Huthi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Anṣār Allāh
al-Shabāb al-muʾmin
Houthis Logo.png
La scritta araba dice: "Dio è Sommo, morte all'America, morte a Israele, maledizione sugli ebrei, vittoria per l'Islam"
Attiva1992 - in corso
NazioneYemen Yemen
ContestoGuerra civile dello Yemen (2015)
IdeologiaDemocrazia islamica
Nazionalismo arabo
anti-Imperialismo
anti-Takfirismo
AlleanzeIran Iran
Siria Siria
InfoboxHez.PNG Hezbollah (Libano)
Corea del Nord Corea del Nord[1]
Russia Russia[2]
Componenti
FondatoriḤusayn Badr al-Dīn al-Ḥūthī o Muḥammad Badr al-Dīn al-Ḥūthī
Componenti principaliʿAlī al-Qaṭwānī; Abū Haydar, ʿAbbās ʿAyda; Yūsuf al-Madanī, ʿAbd al-Malik al-Ḥūthī
Attività
Azioni principaliAzioni d'insorgenza anti governativa
John Pike, al-Shabab al-Mum'en / Shabab al-Moumineen (Believing Youth), Global Security.

Gli Huthi (in arabo: الحوثيون‎, al-Ḥūthiyyūn) sono un gruppo armato prevalentemente sciita zaydita (il gruppo annovera però anche dei sunniti[3]) dello Yemen, nato nell'ultimo decennio del XX secolo ma attivo, in funzione anti-governativa, nel corso del XXI secolo. Hanno dato vita a un'organizzazione armata che si è definita Partigiani di Dio (in arabo: أنصار الله‎, Anṣār Allāh) o Gioventù credente (in arabo: الشباب المؤمن‎, al-Shabāb al-muʾmin).

Il loro nome deriva da quello del loro primo comandante Ḥusayn Badr al-Dīn al-Ḥūthī, ucciso dalle forze armate yemenite nel settembre del 2004.[4] Vari altri comandanti, tra cui ʿAlī al-Qaṭwānī, Abū Haydar, ʿAbbās ʿAyda e Yūsuf al-Madanī (cugino di Ḥusayn al-Ḥūthī), sono anch'essi caduti in combattimento per mano delle forze armate regolari yemenite.[5] Il padre dei fratelli Ḥūthī (Ḥusayn e Muḥammad), Badr al-Dīn al-Ḥūthī, si dice sia stato il capo spirituale del gruppo dopo la morte del figlio Muḥammad.[6]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il movimento Ḥūthī ebbe i suoi natali nel 1992, quando il movimento della "Gioventù credente" fu fondato nel Governatorato di Ṣaʿda[7] da un membro della famiglia Ḥūthī, Muḥammad al-Ḥūthī,[8] o da suo fratello Ḥusayn al-Ḥūthī.[9] La "Gioventù credente" istituì circoli scolastici e campi estivi d'istruzione[8] per "promuovere la rinascita zaydita" a Ṣaʿda.[9] Dal 1994–1995, 15–20.000 studenti hanno frequentato i campi estivi della "Gioventù credente".[8]

Dopo l'invasione dell'Iraq del 2003, i giovani affiliati alla "Gioventù credente" presero a scandire slogan anti-statunitensi e anti-israeliani nella Moschea Ṣāleḥ a Ṣanʿāʾ dopo la preghiera collettiva del venerdì (jumūʿa). Ciò provocò un duro confronto con il governo e 800 sostenitori della "Gioventù credente" furono arrestati a Ṣanʿāʾ nel 2004. Il presidente ʿAlī ʿAbd Allāh Ṣāleḥ invitò allora Ḥusayn al-Ḥūthī a un incontro nella capitale yemenita, ma Ḥusayn declinò l'invito, tanto che il 18 giugno 2004 Ṣāleḥ inviò forze governative ad arrestare Ḥusayn.[10] Questi reagì lanciando una rivolta zaydita contro il governo, ma fu ucciso il 10 settembre 2004.[11] La rivolta proseguì in modo intermittente fino a un accordo di cessate il fuoco nel 2010.[12]

