Maurizio Moretti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maurizio Moretti
Maurizio Moretti.jpg
Maurizio Moretti con la maglia della Spal (1966)
Nazionalità Italia Italia
Altezza 177 cm
Peso 71 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Ritirato 1973
Carriera
Giovanili
1959-1962 Rivignano
Squadre di club1
1962-1968 SPAL 48 (0)
1968-1969 Del Duca Ascoli 19 (1)
1969-1971 SPAL 37 (0)
1971-1973 Belluno 49 (?)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Maurizio Moretti (Gradisca di Sedegliano, 3 marzo 1945) è un ex calciatore italiano, di ruolo stopper.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresce calcisticamente nel Rivignano, dove viene scoperto da Paolo Mazza che lo porta a Ferrara nella SPAL nel 1962. Affidato alle cure di Giovan Battista Fabbri, nel 1965 vince il campionato Primavera avendo come compagni di squadra, tra gli altri, Fabio Capello, Luigi Pasetti, Edoardo Reja, Gianfranco De Bernardi, Arturo Bertuccioli, Adriano Zanier e Franco Pezzato.

Esordisce nella SPAL in Serie B ventenne il 2 maggio 1965 contro il Brescia mettendosi subito in luce come uno dei migliori stopper del momento e prendendo il posto dell'acciaccato Riva. L'anno successivo è in Serie A e Francesco Petagna lo fa esordire il 3 ottobre 1965 contro il Milan a Ferrara. Da quel momento Moretti è lanciato verso una radiosa carriera che lo vede progressivamente punto fisso al centro della difesa con Bagnoli e Colombo prima e successivamente con Bertuccioli e Pasetti che furono suoi compagni di squadra fra i Primavera della SPAL. Purtroppo il sogno e le ambizioni di Moretti si interrompono proprio contro il Milan, il 16 aprile 1967, quando in uno scontro di gioco si infortuna seriamente.

Resta fermo un anno per tornare in campo in Serie B il 13 ottobre 1968 sempre con la SPAL contro la Ternana ma non convince né Mazza né Fabbri, nel frattempo tornato alla guida dei biancoazzurri. Ceduto a novembre alla Del Duca Ascoli in prestito, approda così fra i bianconeri allenati dall'ex spallino Carlo Mazzone in Serie C assieme al suo coetaneo De Bernardi.

Torna a Ferrara nel 1969 per giocare altri due campionati di Serie C senza infamia e senza lode, incappando però, il 22 febbraio 1970, nella sfortunatissimo episodio di due autogol segnati in una gara interna contro l'Empoli. Passa infine al Belluno nel 1971 e dopo altri due campionati di C torna in Friuli chiudendo così la sua carriera.

Per una strana - e per certi versi sinistra - coincidenza, Moretti è nato il 3 marzo al pari di un altro giocatore spallino degli anni '60, Eugenio Bruschini, che ebbe anch'egli la carriera compromessa a seguito di una serie di infortuni.

Attualmente, gestisce una locanda sita in Panelia di Sedegliano insieme alla moglie e all'unica figlia Daniela; locale molto frequentato, e in voga nella zona da ormai vari anni, per il suo buon vino e la simpatia della figlia.