Gioia Scola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gioia Scola, nome d'arte di Gioia Maria Tibiletti[1] (Milano, 28 ottobre 1961), è un'attrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gioia Scola inizia la propria carriera come attrice di fotoromanzi[2], per poi vincere il concorso di bellezza Miss Teen Ager[2] ed approdare al cinema nel 1978 nel film Suggestionata di Alfredo Rizzo. Seguono numerosi ruoli in diverse pellicole italiane di quegli anni, come I predatori di Atlantide (1983), Conquest (1983), Anemia (1986), Yuppies 2 (1986), Sensi (1986), Sotto il vestito niente II (1987), Per sempre (1987) o Nel giardino delle rose (1990). Nel 1987, all'apice della sua popolarità, compare anche su Playboy Italia.

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1995 Scola viene iscritta nella lista degli indagati relativi ad un traffico di droga[3] fra Napoli e Roma, in cui sono coinvolti altri personaggi pubblici come Paolo Berlusconi e Giovanni Goria. L'attrice viene arrestata per cinque mesi, di cui due agli arresti domiciliari. Il 31 gennaio 2007 viene assolta in quanto il fatto non sussiste.[4] Da questa esperienza l'attrice trae l'ispirazione per scrivere la sceneggiatura del film Malefemmene[5] del 2001 con Giovanna Mezzogiorno.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Corriere della Sera, 4 giugno 1996, https://web.archive.org/web/20160101000000/http://archiviostorico.corriere.it/1996/giugno/04/Processate_Gioia_Scola__co_0_9606049488.shtml (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  2. ^ a b Biografia, in Zapster.
  3. ^ Festini a base di coca, in Corriere della Sera, 4 giugno 1996 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  4. ^ La mia vita rovinata dai pettegolezzi e dai giudici, in Il Giornale, 31 marzo 2007.
  5. ^ (EN) Malafemmene, su Internet Movie Database, IMDb.com. Modifica su Wikidata

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN143429359 · SBN IT\ICCU\UBOV\012571 · WorldCat Identities (EN143429359