Il Mundial dimenticato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il Mundial dimenticato - la vera incredibile storia dei Mondiali di Patagonia 1942
Il mundial dimenticato.jpg
Titolo originaleIl Mundial dimenticato
Paese di produzioneItalia, Argentina
Anno2011
Durata95 min
Generecommedia, avventura, sportivo
RegiaLorenzo Garzella, Filippo Macelloni
SceneggiaturaLorenzo Garzella, Filippo Macelloni
ProduttoreDaniele Mazzocca
Casa di produzioneVerdeoro, Docksur Producciones
Distribuzione in italianoJP Entertainment
FotografiaAlberto Iannuzzi
MusichePierluigi Pietroniro, Louis Siciliano
Interpreti e personaggi

Il Mundial dimenticato - la vera incredibile storia dei Mondiali di Patagonia 1942 è un film falso documentario[1] italiano/argentino del 2011 scritto e diretto da Lorenzo Garzella e Filippo Macelloni. Il film è stato presentato al Festival di Venezia 2011, e in altri festival italiani e internazionali, fra cui lo Shanghai International Film Festival[2] e la Mostra Internacional de Cinema de São Paulo[3] dove è stato premiato come miglior documentario internazionale.[4] Il film ha ottenuto anche altri riconoscimenti[5] (Bari International Film Festival[6], Bellaria Film Festival 2012[7], International Football Film Festival - Berlino[8], Incontri del Cinema italiano - Tolosa/Francia, Festival del Cinema dei Diritti Umani - Napoli, San Marino Film Festival, Trani Film Festival). È stato selezionato nella cinquina finalista ai Nastri d'Argento 2013, sezione documentari.[9]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Muovendosi in una zona d'ombra della storia del calcio e della storia del XX secolo, in bilico fra lo stile rigoroso del documentario e lo spirito del cinema, il film racconta in chiave fittizia le vicende del Campionato mondiale di calcio del 1942, mai riconosciuto dagli organi ufficiali dello sport, rimasto per decenni avvolto nella leggenda senza che se ne conoscesse il vincitore. Il ritrovamento di uno “scheletro con la macchina da presa”, in mezzo ai dinosauri fossili della Patagonia argentina, fornisce la tessera mancante per ricomporre finalmente il mosaico disperso del Mundial dimenticato.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è liberamente ispirato a "Il figlio di Butch Cassidy", racconto di Osvaldo Soriano.[10] Come affermato dallo stesso Lorenzo Garzella, il film lascia allo spettatore il compito di stabilire dov'è il confine fra la memoria e la leggenda, fra la realtà e l'invenzione.[11]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito nelle sale italiane il 1º giugno 2012.[12]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film, presentando le vicende in stile documentaristico, ha generato equivoci e dibattiti sulla stampa e fra il pubblico riguardo alla veridicità dei fatti narrati. Il giornalista Ezequiel Fernández Moores ne ha parlato sul quotidiano argentino La Nación: «"Quel Campionato del Mondo non è mai stato ufficialmente riconosciuto dalla FIFA" ha detto, testualmente, un comunicato diffuso da una delle agenzie di stampa più famose del mondo dopo la presentazione di Venezia. "Riportando alla luce queste immagini gli autori del film chiedono che mai più scenda l'oblìo non solo sulla celebrazione di questo torneo, ma anche sul nome del vincitore [...]" aggiunge il comunicato. Il giorno successivo la notizia è stata ripresa da quotidiani di Messico, Perù, Spagna e Argentina. Alcuni media hanno aggiunto parole e informazioni drammatizzando l'ingiustizia. Ci sono stati lettori che hanno reagito sul web. "Una buona vicenda per il mondo del calcio, specialmente quello sudamericano... il Perù ha partecipato a questa manifestazione?" ha domandato per esempio un appassionato di quel paese"».[13]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato accolto favorevolmente dalla critica sia italiana che internazionale.

