Kerstin Ekman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ekman nel 2011

Kerstin Ekman (Risinge, 27 agosto 1933) è una scrittrice svedese.[1][2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Kerstin Ekman è cresciuta a Katrineholm. È figlia dell’artigiano Ernst Hjort e di Anna Dahlgren. Si è trasferita a Uppsala nel 1952, è diventata insegnante di filosofia all’Università di Uppsala nel 1957,ed è stato membro dell’Artfilm dal 1956 al 1959. Ha lavorato come insegnante presso la Wiks folkhögskola, vicino a Uppsala, dal 1966 al 1970.

È membro dell’Accademia Svedese dal 1978 (terza donna dopo Selma Lagerlöf e Elin Wägner). Dopo la controversia legata a Salman Rushdie, nel 1989, lasciò il suo posto nell’Accademia Svedese. Dal 1993 è membro della Samfundet De Nio, e ne fece parte anche dal 1978 al 1986.

Nel periodo 1974 – 1983, ha scritto una serie di romanzi che si inspirano all’evoluzione di Katrineholm, che passa dall’essere una piccola città nei pressi di una stazione ferroviaria a una città moderna. La serie è composta da quattro romanzi: Häxringarna, Springkällan, Änglahuset e En stad av ljus. La raccolta è stata ripubblicata nel 2000 con il titolo “Kvinnorna och staden”.

A Katrineholm è presente un parco, in centro, lo “Springkällan”. (Il modello di Springkällan lo troviamo nel parco fuori Pringstkyrkan). Il centro culturale è stato chiamato “Ängeln” sulla base di Änglahuset, a Drottninggatan, dove visse la nonna della Ekman.

Nel 1970 si trasferì a Östersjäland, appena fuori Härnösand e all’inizio del 1980 a Valsjöbyn, nello Jämtland. Il paesaggio del nord, le persone e i cambiamenti della società dovuti alla modernizzazione sono stati un tema fondamentale della sua attività di scrittrice, non da meno nel romanzo Händelmser vid vatten del 1993 e nella trilogia Vargskinnet (Guds barmhärtighet, Sista rompan e Skraplotter), di cui l’ultimo romanzo è uscito nel 2003. La trilogia si svolge in un villaggio di montagna, Valsjöbyn, durante il Novecento.

La Ekman è stata nominata dottore Honoris Causa in filosofia presso l’Università di Umeå, nel 1998. Ha ricevuto il dottorato honoris causa in agraria, il 6 ottobre 2007, presso l’Università Svedese delle Scienze Agricole. Durante il discorso di proclamazione, è stata definita: “una persona con enormi conoscenze riguardo il bosco e di come il suo utilizzo ci fornisca riflessioni senza precedenti. È stata la prima volta che la facoltà ha assegnato questa onorificenza a una scrittrice. Il suo libro, Hunden, è stato tradotto e rilasciato in Älvdalsmål, una minoranza linguistica svedese.

Kerstin Ekman è stata insignita come membro onorario presso la Södermanlands-Nerikes nation a Uppsala e successivamente, sempre come membro onorario presso la Norrlands nation.

