Menarca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il menarca (μήναρχή in greco, μήν "mese" e αρχή "inizio") è il primo flusso mestruale della donna, che rappresenta l'inizio del periodo fertile. Esso dà segnale così di maturità nel sesso femminile così tale da essere in grado di sviluppare un nuovo individuo. L'età della sua comparsa è tra i 10-16, ma va negli ultimi anni a diminuire. È la fase che dà inizio all'età della pubertà, preceduta dalle fasi di adrenarca, pubarca e telarca. Il termine "menarca" deriva dal greco ed è composto dai vocaboli mén, ménos "mese" ed arché "inizio"; ciò sta ad indicare il carattere ciclico che assumerà il flusso mestruale dopo il suddetto. Oltremodo ricorda dea Mena (mitologia) nume protrettrice del ciclo fisiologico. Il menarca è un importante indicatore sullo stato di salute della donna durante l'età della crescita, oltre che indicare il buon funzionamento dell'apparato riproduttore.

A provocare lo sfaldamento dell'endometrio, quindi il menarca, è la notevole quantità di androgeni liberati dall'ovaio a sua volta stimolato sempre per via ormonale dalla ghiandola ipofisi. Gli androgeni in genere provocano anche un forte scatto nella crescita in altezza.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il caso di menarca riscontrato con la maggiore precocità è attribuito a Lina Medina che apparve tra gli otto mesi e i due anni e mezzo di età, il che permise alla bambina di rimanere incinta e partorire all'età di 5 anni, 7 mesi e 21 giorni.[senza fonte]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4131410-4