante, lei ha le sue prime mestruazioni. Gabriel lo racconta a scuola e il mattino dopo le compagne la prendono in giro, così Paula lo schiaffeggia durante la lezione di canto.

Per Paula è in serbo però un'altra sorpresa: Thomasson vuole che partecipi alle selezioni dei talenti di Radio France a Parigi: se vince si trasferirà a studiare nella capitale. Paula non ha il coraggio di dirlo ai genitori, anche perché nel frattempo il padre decide di candidarsi alle elezioni in opposizione al sindaco uscente Lapidus. Paula ha al contempo paura per la reazione dei suoi genitori, è angosciata dai propri dubbi sulla sua vocazione musicale e dai doveri verso la sua famiglia. Tuttavia quando confessa la verità ai propri genitori, essi prendono come un tradimento il fatto che lei voglia trasferirsi a studiare a Parigi.

Tutto sembra rivoltarsi contro Paula, finché un giorno alla mensa scolastica Gabriel, che aveva rinunciato al duetto per la recita, invita Paula a tornare a scuola di canto. La recita di fine anno è un trionfo, i genitori di Paula, anche se non sentono la musica, si accorgono che gli altri spettatori sono tutti commossi quando i due cantano insieme la loro canzone.

Nel corso della notte insonne il padre ci ripensa. Al mattino presto sveglia Paula e tutta la famiglia: si parte per Parigi. Arrivano alla Maison de Radio France appena in tempo per l'audizione; si precipitano anche Gabriel e il maestro di canto Thomasson che riesce ad accompagnarla al piano mentre canta Je vole di Michel Sardou, una canzone che parla di un ragazzo che lascia la casa dei genitori per seguire la propria strada. Paula, mentre canta, riproduce i testi con la lingua dei segni per la sua famiglia, seduta in platea. I genitori di Paula, commossi, accettano quindi la partenza della figlia.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

« Credo che la famiglia sia un soggetto universale. È un tema che mi piace e mi interessa, poiché è il luogo dove nascono tutte le emozioni primarie, le sensazioni animali. Adoro esplorarlo. Le risate e le lacrime, l'ingiustizia provata da qualcuno confrontata con la verità sentita da qualcun altro. »
(Éric Lartigau[3])

La protagonista Louane Emera, al suo esordio cinematografico, è stata scelta direttamente dal regista, dopo che un provino su 80 candidate adolescenti non è servito a individuare un soggetto adatto: nessuna di coloro che superano la selezione ha la voce giusta. Su consiglio di un amico, il regista segue la trasmissione tv «The Voice» dedicata ai giovani talenti del mondo della canzone, e sceglie infine Louane:[3] una decisione vincente, dal momento che l'attrice si aggiudica con questa recitazione il premio César.

La parte esige che l'attrice impari la lingua dei segni; le lezioni impegnano in maniera intensiva Louane Emera, quattro ore al giorno per oltre quattro mesi.[3] Secondo l'attrice francese sorda Emmanuelle Laborit, il film ha creato degli stereotipi negativi[4] alla comunità, alla cultura[5] ed all'identità[6].

Secondo The Guardian il film è un insulto alla comunità sorda[7]. Per il Premiere è stato irrispettoso nei confronti della cultura sorda e della lingua dei segni francese[8]. Una giornalista sorda britannica ha dato un giudizio negativo[9]. Secondo alcuni dirigenti delle associazioni sordi, il film non rispecchia la realtà dell'identità sorda[10]. Secondo WebSourd il film ha suscitato un grande malumore nelle comunità sorde francesi[11].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]