Giacomo Radini-Tedeschi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giacomo Radini-Tedeschi
vescovo della Chiesa cattolica
GiacomoRadiniTedeschi.JPG
Alla sinistra del vescovo Radini-Tedeschi (terzo della seconda fila) è riconoscibile Angelo Giuseppe Roncalli il futuro papa Giovanni XXIII
BishopCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Bergamo
 
Nato12 luglio 1857 a Piacenza
Ordinato presbitero2 novembre 1879 dal vescovo Giovanni Battista Scalabrini
Consacrato vescovo29 gennaio 1905 da papa Pio X
Deceduto22 agosto 1914 a Bergamo
 

Giacomo Maria Radini-Tedeschi (Piacenza, 12 luglio 1857Bergamo, 22 agosto 1914) è stato un vescovo cattolico e docente italiano, vescovo di Bergamo dal 1905 al 1914.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu ordinato presbitero nel 1879. Professore di diritto canonico a Piacenza. Attivo fin dal 1883 nell'Opera dei congressi e dei comitati cattolici.

Nel 1890 divenne collaboratore della segreteria di Stato della Santa Sede e in quest'ambito nel 1891 fu incaricato di portare la berretta cardinalizia in Austria al neoporporato monsignor Gruscha e nel 1893 in Francia per i monsignori Lecot e Bourret: quest'ultima missione rientrava nella linea di raillement (allineamento) verso la terza Repubblica francese perseguita da papa Leone XIII, di cui i due neoporporati erano fautori. In queste missioni fu accompagnato da Achille Ratti, il futuro papa Pio XI, suo coetaneo, con il quale aveva frequentato, verso la fine degli anni settanta dell'Ottocento, il Pontificio seminario lombardo di Roma.

Dopo lo scioglimento dell'Opera dei congressi, Giacomo Radini-Tedeschi, all'epoca canonico di San Pietro in Vaticano e docente di sociologia presso il Collegio leoniano di Roma, fu nominato il 4 gennaio 1905 vescovo di Bergamo. L'ordinazione episcopale gli fu conferita personalmente da papa Pio X nella Cappella Sistina il successivo 29 gennaio. Quale proprio segretario scelse don Angelo Roncalli, il futuro papa Giovanni XXIII.

Affetto da un tumore - si spense all'eta di 57 anni il 22 agosto 1914. Due giorni prima era morto a Roma papa Pio X e, da poche settimane, era scoppiata la prima guerra mondiale.

Oggi riposa nella Cattedrale di Bergamo.

Il carattere e l'opera[modifica | modifica wikitesto]

Di origini aristocratiche, la sua attività si caratterizzò per l'interesse verso le problematiche sociali tipiche del suo tempo: nell'autunno del 1909 sostenne lo sciopero di Ranica, con il quale i lavoratori di una fabbrica tessile aderenti al sindacato cattolico chiedevano una riduzione dell'orario di lavoro, allora di 11 ore giornaliere per sei giorni alla settimana, e fu accusato per questo di modernismo e progressismo (ma le accuse caddero).

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN42636758 · ISNI (EN0000 0001 0799 6224 · SBN IT\ICCU\CUBV\169141 · LCCN (ENnr91007391 · GND (DE118917978 · BNF (FRcb12157224w (data) · BAV ADV11134929