Guglielmo II di Hainaut

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guglielmo II
Guillaume II de Hainaut.png
Guglielmo II di Hainaut, incisione del XVI secolo
Conte di Hainaut
In carica 7 giugno 1337 –
26 settembre 1345
Predecessore Guglielmo I
Successore Margherita II
Conte d'Olanda e di Zelanda
conosciuto come Guglielmo IV d'Olanda
In carica 7 giugno 1337 –
26 settembre 1345
Predecessore Guglielmo IV
Successore Margherita I
Nome completo Guglielmo di Avesnes o di Hainaut
Nascita 1317
Morte Stavoren, 26 settembre 1345
Sepoltura abbazia Floridus campus nei pressi di Bolsward
Dinastia Casa di Avesnes
Padre Guglielmo I di Hainaut
Madre Giovanna di Valois
Consorte Giovanna di Brabante
Figli Guglielmo, legittimo
altri due figli, illegittimi
Religione Cattolico

Guglielmo II d'Avesnes o di Hainaut, detto "l'Ardito" (1307Stavoren, 26 settembre 1345), fu conte di Hainaut, e conte d'Olanda e Zelanda col nome di Guglielmo IV, dal 1337 alla sua morte.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il capitolo n° 81a della Chronologia Johannes de Beke Guglielmo era il figlio maschio secondogenito del Conte di Hainaut e conte d'Olanda e di Zelanda, Guglielmo e della moglie Giovanna di Valois[1] (1294-6 aprile 1342), la figlia terzogenita di Carlo di Valois e di Margherita d'Angiò, e come ci ricorda la Chronologia Johannes de Beke, era sorella del futuro re di Francia (1328) Filippo VI[1].
Ancora secondo il capitolo n° 78a della Chronologia Johannes de Beke Guglielmo I (o Guglielmo III d'Olanda) era il figlio maschio terzogenito del Conte di Hainaut e conte d'Olanda e di Zelanda, Giovanni e della moglie Filippa di Lussemburgo[2] (1252-6 aprile 1311), figlia di Enrico V di Lussemburgo[1] e Marguerite di Bar (1220-1275).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Suo padre, che era divenuto conte di Hainaut, di Olanda e di Zelanda, nel 1304[2], nella decennale guerra contro i Dampierre, che erano signori della contea delle Fiandre, si era avvicinato al re di Francia, Filippo IV il Bello, e, dopo di lui, ai suoi figli; ponendo fine alla guerra col Trattato di Parigi, sottoscritto con Luigi I di Fiandra, il 6 marzo 1323 a Parigi; attraverso il quale vennero concluse tutte le dispute tra i Dampierres e gli Avesnes sulla Contea di Zelanda. Il trattato stabilì che Luigi I rinunciava ai diritti feudali fiamminghi sulla Zelanda, sulle sue isole e le sue acque e riconosceva il Conte d'Olanda quale Conte di Zelanda.[3].

Suo fratello, Giovanni, il primogenito, morì nel 1316[4], lasciando Guglielmo erede delle contee di Hainaut, di Olanda e di Zelanda.

Nel 1324, sua sorella, Margherita, a tredici anni, era andata in moglie al duca di Baviera, re di Germania e futuro imperatore, Ludovico IV di Wittelsbach, detto il Bavaro[5](1282-1347).

Nel 1326, suo padre, Guglielmo I aiutò, mettendo a disposizione la cavalleria dell'Hainaut la regina d'Inghilterra Isabella di Francia (cugina della di lui moglie Giovanna di Valois) ed il figlio, Edoardo[6]a preparare una spedizione contro il re (e marito di Isabella) Edoardo II ed il suo favorito Hugh le Despenser. Con l'occasione il futuro re d'Inghilterra Edoardo fu fidanzato alla figlia di Guglielmo, Filippa di Hainaut; che poi sposò nel 1328[6].

In gioventù Guglielmo andò in pellegrinaggio in Terrasanta e combatté i Mori nella Penisola iberica.

Quando nel 1337 succedette al padre come conte di Hainaut, di Olanda e di Zelanda[7], questi era in procinto di organizzare una lega contro il regno di Francia, a sostegno di suo genero Edoardo III d'Inghilterra, che ne rivendicava il trono e si accingeva a scatenare la guerra dei cent'anni; infatti, all'inizio della guerra dei cento anni, si era schierato dalla parte del genero Edoardo III d'Inghilterra contro il proprio cognato Filippo di Valois, re di Francia ed aveva formato una coalizione con il re d'Inghilterra, il duca di Brabante, il duca di Gheldria, l'arcivescovo di Colonia e il conte di Juliers, morendo poco dopo; secondo la Chronologia Johannes de Beke, si ammalò e morì il 7 giugno 1337 e fu sepolto a Valenciennes[8].
Nel 1340 prese parte ad una spedizione contro il regno di Francia assieme al re d'Inghilterra[7].

