Giovanni Antonio Galli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giovanni Antonio Galli detto lo Spadarino (Roma, 16 gennaio 1585Roma, 17 agosto 1652) è stato un pittore italiano.

Giovanni Antonio Galli, Convito degli Dei, Galleria degli Uffizi, Firenze

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Salvatore, un fabbricante di spade senese, da cui deriva il soprannome con cui è conosciuto sia lui che il fratello Giacomo, anch'egli pittore, ma soprattutto intagliatore e indoratore di soffitti; in passato i due venivano confusi.

La questione del Narciso[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni Antonio Galli, Narciso, Gallerie nazionali d'arte antica, Roma

Nel 1913 emerse una tela raffigurante Narciso, il critico d'arte Roberto Longhi non ebbe dubbi e l'attribuì a Caravaggio. Il personaggio è rappresentato in abiti seicenteschi, è raffigurato mentre coglie il suo riflesso, mette una mano nell'acqua per abbracciarsi prima di morire affogato (secondo Ovidio morì di stenti). Nonostante la forza del dipinto, vi è dolcezza, un tono elegiaco che in Caravaggio non si incontra. Negli anni Settanta Cesare Brandi fa il nome dello Spadarino, seguace di Caravaggio; dieci anni dopo l'intuizione è rilanciata da Giovanni Previtali, successivamente Gianni Papi dimostrò senza dubbio che la tela è opera dello Spadarino. L'attribuzione è frutto di un lavoro di studio e di confronti con altre opere del pittore, su tutte il Convito degli dèi. Non si tratta di una copia o di una replica, è un'invenzione propria dello Spadarino. Nel 1645 un documento, compilato a Roma, chiede l'esportazione di un Narciso di Caravaggio, l'errore di attribuzione era dunque antico. L'opera è conservata nelle Gallerie nazionali d'arte antica in Palazzo Barberini a Roma; viene ancora attribuita a Caravaggio.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

L'angelo custode, Chiesa di San Rufo, Rieti

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN121910858 · ISNI (EN0000 0001 1702 0399 · LCCN (ENnr2004005866 · GND (DE120702940 · BNF (FRcb15987249n (data) · ULAN (EN500009816 · CERL cnp00561664