Butch Cassidy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Butch Cassidy (disambigua).
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il duo Butch e Cassidy, vedi Team Rocket.
Butch Cassidy

Butch Cassidy, al secolo Robert LeRoy Parker (Beaver, 13 aprile 1866San Vicente, 7 novembre 1908), è stato un criminale statunitense, uno dei più famosi banditi del West.

Dopo aver iniziato ancora giovanissimo la sua carriera criminale, sul finire del secolo costituì il Mucchio Selvaggio, una banda di fuorilegge di cui facevano parte anche George e Kid Curry, il loro fratello Lonny Logan, Ben Kilpatrick, Elzy Lay e Harry Longabaugh, conosciuto anche come Sundance Kid. Una lunga serie di crimini costellò la storia della banda fino al suo scoglimento, nel 1901, quando Cassidy partì per l'Argentina con Sundance e la compagna di questi, Etta Place . Nel 1908, dopo essersi spostati in Bolivia, dove avevano rapinato le paghe destinate ai minatori di una cava d'argento, i due furono accerchiati da forze congiunte della locale polizia e di un distaccamento di cavalleria dell'esercito, nella città di San Vicente, dove alloggiavano, e uccisi dopo uno scontro a fuoco. Secondo il rapporto della polizia boliviana, uno dei due avrebbe ucciso il compagno gravemente ferito prima di suicidarsi.

Si ritiene tuttavia (come riportato anche da Chatwin nel libro "In Patagonia", 1977) che la morte avvenuta in Bolivia fosse in realtà una messa in scena per depistare gli inseguitori del governo, cosa che aveva già progettato da tempo. Ci sono infatti diverse testimonianze che confermano la sua presenza ben oltre la data della sua morte. Tra le tante una sua stessa parente afferma di aver mangiato una torta con Butch diversi anni dopo il 1908; è presumibile quindi che possa essere deceduto nel 1937[1], in seguito a una malattia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Guido Olimpio. Butch Cassidy, l'ennesima verità. Corriere della sera, 16 agosto 2011, [1].

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN217134154 · LCCN: (ENn79076095 · GND: (DE121798224