Quando anche l'imperatore Ludovico il Bavaro scese in campo a favore dell'Inghilterra, Guglielmo fu costretto in un primo momento temporeggiare fra le due parti, trovandosi ad essere contemporaneamente vassallo del re di Francia e dell'imperatore. Infine si unì alle forze inglesi, a causa della condotta di Filippo VI di Francia nei suoi riguardi; si impegnò completamente nella guerra e si guadagnò il soprannome di "Ardito".

Il re di Francia, per mezzo di sua sorella Giovanna di Valois, che di Guglielmo era madre, ottenne una tregua con l'Hainaut, tregua che Guglielmo sfruttò per partecipare ad una delle Crociate del Nord, in Lituania, a fianco dell'Ordine Teutonico[9].
Al ritorno si trovò a dover pacificare la Frisia (in parte dipendente dai conti d'Olanda) in rivolta, e fu ucciso in uno scontro coi ribelli, come ci viene narrato nel cap. 87b dalla Chronologia Johannes de Beke,[10] e fu sepolto abbazia Floridus campus nei pressi di Bolsward[11].
Alla sua morte i titoli (Hainaut, Olanda, Zelanda e Frisia) passarono alla maggiore delle sue sorelle, Margherita[12], in quanto le furono assegnati dal marito, l'imperatore Ludovico il Bavaro, trascurando le legittime aspettative della altre sorelle[13].

Matrimonio e discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Guglielmo II, nel 1334, aveva sposato, come ci ricorda la Chronologia Johannes de Beke, Giovanna[7], duchessa di Brabante e di Limburgo, figlia primogenita del duca di Brabante[7] e di Limburgo, Giovanni III di Brabante e di Maria d'Évreux.
Guglielmo II da Giovanna ebbe un solo figlio[14][15]:

  • Guglielmo[7], morto in giovane età.

Da una o due amanti di cui non si conoscono né il nome né gli ascendenti ebbe altri due figli, illegittimi[14].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (LA) Chronologia Johannes de Bek, cap. 81a, pag 273
  2. ^ a b (LA) Chronologia Johannes de Bek, cap. 78a, pag 255
  3. ^ (NL) Arie van Steensel, Edelen in Zeeland: macht, rijkdom en status in een laatmiddeleeuwse samenleving, Hilversum, Uitgeverij Verloren, 2010, p. 21, ISBN 9789087041854.
  4. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy:conti di HAINAUT - GUILLAUME de Hainaut
  5. ^ Henry Pirenne, "I Paesi Bassi", cap. XII, vol. VII, pag. 432
  6. ^ a b Henry Pirenne, "I Paesi Bassi", cap. XII, vol. VII, pag. 423
  7. ^ a b c d e (LA) Chronologia Johannes de Bek, cap. 85a, pag 297
  8. ^ (LA) Chronologia Johannes de Bek, cap. 84g, pagg 295 e 297
  9. ^ Alexander Bruce Boswell, "l'ordine teutonico", cap. XIII, vol. VI, pagg. 515 e 516
  10. ^ (LA) Chronologia Johannes de Bek, cap. 87b, pagg 301 e 303
  11. ^ (LA) Chronologia Johannes de Bek, cap. 87b, pag 303
  12. ^ (LA) Chronologia Johannes de Bek, cap. 87b, pag 305
  13. ^ W.T. Waugh, "Germania: Ludovico il Bavaro", cap. IX, vol. VI, pag. 398
  14. ^ a b (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy:conti di HAINAUT - GUILLAUME de Hainaut
  15. ^ (EN) #ES Genealogy: Flanders 3 - Willem IV

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

  • W.T. Waugh, "Germania: Ludovico il Bavaro", cap. IX, vol. VI (Declino dell'impero e del papato e sviluppo degli stati nazionali) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 372–400.
  • Alexander Bruce Boswell, "l'ordine teutonico", cap. XIII, vol. VI (Declino dell'impero e del papato e sviluppo degli stati nazionali) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 501–530.
  • Henry Pirenne, "I Paesi Bassi", cap. XII, vol. VII (L'autunno del Medioevo e la nascita del mondo moderno) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 411–444.
  • Général baron Guillaume, «Guillaume II», Académie royale de Belgique, Biographie nationale, vol. 8, p. 478-480

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Conte di Hainaut Successore Hainaut Modern Arms.svg
Guglielmo I 1337 - 1345 Ludovico il Bavaro
con Margherita II
Predecessore Conte d'Olanda Successore Counts of Holland Arms.svg
Guglielmo II 13371345 Ludovico il Bavaro
con Margherita I
Predecessore Conte di Zelanda Successore Coatofarmszeeland.PNG
Guglielmo II 13371345 Ludovico il Bavaro
con Margherita I
Controllo di autorità VIAF: (EN81539715 · GND: (DE13733494X