Gli Ḥūthī parteciparono alla rivolta yemenita del 2011 e alla susseguente Conferenza Nazionale del Dialogo. Tuttavia respinsero le offerte nel novembre 2011 decise dal Consiglio di cooperazione del Golfo, che prevedevano l'immunità per il vecchio presidente Ṣāleḥ (accusato di corruzione) e la creazione di una coalizione di governo.[13]

     Controllato dagli Huthi

     Controllato dal governo di Hadi

     Controllato da al-Qāʿida nella Penisola Arabica (AQAP)

Dal 9 novembre 2011, si disse che gli Ḥūthī avessero sotto controllo i due Governatorati di Ṣaʿda e di al-Jawf e che fossero sul punto di controllare anche quello di Ḥajja,[14] cosa che avrebbe loro consentito di lanciare un attacco diretto sulla capitale yemenita di Ṣanʿāʾ.[15] Da maggio del 2012, fu riferito che gli Ḥūthī controllavano la maggior parte dei Governatorati di Ṣaʿda, al-Jawf e Ḥajja, che si erano garantiti l'accesso al mar Rosso e che avevano cominciato a erigere barricate a nord di Ṣanʿāʾ, in vista di un nuovo conflitto.[16]

Il 21 settembre 2014 si disse che gli Ḥūthī avessero il controllo di parte della capitale yemenita, inclusi gli edifici governativi e una stazione radio.[17] Nel gennaio del 2015 gli Ḥūthī mantenevano il loro controllo sulla capitale e su altre città come la città di Radāʿ, nel Governatorato di al-Bayḍāʾ, ma il controllo era seriamente contrastato da miliziani del loro acerrimo nemico al-Qāʿida. Si credeva da parte di alcune nazioni occidentali e da parte dell'Arabia Saudita che gli Ḥūthī avessero ricevuto aiuti dall'Iran,[18] mentre l'Arabia Saudita aiutava esplicitamente i loro rivali filo-governativi.

Il 20 gennaio 2015, i rivoltosi sciiti Ḥūthī presero il Palazzo presidenziale a Ṣanʿāʾ. Il presidente ʿAbd Rabbih Manṣūr Hādī si trovava nel Palazzo durante l'assalto ma riuscì a mettersi in salvo.[19]

Militanza[modifica | modifica wikitesto]

Esiste una precisa differenza tra la famiglia al-Ḥūthī, che è composta da circa una ventina di componenti[8] e il movimento Ḥūthī, che ha assunto questo nome dopo la morte di Ḥusayn Badr al-Dīn al-Ḥūthī nel 2004.

I militanti del gruppo sono all'incirca tra i 1 000 e i 3 000 a tutto il 2005[20] e tra i 2 000 ed i 10 000 combattenti al 2009.[21] Sullo Yemen Post si dice tuttavia che i combattenti sarebbero addirittura 100 000.[22] Secondo l'esperto del movimento Ḥūthī, Ahmed Al-Bahri, gli Ḥūthī oscillerebbero sui 100 000-120 000 uomini, inclusi combattenti armati e non armati.

Ideologia[modifica | modifica wikitesto]

Gli Ḥūthī appartengono alla variante sciita dell'Islam zaidita, noto anche come "Pentimani",[23] una branca sciita presente nel solo Yemen. Assai vicini agli Imamiti che sono in maggioranza in Iraq, Libano e Iran, sono noti per avere posizioni giuridiche e liturgiche assai prossime a quelle della maggioranza sunnita del mondo musulmano.[24] Al contrario dei sunniti, tuttavia, essi credono nella necessità di un Imamato, che sarà legittimato solo da chi sappia guidare i fedeli per l'affermazione del proprio approccio religioso e culturale.[25]

