Halloween 6 - La maledizione di Michael Myers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Halloween 6 - La maledizione di Michael Myers
Halloween-6.jpg
Michael Myers in una scena del film
Titolo originale Halloween: The Curse of Michael Myers
Lingua originale Inglese
Paese di produzione USA
Anno 1995
Durata 88 min
96 min (Producer's Cut)
Colore colore
Audio sonoro
Genere orrore, thriller
Regia Joe Chappelle
Soggetto Daniel Farrands, John Carpenter
Sceneggiatura Daniel Farrands
Produttore Paul Freeman
Distribuzione (Italia) Cecchi Gori Group
Fotografia Billy Dickson
Montaggio Randy Bricker
Effetti speciali John Cluff
Musiche Alan Howarth
Scenografia Bryan Ryman
Costumi Ann Gray Lambert
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Halloween 6 - La maledizione di Michael Myers (Halloween: The Curse of Michael Myers) è un film americano del 1995 diretto da Joe Chappelle, sesto film della saga di Halloween con George P. Wilbur (Michael Myers) e ultimo film per Donald Pleasence prima della sua morte. Infatti il film è dedicato all'attore che ha impersonato il "dott. Sam Loomis".

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Viene rivelato che Michael Myers è stato prelevato da un culto segreto di druidi (composta da eminenti personaggi politici e da uno staff medico): il Culto della Spina, il cui scopo è proteggerlo è allo stesso tempo usarlo per i propri scopi. Il culto ha anche rapito Jamie Lloyd, che ora ha 15 anni ed è incinta proprio di Michael Myers. Il capo del culto, l'uomo vestito di nero visto in Halloween 5 ha fatto in modo che venisse generato un erede da Jamie e Michael. La nipote viene quindi ingravidata e partorisce un maschietto destinato a subire il progetto Thorn. Avendo appreso l'oscuro disegno che si cela dietro la setta dell'uomo in nero, la ragazza disperata elude la sorveglianza grazie a Mary, un membro della setta (che verrà ucciso dallo stesso Michael), riprende il figlio e fugge. Ma il tenebroso dottore sguinzaglia ancora una volta l'inarrestabile zio contro di lei. Jamie riesce a scappare con il bambino ma Michael la insegue e infine riesce ad ucciderla stavolta. In ogni caso non riesce a capire dove questa ha nascosto suo figlio. Michael Myers è diventato un mito nella sua cittadina e molte ragazze telefonano alla radio per dichiararsi innamorate di lui e curiose di vedere il suo volto. Il dott. Loomis, intanto, apprende finalmente il segreto della furia omicida e dell'apparente immortalità di Michael: è la maledizione del simbolo Thorn, il quale fa credere alla sua vittima che l'uccisione di tutti i membri della sua famiglia riporti equilibrio nelle condizioni che affliggono l'umanità. Il bambino che Jamie aveva nascosto in una stazione di Bus Dip viene trovato da Tommy Doyle, il bambino comparso nel primo film ossessionato dalla figura di Michael Myers, e insieme a Kara Strode, cugina adottiva di Laurie Strode, e il figlio di Kara, Danny, che avverte misteriose voci, cercherà insieme al dottor Loomis di mettere in salvo il piccolo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Molte delle scene in cui il protagonista era Donald Pleasance furono tagliate in fase di montaggio perché il regista Chapelle lo trovava "noioso". Lo script passò attraverso dodici differenti versioni prima di approdare alla versione definitiva. I personaggi di John e Debra Strode devono il loro nome a John Carpenter e Debra Hill, produttori del primo film.

Alla fine della versione cinematografica del film, il pubblico è portato a credere che Loomis sia stato ucciso da Myers, a causa di un forte urlo che proviene dall'edificio in cui Loomis e Myers vengono visti l'ultima volta insieme. Nel finale del Producer's Cut, è possibile vedere che Loomis scopre che il Michael che lui stava seguendo è solamente il dott. Wynn travestito da Michael. Il dottore quindi assegna a Loomis il compito di osservare Michael e lo marchia con il simbolo del Thorn, è per questo l'ex psichiatra comincia ad urlare per la disperazione. Inoltre in un'altra scena della versione inedita, Tommy, Kara e Danny si ritrovano nella sala del culto dove Danny che dovrebbe diventare il nuovo Michael deve uccidere sua madre o il piccolo Steven (così lo ha chiamato Tommy appena lo ha trovato). Kara intuisce quindi che Michael è il padre del piccolo Steven e gliene rammenta, a quel punto Michael si ferma e questo permette a Tommy di minacciare Wynn con il coltello e quest'ultimo li lascia andare. Questa versione tagliata dal produttore (Halloween 666 - The Origin of Michael Myers), è il seguito diretto di Halloween 5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema