Istituto per gli studi di politica internazionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Istituto per gli studi di politica internazionale
Abbreviazione ISPI
Tipo centro di ricerca
Fondazione 1934
Scopo culturale
Sede centrale Italia Milano
Presidente Giampiero Massolo
Direttore Paolo Magri
Sito web 

L'Istituto per gli studi di politica internazionale (ISPI) è un think tank italiano, specializzato in analisi geopolitiche e delle tendenze politico-economiche globali. Fondato nel 1934 come associazione, è stato elevato a ente morale il 13 marzo 1972 con decreto del presidente della Repubblica n. 302. Ha sede a Palazzo Clerici, a Milano.

Le attività di ricerca dell'Istituto si articolano in osservatori suddivisi per aree geografiche (Europa; Mediterraneo e Medio Oriente; Africa; Asia; Russia, Caucaso e Asia centrale) o per tematiche generali (scenari economici, energia, studi strategici e sicurezza, terrorismo).

Dal 1934 al 1938 l'Istituto pubblicò una rivista di studi e ricerche, la «Rassegna di politica internazionale»[1].

Nel 1950, l'ISPI ha costituito una propria scuola di formazione, la ISPI School, che propone vari corsi nell'ambito delle relazioni internazionali e della cooperazione allo sviluppo.

Il Rapporto 2015 ‘Global Go to Think Tank Index[2]’, redatto dall’Università di Pennsylvania, ha rafforzato la presenza dell’ISPI tra i migliori Think Tank al mondo. Nella categoria più ampia e prestigiosa (‘Top Think Tanks Worldwide – US and non US’) l’ISPI ha guadagnato 42 posizioni, classificandosi primo tra i sei Istituti italiani in graduatoria. In particolare, l’ISPI:

  • si è confermato primo Istituto italiano in ‘Top Defence and National Security’, secondo in ‘Top Foreign Policy and International Affairs’ e ‘Top Western Europe’;
  • è terzo al mondo fra i ‘Think Tanks to Watch’ (seguito da Woodrow Wilson International Center for Scholars e Atlantic Council), quarto al mondo tra i ‘Best Managed Think Tanks’ dopo Brookings Institution, Chatham House e Bruegel e quarto tra i ‘Think Tanks di medie dimensioni’ (bilancio inferiore ai 5 milioni di dollari);
  • raggiunge il settimo posto nelle categorie ‘Best Think Tank Conference 2015’ (dopo Munich Security Conference, Brookings Institution e Chatham House) e ‘Best Think Tanks Network’;
  • è entrato nel gruppo dei 15 migliori ‘Report/Policy Papers’ pubblicati nel 2015 con il Rapporto ‘Twitter and Jihad’.

Dal 2013 l'ISPI partecipa ai T20 Summit, le riunioni ufficiali dei think tank dei paesi del G20, come rappresentante italiano.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]