Nel corso degli anni di rivendicazioni, gli Ḥūthī hanno sostenuto che le loro azioni sono condotte in difesa della loro comunità colpita da una sensibile e sistematica discriminazione[26] e per ottenere un miglior trattamento della loro regione (quella a nord) particolarmente povera,[27] mentre il governo di Saleh (filo-saudita, al potere dal 1978 al 2012) ha a sua volta accusato i rivoltosi dell'intenzione di rovesciare il regime al potere e di instaurare la legge islamica sciita zaydita,[26] attizzando inoltre un sentimento anti-statunitense.[28]

Il governo yemenita ha anche accusato gli Ḥūthī di avere legami con stranieri, in particolare col governo iraniano, dal momento che l'Iran è un Paese a maggioranza sciita.[29][30] Come replica, gli Ḥūthī hanno accusato il governo yemenita di essere dietro l'aggressività anti-sciita di organizzazioni terroristiche come Al Qaida e la monarchia dell'Arabia Saudita,[31][32][33] malgrado il clan di appartenenza del penultimo presidente della Repubblica 'Ali 'Abd Allah Saleh fosse zaydita.[34]

Esponenti[modifica | modifica wikitesto]

Metodo di combattimento[modifica | modifica wikitesto]

Gli Ḥūthī e la loro consistente base fanno ricorso a diverse tecniche di contrasto dei sostenitori governativi yemeniti: da quelli più frequentemente pacifici della disobbedienza civile a quelli violenti, come mostrato nel loro tentativo di portare a segno un colpo di Stato del 20 gennaio del 2015. In una serie di proteste, causate dalla decisione governativa yemenita del 13 luglio del 2014 di aumentare il prezzo dei carburanti,[38] i capi degli Ḥūthī riuscirono a organizzare massicci raduni nella capitale Ṣanʿāʾ per protestare contro la decisione, chiedendo le dimissioni del governo di ʿAbd Rabbih Manṣūr Hādī per "corruzione statale".[39] Migliaia di yemeniti risposero all'appello del leader Ḥūthī ʿAbd al-Malik al-Ḥūthī di "erigere tende, organizzare sit-in e marce" nella capitale.[40]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ramadi, Samuel, North Korea's Balancing Act in the Persian Gulf, in Huffington Post, 8 agosto 2015. URL consultato l'8 agosto 2015.
  2. ^ Masi, Alessandria, Putin's Latest Moves: The Military Alliance Among Iran, Hezbollah And Russia In Syria Could Spread To Yemen, in International Business Times, 10 settembre 2015. URL consultato il 25 settembre 2015.
  3. ^ I falsi miti mediatici sugli Houthi nello Yemen devastato dalla guerra · Global Voices in Italiano, in Global Voices in Italiano, 11 aprile 2015.
  4. ^ Deaths in Yemeni mosque blast. Al Jazeera. 2 maggio 2008.
  5. ^ Press TV Saudi soldier, Houthi leaders killed in north Yemen, 19 novembre 2009
  6. ^ John Pike, al-Shabab al-Mum'en / Shabab al-Moumineen (Believing Youth), Global Security. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  7. ^ Jack Freeman, The al Houthi Insurgency in the North of Yemen: An Analysis of the Shabab al Moumineen, in Studies in Conflict & Terrorism, vol. 32, nº 11, 2009, 1008–1019, DOI:10.1080/10576100903262716, ISSN 1057-610X (WC · ACNP).
  8. ^ a b c d Barak A. Salmoni, Bryce Loidolt e Madeleine Wells, Regime and Periphery in Northern Yemen: The Huthi Phenomenon (PDF), RAND, 2010. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  9. ^ a b Yemen's Abd-al-Malik al-Houthi, in BBC, 3 ottobre 2014. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  10. ^ Yemen: The conflict in Saada Governorate - analysis, IRIN, 24 luglio 2008. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  11. ^ Yemeni forces kill rebel cleric (BBC News), 10 settembre 2004. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  12. ^ Saeed Al Batati, "Who are the Houthis in Yemen?", su: BBC, 21 agosto 2014.
