Helcaraxë

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Helcaraxë
Creazione
IdeatoreJ.R.R. Tolkien
Appare inIl Silmarillion
Caratteristiche immaginarie
TipoStretto Ghiacciato
PianetaArda
ContinenteEndor
StatoZona Ghiacciata
AbitantiDisabitato

«I Noldor giunsero infine all'estremo nord di Arda; e scorsero i primi denti del ghiaccio che galleggiava sul mare, e conobbero di essere vicini allo Helcaraxë. Che tra la terra di Aman che a nord piegava verso est e le rive orientali di Endor (che appartiene alla Terra di Mezzo), che volgevano invece a occidente, era un angusto stretto, attraverso il quale le algide acque del Mare Circondante e le onde di Beleager confluivano, e quivi erano vaste nebbie brune di freddo mortale, e le correnti marine erano irte di cozzanti colline di ghiaccio e piene dello scricchiolio di ghiacci sprofondati. Tale era lo Helcaraxë, e nessuno ancora aveva osato avventurarsi, salvo i soli Valar e Ungoliant.»

(J.R.R. Tolkien, Il Silmarillion, capitolo IX, "La fuga dei Noldor")

L'Helcaraxë è un luogo di Arda, l'universo immaginario fantasy creato dallo scrittore inglese J.R.R. Tolkien. È lo stretto di mare tra le punte più settentrionali di Aman e della Terra di Mezzo.

È sempre ricoperto di ghiaccio, come suggerisce l'etimologia del termine, ed è riconducibile allo Stretto di Bering.

Nel IX capitolo del Silmarillion viene narrato che la schiera di Fingolfin, quando venne tradita da Fëanor che li abbandonò sulla sponda di Aman, «affrontò i terrori dello Helcaraxë», attraversando questa regione a piedi. Molte furono le perdite, tra cui Elenwë moglie di Turgon.

  Portale Tolkien: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Tolkien