Il diario di Anna Frank (miniserie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il diario di Anna Frank
Titolo originaleThe Diary of Anne Frank
PaeseRegno Unito
Anno2009
Formatominiserie TV
Generedrammatico, biografico
Puntate5
Durata150 min
Lingua originaleInglese
Crediti
RegiaJon Jones
SoggettoAnna Frank
SceneggiaturaDeborah Moggach
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
FotografiaIan Moss
MontaggioBen Lester, Sue Wyatt
Musichecharlie Mole
CostumiMichele Clapton
ProduttoreElinor Day
Produttore esecutivoJohn Smithson, Polly Hill
Prima visione
Prima TV originale
Dal5 gennaio 2009
Al9 gennaio 2009
Rete televisivaBBC One
Prima TV in italiano
Data27 maggio 2009
Rete televisivaSky Cinema 1

Il diario di Anna Frank è una miniserie televisiva del 2009 in 5 puntate prodotta dalla BBC tratta dall'omonima opera di Anna Frank.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Amsterdam, 1942. Anna Frank è una ragazza ebrea di tredici anni con una vita molto difficile da mandare avanti. Per il suo compleanno riceve in regalo un quaderno, che diventa il suo diario di adolescente, diretto a Kitty, un'amica immaginaria a cui confidare i suoi pensieri, poiché dice di non avere amiche vere con cui poterlo fare. Anna e la sua famiglia per paura di essere scoperti dai tedeschi ed essere deportati nei campi di concentramento, dove poi sicuramente avrebbero incontrato la morte, si trasferiscono in un rifugio insieme alla famiglia dei Van Daan e ad un dentista di origine ebraica di nome Albert Dussel.

In questo rifugio non è semplice vivere, poiché si incontrano vari litigi e bisogna stare molto attenti a non farsi scoprire, quindi si cerca di fare il minimo rumore possibile. Per Anna il suo diario è l'unica possibilità di esprimersi, di raccontare le proprie esperienze e i pensieri di adolescente che sta vivendo: i primi amori verso Peter, il figlio dei Van Daan che era rifugiato con lei, le incomprensioni con il padre e il distacco dalla madre, il rapporto poco confidenziale con la sorella maggiore. Anna con il passare dei mesi scrive sempre i fatti che le accadono, e comincia a pensare di poter trasformare in futuro il suo diario in un libro.

Il suo sogno non si avvererà perché il 4 agosto del 1944 quattro agenti della Gestapo fanno irruzione nell'alloggio segreto. Anna Frank dopo l'arresto viene deportata ad Auschwitz, infine nel Campo di concentramento di Bergen-Belsen e da lì tutti i suoi pensieri e ricordi scritti non potranno più esser svelati.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione