Stavoren

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Frisia (Paesi Bassi): panoramica del porto di Stavoren
Stavoren
città
Stavoren – Stemma Stavoren – Bandiera
Stavoren – Veduta
Localizzazione
StatoPaesi Bassi Paesi Bassi
ProvinciaFrisian flag.svg Frisia
ComuneSúdwest-Fryslân
Territorio
Coordinate52°53′00″N 5°21′30″E / 52.883333°N 5.358333°E52.883333; 5.358333 (Stavoren)Coordinate: 52°53′00″N 5°21′30″E / 52.883333°N 5.358333°E52.883333; 5.358333 (Stavoren)
Superficie0,29 km²
Abitanti900 (2001)
Densità3 125 ab./km²
Altre informazioni
LingueOlandese, Frisone
Cod. postale8715
Prefisso(+31) 0514
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Paesi Bassi
Stavoren
Stavoren
Stavoren – Mappa
Sito istituzionale
Edifici di Stavoren
Stavoren: il municipio
Stavoren: la Chiesa di San Nicola, edificio classificato come rijksmonument

Stavoren (un tempo: Staveren[1]; in frisone: Starum[2][3]; 0,288 km²[3]; 900 ab. circa[3]) è una cittadina sull'IJsselmeer (ex-Zuiderzee) della costa sud-occidentale della Frisia (Friesland /Fryslân), nel nord-est dei Paesi Bassi, situata allo sbocco del Canale Johan Friso (Johan Frisokanaal)[1][4] Dal punto di vista amministrativo, si tratta di un ex-comune[2], dal 1984 inglobato nel comune di Nijefurd[2], comune a sua volta inglobato dal 2011 nella neo-nata municipalità di Súdwest-Fryslân[2].

Sviluppatasi come villaggio di pescatori[1][4] e un tempo anche porto per le grandi navi[1], la località fu membro della Lega anseatica[4].

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Collocazione[modifica | modifica wikitesto]

Stavoren si trova nell'estremità sud-occidentale[5] della provincia della Frisia, ad ovest della regione del Gaasterland[5] ed è situata a circa 10 km[6] a sud di Hindeloopen e a circa 25 km[7] ad ovest di Frisia. Località vicine sono Koudum, Rijsterbos e Oudemirdum.[5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La città di Stavoren, o Staveren, com'era chiamata un tempo, fu fondata nel Medioevo lungo un fiumiciattolo che sfociava nel Vlie, che rappresentava allora il collegamento tra il Flevomeer e il Mare del Nord.[1]

Nell'837, fu fondato a Staveren un monastero dal monaco Odolfo, in seno al suo tentativo di cristianizzazione del popolo frisone.[1]

Nel 1061, Staveren ottenne lo status di città, conferitole dal conte Egbert, membro di una famiglia tedesca, i Brunonen, che in quell'epoca regnava in Frisia.[1]

In seguito, la cittadina si sviluppò come porto per la pesca delle aringhe.[1] La prosperità commerciale di Staveren durò però soltanto fino agli inizi del XV secolo.[1]

Staveren conobbe tuttavia un nuovo periodo di prosperità a partire dall'inizio del XVI secolo, quando fu ampliata con la costruzione di alcune fortificazioni.[1]

Tra il 1602 e il 1616, Staveren era controllata da Adam Westerman[1], che cambiò il nome della città in "Stavoren"[1]. Sotto il suo dominio, la città fu dotata di 70 grandi navi, che viaggiavano in direzione, tra l'altro, delle isole orientali e della Francia.[1]

Mappa di Stavoren nel 1664

Il dominio in campo navale di Stavoren durò però fino agli inizi del XVIII secolo, quando il porto iniziò progressivamente ad insabbiarsi e molte famiglie della città dedite alla navigazione furono costrette a trasferirsi.[1]

Un nuovo colpo di grazia all'attività marittima di Stavoren fu dato anche dalla quarta guerra inglese (1780-1784).[1]

Tutto ciò provocò anche un calo demografico: dai 1604 abitanti del 1704 si passò ai 1235 del 1794 e ai 574 del 1815.[1]

A partire dal 1966, la cittadina poté giovarsi del collegamento con il Canale Johan Friso per uno sviluppo dal punto di vista turistico.[1]

Nel 1984, la cittadina cessò di essere un comune indipendente.[2]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma di Stavoren si configura come uno scudo dai colori giallo e rosso con una corona e due pastorali incrociati.[8]

Lo stemma di Stavoren nella facciata del municipio

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Oude Haven[modifica | modifica wikitesto]

Sull'Oude Haven ("Vecchio porto") sorgono il ponte mobile, la stazione marittima e la stazione ferroviaria che collega Stavoren a Sneek.[9]

Het Vrouwtje van Stavoren[modifica | modifica wikitesto]

Sull'Oude Haven si trova una celebre scultura, Het Vrouwtje van Stavoren ("La donnetta di Stavoren"), scultura raffigurante una vecchia donna, che - secondo la leggenda - sarebbe stata la più importante armatrice della città: si dice che un giorno sarebbe stata così arrabbiata perché una nave non tornò carica d'oro, da gettare in mare tutto il grano contenuto nella stiva, tanto da causare l'insabbiamento del porto di Stavoren.[9]

Het Vrouwtje van Stavoren
Altra immagine della Vrouwtje van Stavoren

Chiesa di San Nicola[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q Stavoren - Sito ufficiale: Geschiedenis
  2. ^ a b c d e Stavoren su Plaatsengids
  3. ^ a b c Stavoren su City Population]
  4. ^ a b c Gambaro, Cristina, Olanda, Giunti, Firenze, 2007, p. 91
  5. ^ a b c Harmans, Gerard, M.L. (a cura di), Olanda, Dorling Kindersley, London - Mondadori, Milano, 2007, p. 292
  6. ^ ViaMichelin.it: Itinerario da Stavoren a Hindeloopen
  7. ^ ViaMichelin.it: Itinerario da Stavoren a Sloten
  8. ^ Stavoren su Heraldry Wiki
  9. ^ a b Gambaro, Cristina, op. cit., p. 92
  10. ^ Harmans, Gerard M.L., op. cit., p. 294
  11. ^ vv Q.V.C. - Home

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN240107946 · GND (DE4747349-6
Paesi Bassi Portale Paesi Bassi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Paesi Bassi