Louis Siciliano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Louis Siciliano, noto anche con lo pseudonimo di Aluei (Napoli, 19 marzo 1975), è un compositore e polistrumentista italiano, autore di colonne sonore, sinfonie, musica da camera e di canzoni.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La carriera di Louis Siciliano inizia a 16 anni come direttore d'orchestra. La sua musica recupera moduli e strumenti musicali dei vari linguaggi musicali colti e popolari dell'Occidente e dell'Oriente che integra nell'orchestra sinfonica e in una personale visione dell'electronica e della Computer music. Ha utilizzato prototipi e strumenti musicali a fibre ottiche e a sensori quali la Misa Kitara, lo Zendrum e l'Ewi. Ha vissuto dal 1994 al 2001 a New York City, lavorando come Music Producer e Sound Engineer agli studi 78/88 e ai Bennett Studios (Englewood, New Jersey).

Louis Siciliano ha prodotto, composto, orchestrato, eseguito e mixato colonne sonore per numerosi registi del Nuovo Cinema Italiano quali Alessandro D'Alatri, Enrico Oldoini, Maurizio Zaccaro, Aureliano Amadei, Sergio Assisi e Gabriele Salvatores. Deve infatti la sua fama all'attività di compositore di colonne sonore, per la quale ha vinto il Nastro d'argento nel 2005 ed è stato candidato al David di Donatello nel 2006.

Con il suo ensemble "Louis Siciliano Journey", ha svolto un'intensa attività live tra il jazz, la world music e la musica sperimentale.

Nel 2012, con lo pseudonimo di L6J, ha codificato il genere musicale Mystik Electro nell'ambito dell'electronica underground rimanendo più di trenta settimane nella top ten della musica elettronica a Berlino. Nel 2015 pubblica il singolo Djigen Africa. Nel 2016 esce l'album Eclektrik Constellation per l'etichetta GDM Music. Come scrittore, nell'aprile 2013 pubblica per l'editore Graus, il suo romanzo "La Lungara: un fiume di piombo", un thriller psicologico, ambientato in via della Lungara, nel centro di Roma che cela un trattato di Alchimia. Nel 2014 viene data alle stampe la raccolta "Poesie Muratorie" per l'editore Lietocolle.

Nel 2013 cambia pseudonimo e si presenta al pubblico come "Aluei"[1][2]. Inaugura questa nuova stagione artistica con una serie di concerti in Brasile, in Africa, in India, nell'Europa dell'est e in Italia, e nel 2011 fa uscire l'album One Vibration. Il giorno 8 settembre 2016, escono contemporaneamente quattro nuovi album di Aluei per l'etichetta GDM Music. Pubblica un romanzo: La Lungara: Un fiume di piombo, per le edizioni Graus.

Nel 2018, dopo 20 anni da quando aveva iniziato l'opera, ultima il suo metodo per l'insegnamento della musica in chiave creativa, mirato a bambini e adulti, dal titolo A-MUMEx (::ALUEI:: Multiverse Music Experience).[1][3].

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Per la sua attività di compositore di colonne sonore, è stato vincitore del Nastro d'argento nel 2005 e candidato al David di Donatello nel 2006. È stato inoltre insignito compositore dell'anno "Premio Città di Roma" 2007, Migliore Compositore "Tropea Film Festival" 2008, Compositore dell'Anno "Federazione italiana dei cinema d'essai" (FICE) Mantova, 2010, Migliore Compositore Premio Roma Videoclip 2009 ed ha ricevuto il "Cinecittà Award" come Compositore dell'anno alla 67ª Mostra del Cinema di Venezia 2010[1][4][5]. Vincitore del premio Migliore Compositore dell'anno 2015 indetto dalla prestigiosa rivista Colonne Sonore e del Premio Manuel De Sica come migliore compositore del Cinema Italiano nel 2016.

Ha ricevuto il premio "Fontana d'argento 2012" per l'impegno culturale in campo sociale.

Nel 2018 è stato insignito dal Rotary International, club Roma Trinità dei Monti, membro onorario e ambasciatore della Musica e della Cultura italiana nel mondo e della massima onorificenza del Rotary International Club: il premio Paul Harris Fellow.

Colonne sonore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Music sound designer[modifica | modifica wikitesto]

Spot tv[modifica | modifica wikitesto]

Teatro

  • Caina, regia di Stefano Amatucci (2012)
  • Zona non protetta, regia di Marzia Del Fabbro (2013)
  • Il latte della bontà umana, regia di Marzia Del Fabbro (2014)
  • Oggi sto da Dio, regia Mauro Mandolini (2015)
  • L'ispettore Drake, regia di Sergio Assisi (2016)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Una vocazione in due arti: intervista ad "Aluei" Siciliano, Philomath news. URL consultato il 23 novembre 2015.
  2. ^ Louis Siciliano cambia identità artistica facendosi Aluei, su il Velino. URL consultato il 23 novembre 2015.
  3. ^ renzocresti.com, http://www.renzocresti.com/dettagli.php?quale=2&quale_dettaglio=321.
  4. ^ Al compositore Louis Siciliano il Cinecittà award | DaringToDo.com, su www.daringtodo.com. URL consultato il 23 novembre 2015.
  5. ^ Louis Siciliano ‘compositore dell’anno’ per 20 sigarette, su www.cinegiornalisti.com, SNGCI. URL consultato il 23 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 23 novembre 2015).
  6. ^ Colonna sonora di "20 Sigarette" composta da Louis Siciliano | Diatonico, su Diatonico. URL consultato il 23 novembre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]