Gravitino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il gravitino è un'ipotetica particella elementare, partner di supersimmetria del gravitone, secondo le ipotesi delle teorie che uniscono la teoria generale della relatività e la supersimmetria, come la teoria della supergravità.

Queste teorie prevedono, nell'ipotesi che esita una tale particella, che abbia le seguenti proprietà: è un fermione di spin 3/2, e pertanto obbedisce alla equazione di Rarita-Schwinger.

Gravitino leggero[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ipotesi che il gravitino sia la particella supersimmetrica più leggera e che la Parità R sia conservata (o quasi conservata), allora la maggior parte delle particelle supersimmetriche o tutte le particelle supersimmetriche possono decadere nei loro partner di supersimmetria e in un gravitino. Questo darebbe luogo ai seguenti effetti:

  1. Il gravitino potrebbe contribuire alla maggior parte della materia oscura dell'universo.
  2. Tali decadimenti potrebbero essere osservati negli acceleratori di particelle futuri. Il rilevamento potrebbe essere effettuato così che una particella supersimmetrica neutra decada all'interno del rivelatore di particelle (cosa possibile solo per tempi di vita molto brevi) sia che una particella supersimmetrica carica sia fermata al di fuori del rivelatore (e questo sarebbe possibile anche nel caso di tempi di vita più lunghi).

L'altra particella candidata ad essere la particella supersimmetrica più leggera è il neutralino.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • S.Ferrara, Supersymmetry, Raccolta di articoli (North Holland and World Scientific) Vol. I-II, 1987
  • J. Schwarz, Superstrings - The first 15 years of Superstring Theory, Raccolta di articoli Vol. I-II World Scientific, 1985
  • M. Green, J. Schwarz, E. Witten, Superstring Theory, Cambridge Monographs in Mathematical Physics Vol. I-II, 1987
  • Collins P.D.B., Martin A.D., Squires E.J., Particle physics and cosmology (1989) Wiley, Section 1.6.
  • G. Velo, D. Zwanziger, Propagation and Quantization of Rarita-Schwinger Waves in an External Electromagnetic Potential, Phys. Rev. 186, 1337 (1969).
  • G. Velo, D. Zwanziger, Noncausality and Other Defects of Interaction Lagrangians for Particles with Spin One and Higher, Phys. Rev. 188, 2218 (1969).
  • M. Kobayashi, A. Shamaly, Minimal Electromagnetic coupling for massive spin-two fields, Phys. Rev. D 17,8, 2179 (1978).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità GND: (DE7566112-3
Fisica Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fisica