Dal 1954 al 1966 è stata sposata con lo storico Stig Ekman[3] (nato 1930) e successivamente, nel 1972, con Börje Frelin (nato 1936).[4]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • 1959 – 30 meter mord (romanzo giallo)
  • 1960 – Han rör på sig (romanzo giallo)
  • 1960 – Kalla famnen (romanzo giallo)
  • 1960 – Tärningen är kastad (scenneggiatura)
  • 1961 – De tre små mästarna (romanzo giallo)
  • 1962 – Den brinnande ugnen (romanzo giallo)
  • 1963 – Dödsklockan (romanzo giallo) (ne è stato tratto un film nel1999, con il titolo Dödsklockan)
  • 1964 – Societetshuset (serie TV)
  • 1967 – Pukehornet (romanzo)
  • 1970 – Menedarna (romanzo)
  • 1972 – Mörker och blåbärsris (romanzo) (Dramma televisivo nel 1980)
  • 1974 – Häxringarna (romanzo, parte uno della tetralogia Kvinnorna och staden, successivamente chiamata Vallmstasviten o Katrineholmssviten)
  • 1976 – Springkällan (romanzo, parte due della tetralogia Kvinnorna och stade)
  • 1977 – Vykort från Katrineholm (libro speciale, rilasciato a Natale da Albert Bonniers Förlag)
  • 1978 – Harry Martinson (Libro inaugurale per l'ammissione di Kerstin Ekman nell'Accademia Svedese)
  • 1979 – Änglahuset (romanzo, parte 3 nella tetralogia Kvinnorna och staden)
  • 1983 – En stad av ljus (romanzo, parte 4 nella tetralogia Kvinnorna och staden)
  • 1986 – Mine Herrar... (saggio)
  • 1986 – Hunden (film 2002)
  • 1988 – Rövarna i Skuleskogen (romanzo)
  • 1990 – Knivkastarens kvinna (racconto lirico)
  • 1993 – Händelser vid vatten (romanzo)
  • 1994 – Rätten att häda (saggio)
  • 1996 – Gör mig levande igen (romanzo)
  • 1999 – Guds barmhärtighet (romano, parte uno della trilogia Vargskinnet)
  • 2000 – Urminnes tecken (romanzo)
  • 2002 – Sista rompan (romanzo,parte due della trilogia Vargskinnet)
  • 2003 – Skraplotter (romanzo, parte tre della trilogia Vargskinnet)
  • 2007 – Herrarna i skogen (saggi)
  • 2009 – Mordets praktik (romanzo)
  • 2011 – Se blomman (saggi)
  • 2011 – Grand final i skojarbranschen (romanzo)
  • 2013 – Jorun orm i öga (libretto opera)
  • 2015 – Då var allt levande och lustigt (su Clas Bjerkander, Linnélärjunge, prete e naturalista nel Västergötland)

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1961 – Premio Sherlock per il romanzo giallo per De tre små mästarna
  • 1968 – Borsa di studio Litteraturfrämjandet
  • 1972 – Premio Tidningen VI
  • 1973 – Borsa di studio per i Landsbygden
  • 1974 – Targhetta BMF Häxringarna
  • 1975 – Premio letterario Östersunds-Posten
  • 1976 – Premio Signe Ekblad-Eldh
  • 1977 – Premio finale Litteraturfrämjandet
  • 1980 – Premio Mårbacka
  • 1984 – Premio Kellgren
  • 1984 – Premio Palmær
  • 1989 – Premio letterario Stiftelsen Selma Lagerlöf
  • 1989 – Premio Aniara
  • 1989 – Premio finale Litteraturfrämjandet
  • 1991 – Premio Övralid
  • 1992 – Premio Sixten Heyman
  • 1993 – Augustpriset per il romanzo Händelser vid vatten
  • 1993 – Targhetta BMF per Händelser vid vatten
  • 1993 – Premio Moa
  • 1993 – Miglior giallo svedese per Händelser vid vatten
  • 1993 – Scrittrice dell'anno (SKTF)
  • 1994 – Premio letterario nordico per Händelser vid vatten
  • 1995 – Premio Pilot
  • 1996 – Borsa di studio Fröding
  • 1997 – Premio Eyvind Johnson
  • 1997 – Targhetta Hedenvind
  • 1998 – Litteris et Artibus
  • 2000 – Premio Ivar Lo
  • 2003 – Augustpriset per il romanzo Skraplotter
  • 2008 – Premio Gerard Bonnier per i saggi
  • 2011 – Premio finale läsar
  • 2012 – Premio personale Ivar Lo-Johanssons
  • 2012 – Premio Bureus
  • 2012 – "Guldluppen" dell'Associazione Botanica Svedese[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Albert Bonniers Förlag: Kerstin Ekman
  2. ^ Med ord som doftar skog naturskyddsforeningen, 12 november 2001
  3. ^ [a b] Ekman, Kerstin L, författarinna, Uppsala i Vem är det : Svensk biografisk handbok / 1969 / s 230.
  4. ^ Sveriges befolkning 1990. Ramsele: Svensk arkivinformation (SVAR), Riksarkivet. 2011. Libris 12076919. ISBN 9789188366917
  5. ^ ”Arkiverade kopian”. Arkiverad från originalet den 6 september 2012. Läst 18 juli 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN114547100 · ISNI (EN0000 0001 0937 7873 · SBN IT\ICCU\MILV\180921 · LCCN (ENn79110154 · GND (DE119188716 · BNF (FRcb11901630p (data) · NLA (EN35764240