Stampa internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 marzo 2013 il quotidiano sportivo francese L'Équipe ha segnalato "The Lost World Cup" (Il Mundial Dimenticato) in terza posizione fra i migliori film sul calcio di tutti i tempi, in un articolo a cura dello storico del cinema Jan Tilman Schwab, che definisce il film "un bijou d'humour absurde, bourré de références historiques et culturelles" ("un gioiello di umorismo assurdo, ricco di riferimenti storici e culturali").[14]

A giugno 2012 Paul Bompard, corrispondente di Times Higher Education e collaboratore del Times ha recensito il film sul settimanale Internazionale assegnando un rating di 4/5: "Garzella e Macelloni hanno fatto un lavoro geniale, demenziale, surreale e tecnicamente magnifico. Dopo pochi minuti di visione, quando viene ritrovato lo scheletro di un cineoperatore ancora aggrappato alla sua cinepresa, si viene completamente catturati da una storia fantastica, divertente, e stranamente credibile".[15]

Derek Adams, Time Out London, 18 aprile 2013, rating film: 3/5: "a ‘what if’ scenario of bizarre and very well assembled proportions. The accompanying archive footage is remarkably authentic but there are subtle hints and clues that what you're watching is really a spoof. And a cleverly mounted one at that" ("uno scenario da ‘cosa accadrebbe se’ di bizzarre proporzioni molto ben assemblate. Il materiale d'archivio che accompagna il film sembra notevolmente autentico anche se ci sono sottili riferimenti e indizi che indicano che stiamo assistendo a una finzione. E il tutto è montato in modo intelligente a questo scopo").[16]

Ernesto Pérez, ANSA America Latina, 6 settembre 2011: "una de las pelìculas mas curiosas y divertidas del Festival de Venecia (...). La pelicula, de una inventiva y una ironia insuperables, es uno de los mejores ejemplos del los ‘mock-documentaries’" (uno dei film più curiosi e divertenti del Festival di Venezia (...) Il film, di un'inventiva e ironia insuperabili, è uno dei migliori esempi di ‘mockumentary’).[17]

Stampa italiana[modifica | modifica wikitesto]

Complessivamente positivo fu inoltre il giudizio riservato al film dalla stampa italiana[18][19], coi principali punti di forza della pellicola individuati nel connubio tra gli aspetti agonistico e cinematografico.[20][21]

Il mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di calcio Patagonia 1942
Competizione campionato mondiale di calcio
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione
Luogo Flag of the Kingdom of Araucanía and Patagonia.svg Patagonia
Partecipanti 12
Risultati
Vincitore Flag of the Mapuches.svg Mapuche
(1º titolo)
Secondo Germania Germania
Semi-finalisti Inghilterra Inghilterra
Italia Italia
Statistiche
Incontri disputati 15
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1938 1950 Right arrow.svg

Nella finzione il campionato mondiale di calcio 1942, organizzato per iniziativa del conte Otz, ministro del Regno di Patagonia che sperava con questa competizione di poter fermare la guerra in Europa, sarebbe stato l'unico della storia a dodici squadre, nonché l'unico nel quale neanche uno dei paesi ospitanti (Argentina e Cile, a cui appartiene la Patagonia, che si rifiutarono di partecipare perché non volevano giocare contro i Mapuche) abbia partecipato alla competizione. I due paesi erano rappresentati dalle squadre dei Mapuche e del Regno di Patagonia, e, anche se non ufficialmente, è anche il primo mondiale a cui partecipa l'Inghilterra. È anche l'unico in cui la Germania, la cui selezione era formata da soldati incaricati della manutenzione di un cavo telefonico sottomarino che collegava Europa e Sudamerica, avrebbe sconfitto l'Italia, che schierava esuli antifascisti emigrati in Argentina, che lavoravano alla costruzione di una vicina diga, a cui si aggiungevano Bernini e Puricelli, due calciatori professionisti ingaggiati con una colletta della comunità italiana.
L'arbitro delle gare fu William Brett Cassidy, presunto figlio di Butch Cassidy, che arbitrò tutte le partite ad eccezione di Inghilterra-Mapuche, che fu arbitrata dal maresciallo Parlow, un ufficiale militare inglese che, nonostante le proteste dei Mapuche, sostituì Cassidy che si stava riprendendo dai postumi di una sbornia. Cassidy era noto per i suoi metodi violenti e non esitava a sparare ai calciatori che non erano d'accordo con le sue decisioni. Il suo arbitraggio fu sospetto, perché gli italiani dissero di averlo visto ricevere dai tedeschi un misterioso pacchetto, che probabilmente conteneva soldi, e questo verrebbe confermato dal fatto che in due partite concesse quattro rigori ai tedeschi, chiudendo gli occhi sulle loro infrazioni.
La finale fu vinta dalla selezione dei Mapuche, ma durante gli ultimi minuti della partita scoppiò un violento nubifragio che fece crollare un argine della diga in cui lavoravano gli italiani, e mentre il pubblico scappò dallo stadio per la pioggia, durante la premiazione scoppiò una rissa fra i tedeschi e i Mapuches, e nella confusione l'arbitro Cassidy prese la coppa Rimet e scappò a cavallo.
Ma l'onda di piena che arrivava dal fiume stava per travolgere lo stadio, e mentre i pochi che ancora erano rimasti nonostante la pioggia scapparono, Guglielmo Sandrini, il cineoperatore ingaggiato per filmare le partite del mondiale, non fece in tempo a lasciare la macchina da presa e morì annegato.Quel mondiale venne cancellato da tutti i libri per via dello strano arbitraggio e dei vari problemi,i giocatori della Patagonia dissero che i loro giocatori si uniranno all'Argentina e il popolo Mapuche disse che non parteciperà nemmeno alle qualificazione ai prossimi mondiali.

