Gianfranco De Bernardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gianfranco De Bernardi
Gianfranco De Bernardi.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 172 cm
Peso 67 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Ala destra
Carriera
Giovanili
1959-1962 Pro Patria
Squadre di club1
1962-1963 Pro Patria 12 (4)
1963-1965 SPAL 15 (3)
1965-1966 Reggiana 5 (0)
1967-1968 SPAL 3 (0)
1968-1969 Del Duca Ascoli 18 (1)
1969-1972 Pro Patria 46 (5)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Gianfranco De Bernardi (Busto Arsizio, 1º marzo 1945) è un ex calciatore italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce in Serie B con la squadra della sua città, la Pro Patria, non ancora diciottenne a fianco del cannoniere Muzzio che giocherà con lui anche in futuro, sotto la guida tecnica di Franco Pedroni.

Di lui si interessa Paolo Mazza della SPAL che vuole dare a Fabbri i migliori giovani che può rastrellare sul mercato per le sue formazioni De Martino e Primavera.

Esordisce in Serie A il 27 ottobre 1963 in un derby casalingo contro i futuri campioni d'Italia del Bologna. In quel campionato scende in campo 4 volte ma iniziano alcuni acciacchi che lo perseguiteranno per tutta la sua breve carriera.

Retrocessa la SPAL in Serie B, De Bernardi inizia come titolare a diciannove anni. Vince anche, sempre con Fabbri allenatore, lo scudetto Primavera accanto ad altri calciatori, nati tra il 1945 ed il 1947, che poi esordiranno tutti in prima squadra come Capello, Pasetti, Moretti, Pezzato, Bertuccioli e Reja.

De Bernardi seguita però ad avere problemi fisici che lo fanno spesso allontanare dall'orbita della prima squadra. Promossa la SPAL in Serie A, viene ceduto in prestito alla Reggiana, in Serie B, dove gioca una manciata di partite. Le sue prestazioni verranno sempre limitate dagli infortuni.

La rosa della SPAL 1963-1964 in un'insolita divisa rossoblu. De Bernardi è il penultimo in ginocchio tra Carlos Cezar de Souza e Silvano Mencacci

Tornato alla SPAL nel 1967, viene impiegato nel campionato De Martino che vede la SPAL ancora una volta aggiudicarsi lo scudetto. A fine campionato Petagna tenta anche un rilancio di De Bernardi in Serie A, schierandolo 3 volte ma la SPAL retrocede. L'ultima partita di De Bernardi in Serie A è quella del 28 aprile 1968 nella gara interna vinta contro l'Atalanta.

Torna poi di nuovo in C con la Del Duca Ascoli assieme a Moretti, anch'egli con la carriera stroncata da un grave infortunio, per poi passare di nuovo alla Pro Patria e chiudere nel 1972, a soli 27 anni, la sua carriera.

Ritiratosi dal calcio si è stabilito in provincia di Ferrara.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]