  13. ^ The Huthis: From Saada to Sanaa, International Crisis Group, 10 giugno 2014. URL consultato il 24 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale l'8 aprile 2015).
  14. ^ Houthis Close to Control Hajjah Governorate, Amid Expectations of Expansion of Control over Large Parts of Northern Yemen, in Islam Times, 29 novembre 2011. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  15. ^ "Al-Houthi Expansion Plan in Yemen Revealed", su: Yemen Post.
  16. ^ "New war with al-Houthis is looming", su: Yemen observer.
  17. ^ Houthis seize government buildings in Sanaa, in Al Jazeera. URL consultato il 21 settembre 2014.
  18. ^ Kareem Fahim, Yemen rivals sign peace agreement - Houthi leaders and Yemen president agree UN-brokered deal as rebels take over government buildings in Sanaa., in The New York Times (The Times Company), 25 gennaio 2015. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  19. ^ Yemen Houthi rebels 'seize presidential palace', in BBC News, 20 gennaio 2015.
  20. ^ Philips, Sarah (28 luglio 2005). Cracks in the Yemeni System Archiviato il 27 settembre 2011 in Internet Archive.. Middle East Report Online.
  21. ^ Pity those caught in the middle, in The Economist, 19 novembre 2009.
  22. ^ "Thousands Expected to die in 2010 in Fight against Al-Qaeda", su: Yemen post, 23 gennaio 2013
  23. ^ Termine calcato su "Duodecimani" (o Imamiti) e "Settimani" (o Ismailiti).
  24. ^ Si veda di Eugenio Griffini il "Corpus iuris" di Zaid Ibn ʿAlī (VIII sec. Cr.), la più antica raccolta di legislazione e di giurisprudenza musulmane finora ritrovata, Milano, Hœpli, 1919.
  25. ^ Lemma «Zaydiyya» (Wilferd Madelung), in: The Encyclopaedia of Islam, 2nd edition.
  26. ^ a b Deadly blast strikes Yemen mosque, in BBC News, 2 maggio 2008. URL consultato l'11 novembre 2009.
  27. ^ ,Yemen's war: Pity those caught in the middle
  28. ^ Sultan, Nabil (10 luglio 2004). Rebels have Yemen on the hop. Asia Times Online.
  29. ^ Ma non zaydita.
  30. ^ Cable Viewer, in Wikileaks, 17 febbraio 2010. URL consultato il 23 gennaio 2013.
  31. ^ Saudi, al-Qaeda support Yemen crackdown on Shias, in Press TV, 29 agosto 2009. URL consultato il 1º febbraio 2010.
  32. ^ Al-Qaeda Fighting for Yemeni Government Against Houthi Shia Rebels..., 29 dicembre 2009. URL consultato il 1º febbraio 2010.
  33. ^ Yemen employs al-Qaeda mercenaries: Houthis, in Press TV, 28 ottobre 2009. URL consultato il 1º febbraio 2010.
  34. ^ Ali Abdullah Saleh Al-Ahmar, in APS Review Downstream Trends, 26 giugno 2006. URL consultato il 7 aprile 2011.
  35. ^ Meetings push government and Houthis closer towards "reconciliation", in Yemen Times, 29 marzo 2012. URL consultato il 23 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2013).
  36. ^ Middle East, in Arab News. URL consultato il 23 gennaio 2013.
  37. ^ Sana'a Cards to Pressurize Houthis to Enter New Dialogue Rounds, in Yemen Post. URL consultato il 23 gennaio 2013.
  38. ^ Yemenis protest fuel price hikes in several cities, in PressTV. URL consultato il 9 settembre 2014.
  39. ^ 1000s of Yemen's Houthis protest in Sana'a, in PressTV, 20 agosto 2014. URL consultato il 9 settembre 2014.
  40. ^ 1000s of Yemenis stage massive anti-government protest, in PressTV, 18 agosto 2014. URL consultato il 9 settembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]