Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Mesone D

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I mesoni D sono le particelle più leggere contenenti quark charm e spesso vengono studiati per migliorare la comprensione dell'interazione debole.[1] I mesoni D strange (Ds) venivano definiti "mesoni F" prima del 1986.

Visione d'insieme[modifica | modifica wikitesto]

I mesoni D vennero scoperti nel 1976 durante con il rivelatore Mark I al Stanford Linear Accelerator Center [2]

Dato che il mesone D è il mesone più leggero contenente un unico quark charm, per decadere il suo quark charm deve decadere in un altro quark. I decadimenti dei quark hanno luogo tramite l'interazione debole. Nei mesoni D, il quark charm cambia in un quark strange con una particella W e dunque decade prevalentemente in kaoni (che contengono quark strange) e pioni.[1]

Lista dei mesoni D[modifica | modifica wikitesto]

mesoni D
Nome della Particella Simbolo della particella Simbolo dell'antiparticella Quark
contenuti[3]
Massa a riposo (MeV/c2) IG JPC S C B' Vita media (s) Comunemente decade in

(>5% di decadimenti)

mesone D [4] D+ D- cd 1.869,62 ± 0,20 1/2 0 0 +1 0 1,040 ± 0,007 × 10−12 Vedi modi di decadimento D+
mesone D [5] D⁰ D⁰ cu 1.864,84 ± 0,17 1/2 0 0 +1 0 4,101 ± 0,015 × 10−13 Vedi modi di decadimento D⁰
mesone D [6] D*+ (2010) D*- (2010) cd 2.010,27,62 ± 0,17 1/2 1 0 +1 0 6,9 ± 1,9 × 10−21 [7] D⁰ + π+ o
D+ + π⁰
Mesone D [8] D*⁰ (2007) D*⁰ (2007) cu 2.006,97 ± 0,19 1/2 1 0 +1 0 >3,1 × 10−22 [7] D⁰ + π⁰ o
D⁰ + γ

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) D Meson, hyperphysics.phy-astr.gsu.edu. URL consultato il 29-04-2010.
  2. ^ (EN) Mesoni charmed (PPT), kudryavtsev.staff.shef.ac.uk. URL consultato il 29-04-2010.
  3. ^ (EN) C. Amsler et al.. (2008): Quark Model
  4. ^ C. Amsler et al.. (2008): Particle listings – D±
  5. ^ C. Amsler et al.. (2008): Particle listings – D⁰
  6. ^ C. Amsler et al.. (2008): Particle listings – D∗± (2010)
  7. ^ a b Il PDG riporta la larghezza di risonanza (Γ). Qui invece viene data la conversione τ = ħ/Γ.
  8. ^ C. Amsler et al.. (2008): Particle listings – D*⁰ (2007)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4314771-9
Fisica Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fisica