Ines Pellegrini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ines Pellegrini nel 1974

Ines Pellegrini (Milano, 7 novembre 1954) è un'attrice italiana di origini eritree.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Milano, la Pellegrini passò molta della sua infanzia in Eritrea, frequentando scuole italiane fino all'adolescenza[1]. Ha debuttato sul grande schermo nel 1973, con una piccola parte nel film Il brigadiere Pasquale Zagaria ama la mamma e la polizia di Mario Forges Davanzati. Grazie alla particolare bellezza, è diventata, verso la metà degli anni settanta, un'affermata starlette del cinema italiano.

Ines Pellegrini nel film Una bella governante di colore (1976)

Ha recitato in film d'autore come Il fiore delle Mille e una notte (1974) e Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975), diretti da Pier Paolo Pasolini, oltre che in film di genere e in film erotici, fra cui Scandalo in famiglia (1976) di Marcello Andrei, Una bella governante di colore (1976) di Luigi Russo, La fine dell'innocenza (1976) di Massimo Dallamano e Le evase - Storie di sesso e di violenze (1978) di Giovanni Brusadori.

È stato proprio Pasolini a ribattezzarla come la "Mangano nera"[1]. Ha concluso la carriera d'attrice nel 1985 con un'apparizione nel film Sono un fenomeno paranormale di Sergio Corbucci. Sposata con un italiano, Giulio, si è trasferita a Los Angeles assieme al marito, dove ha aperto un negozio di mobili antichi e si dedica all'assistenza dei poveri e dei senzatetto[1].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Ines Pellegrini nel film Gatti rossi in un labirinto di vetro (1975)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Riviste[modifica | modifica wikitesto]

  • Playboy (edizione italiana) n.11 - Anno III (novembre 1974)
  • Playmen (maggio 1977)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Ero la musa di Pasolini ora servo Madre Teresa, in La Stampa, 12 febbraio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61234273 · ISNI (EN0000 0000 4441 437X · Europeana agent/base/46433 · LCCN (ENno2003057064 · GND (DE1146592728 · BNF (FRcb142147601 (data) · J9U (ENHE987008729781505171 · WorldCat Identities (ENlccn-no2003057064