Le partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo II
Gruppo IV

Giornata 1 :

  • Italia - Patagonia 1-0
  • Germania - Scozia 4-2
  • Inghilterra - Uruguay 3-2
  • Mapuche - Francia 2-1

Giornata 2 :

  • Patagonia-Polonia 4-1
  • Scozia-Brasile 1-3
  • URSS-Uruguay 2-0
  • Spagna-Francia 3-0

Giornata 3 :

  • Polonia-Italia 0-3
  • Germania-Brasile 5-3
  • Inghilterra-URSS 1-0
  • Mapuche-Spagna 5-0
Semifinali Finale
        
Germania Germania (dts) 4
Italia Italia 3
Germania Germania 1
Flag of the Mapuches.svg Mapuche 2
Inghilterra Inghilterra 1
Flag of the Mapuches.svg Mapuche 2

Influenze culturali[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ispirato la storia a fumetti di Martin Mystère Il mondiale che non c'era, pubblicato sul numero 363 del periodico di giugno 2019.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Anna Zippel, Quel misterioso Mundial del '42, in Patagonia sulle tracce di un sogno, su repubblica.it, 29 maggio 2012.
  2. ^ THE 18TH SHANGHAI INTERNATIONAL FILM FESTIVAL, su www.siff.com. URL consultato l'8 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2015).
  3. ^ Mostra Internacional de Cinema
  4. ^ Premiati due film italiani al Festival di Sao Paulo - CinemaItaliano.info
  5. ^ Festival e premi: Il Mundial Dimenticato – La vera incredibile storia dei Mondiali di Patagonia 1942 (2011) - CinemaItaliano.info
  6. ^ Bif&st 2012 | Premi del Bif&st Archiviato il 5 maggio 2013 in Internet Archive.
  7. ^ Bellaria Film Festiva (a cura di), Il mundial dimenticato, su www.bellariafilmfestival.org. URL consultato l'8 luglio 2015.
  8. ^ 11-mm - English
  9. ^ Nastri, una cinquina doc! - Cinematografo, su cinematografo.it. URL consultato l'8 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2013).
  10. ^ ANSA
  11. ^ Film sul calcio: presentato Il Mundial dimenticato a Milano - Milano 2.0
  12. ^ FilmUP - Scheda: Il Mundial Dimenticato - La vera incredibile storia dei Mondiali di Patagonia 1942, su filmup.leonardo.it. URL consultato il 5 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2012).
  13. ^ (ES) E.F.Moores, El Mundial Olvidado, La Naciòn, 14 settembre 2011, Argentina [1]. Cfr. nota 20.
  14. ^ (FRA), Jan Tilman Schwab, "Et les trois meilleurs films sont...", L'Equipe, Gran Format Week-End, 29 marzo 2013, pagina riprodotta sul web [2] (consultato il 3 maggio 2013).
  15. ^ (ITA), Paul Bompard, Internazionale N.952, 8 giugno 2012, rubrica "Italieni" [3] (consultato il 3 maggio 2013).
  16. ^ (EN)
  17. ^ (ES) Ernesto Pérez, ANSA, Ansalatina.com, portal latinomaericano de la agencia Ans, 06/09/2011, articolo riprodotto sul web [4] (consultato il 3 maggio 2013)
  18. ^ Franco Montini, Io sono Li di Segre e la poesia della Laguna, in la Repubblica, 18 settembre 2011, p. 17.
  19. ^ "Il Mundial dimenticato": il fiorentino Filippo Macelloni sbarca alla mostra del Cinema di Venezia, su lanazione.it, 7 settembre 2011.
  20. ^ Fabio Bianchi, Quel Mondiale del '42 sembra un docu-film, in La Gazzetta dello Sport, 16 settembre 2011.
  21. ^ Benedetto Ferrara, 1942, allarme a Berlino: "Vincere il mundial", in la Repubblica, 17 marzo 2012, p. 17.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]