Giuseppe Anastasi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Anastasi
NazionalitàItalia Italia
GenerePop
Musica d'autore
Periodo di attività musicale2001 – in attività
Strumentovoce, chitarra, armonica
EtichettaGiuro
Album pubblicati1
Studio1

Giuseppe Anastasi (Palermo, 23 agosto 1976) è un cantautore e paroliere italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il padre è di Marsala, la madre di Palermo, dove insegna. A 21 anni è ammesso alla scuola Cet di Mogol di Roma per parolieri. Ha collaborato nel 2001 con Francesco Baccini, insieme al quale ha scritto il brano Son resuscitato, mentre nel 2004 ha partecipato alla scrittura della sigla del cartone animato He Man and Master of the Universe. Due anni dopo ha partecipato come autore al nuovo album di Mietta, 74100, e come concorrente al Festival Musicultura con il brano Lo specchio, raggiungendo la finale.[1]

Lavorando come assistente di metrica musicale al corso per "Autori di testi" al CET di Mogol[1] ha conosciuto Arisa, con la quale si è legato sentimentalmente e artisticamente, per la quale ha scritto, insieme a Maurizio Filardo e Giuseppe Mangiaracina, il brano d'esordio Sincerità, vincitore della sezione "Giovani" del Festival di Sanremo 2009 e del relativo Premio della Critica "Mia Martini", che ha ottenuto un grande successo di pubblico mantenendo la vetta della classifica italiana dei singoli per sei settimane consecutive.[2] Nello stesso periodo è stato pubblicato il disco d'esordio della cantante, i cui testi sono stati scritti da Anastasi in collaborazione con Filardo e Mangiaracina.

Nel[2010 ha scritto il brano Malamorenò, portato da Arisa al Festival di Sanremo 2010 e piazzatosi tra i finalisti (questo brano si classificherà nono). Contemporaneamente a questa seconda partecipazione è stato pubblicato il secondo album della cantante, composto da brani scritti quasi tutti interamente da Anastasi. Nello stesso anno ha collaborato con Adriano Pennino nella scrittura del brano Sensi di Anna Tatangelo, presente nell'album Progetto B. Sempre nel 2010 è terminata la relazione sentimentale tra il paroliere e Arisa,[3] mentre il legame artistico è proseguito con la scrittura di nuovi pezzi per l'artista, tra cui La notte, brano presentato al Festival di Sanremo 2012 e classificatosi al secondo posto nel podio finale. Ha inoltre scritto nove degli undici brani che compongono il terzo disco di Arisa, intitolato Amami.

È autore, insieme a Cheope, del libro Scrivere una canzone, edito dall'editore Zanichelli nell'ottobre del 2012.

Nel 2014 ha vinto come autore il Festival di Sanremo grazie al brano Controvento, interpretato da Arisa.

È sposato con la cantante Carlotta, nota principalmente per il singolo Frena del 2000.

Nel 2018 ottiene la vittoria della Targa Tenco nella sezione Opera Prima per il disco Canzoni ravvicinate del vecchio tipo.[4]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 2017 – 2089
  • 2020 – Berlino
  • 2020 – Bla Bla Star
  • 2020 – Polistirolo

Autore per altri artisti[modifica | modifica wikitesto]

Anno Artista Titolo Album
2001 Francesco Baccini Son resuscitato Forza Francesco!
2006 Mietta Io ti ho perso 74100
2009 Arisa Sincerità Sincerità
Io sono
2010 Malamorenò Malamorenò
2011 Anna Tatangelo Sensi Progetto B
2012 Arisa Il tempo che verrà Amami
La notte
L'amore è un'altra cosa
Meraviglioso amore mio Amami Tour
2014 Controvento Se vedo te
2015 Tazenda Amore nou Il respiro live
Emma Marrone Per questo paese Adesso
2016 Arisa Guardando il cielo Guardando il cielo
Voce
2017 Ho perso il mio amore /
Valeria Farinacci Insieme /
Michele Bravi Il diario degli errori Anime di carta
Alexia Fragile fermo immagine Quell'altra
2018 Anna Tatangelo La fortuna sia con me La fortuna sia con me
2020 Michele Bravi La vita breve dei coriandoli La geografia del buio

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Biografia di Giuseppe Anastasi sul sito di Musicultura, su musicultura.it. URL consultato il 25 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2012).
  2. ^ Sincerità (singolo) su italiancharts.com, su italiancharts.com. URL consultato il 25 febbraio 2012.
  3. ^ Arisa. Addio a rossetto e occhiali, rinasco, in tg1.rai.it, 9 febbraio 2012. URL consultato il 25 febbraio 2012.
  4. ^ Musica: targhe Tenco, è di Motta miglior album in assoluto - Cultura & Spettacoli, in ANSA.it, 5 luglio 2018. URL consultato il 6 luglio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]