Dameboldklubben Fortuna Hjørring

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Fortuna Hjørring)
Dameboldklubben Fortuna Hjørring
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali verde acqua e bianco
Dati societari
Città Hjørring
Nazione Danimarca Danimarca
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Denmark.svg DBU
Campionato Elitedivisionen
Fondazione 1966
Presidente Danimarca Jette Andersen
Allenatore Danimarca Brian Sørensen
Stadio Hjørring Stadion
(7 500 posti)
Sito web www.fortunahjorring.dk
Palmarès
Titoli nazionali 8 Campionato danese
Trofei nazionali 7 Coppa di Danimarca
Si invita a seguire il modello di voce

Il Dameboldklubben Fortuna Hjørring, indicata anche come DBK Fortuna Hjørring o semplicemente Fortuna Hjørring, è una squadra di calcio femminile con sede a Hjørring, in Danimarca. Fondata il 28 ottobre 1966, gioca in Elitedivisionen, massimo livello del campionato danese di calcio femminile. Il club, dai colori sociali bianco e verdi, disputa le partite in casa allo Hjørring Stadion.

Raggiunge il suo massimo risultato a livello internazionale nella primavera del 2003, arrivando a giocare la finale della Coppa dei Campioni femminile, persa 7-1 contro le svedesi dell'Umeå, dopo essere stata sconfitta in casa 0-3 e in Svezia 1-4.

Dall'estate 1982 il club organizza la Dana Cup, importante trofeo internazionale riservato a formazioni di calcio femminile giovanili.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Le origini del club risalgono all'esigenza di aggregazione delle fodboldenke, termine che in lingua danese definisce le compagne di calciatori e dirigenti calcistici che non nutrono interesse per il calcio, e che durante una riunione societaria dell'allora Hjørring AIK Frems nel 1966 propongono la creazione di un'associazione femminile per promuovere attività ricreative comuni. Ottenuta l'approvazione, venne fondato il Frems Venner che alla prima riunione costitutiva elessero come consigliere le cinque proponenti.

Alle iniziali attività sociali, come l'organizzazione di una sala bingo nella forsamlingshus cittadina o un reparto di maglieria, si affiancano ben presto quelle sportive, con la creazione di una squadra di tennistavolo durante l'inverno e, nel 1967, di una squadra di pallavolo, iscritta prima alle competizioni amatoriali VGU e poi alla Jydsk Håndbold Forbund (JHF), una delle tre divisioni distrettuali della Federazione di pallamano della Danimarca.

I successivi anni videro una costante espansione delle attività che necessitavano di una conseguente espansione degli ambienti fino ad allora condivisi con quelli dello Hjørring AIK Frems. La pianificata ristrutturazione della sede societaria nel 1969 si concretizzò solo nel 1977 in una nuova costruzione, e mentre la società storica si trasferisce, alcuni membri legati alle attività femminili decidono di rimanere nella vecchia sede dando origine al Fortuna Hjørring.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

1994, 1995, 1996, 1998-1999, 2001-2002, 2008-2009, 2009-2010, 2013-2014[1], 2015-2016
1995, 1996, 1999/2000, 2000-2001, 2001-2002, 2005-2006, 2007-2008, 2015-2016

Risultati nelle competizioni UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Competizione Fase Avversario Risultato
andata ritorno aggregato
2002-03 Women's Cup gironi di qualificazione Moldavia Codru Anenii Noi 5-0
Islanda Breiðablik 9-0
Bielorussia Bobruichanka 3-0
quarti di finale Norvegia Trondheims-Ørn 2-2 1-0 3-2
semifinali Inghilterra Arsenal 3-1 5-1 8-2
finali Svezia Umeå IK 1-4 0-3 1-7
2009-10 Champions League sedicesimi di finale Italia Bardolino Verona 4-0 1-2 5-2
ottavi di finale Francia Olympique Lione 0-1 0-5 0-6
2010-11 Champions League gironi di qualificazione Moldavia Roma Calfa 6-0
Turchia Gazi Üniversitesi 12-0
Bulgaria NSA Sofia 3-0
sedicesimi di finale Italia Bardolino Verona 8-0 6-1 14-1
ottavi di finale Germania 2001 Duisburg 2-4 0-3 2-7
2011-12 Champions League sedicesimi di finale Svizzera Young Boys 3-0 2-1 5-1
ottavi di finale Svezia Kopparbergs/Göteborg 0-1 2-3 2-4
2012-13 Champions League sedicesimi di finale Scozia Glasgow City 2-1 0-0 2-1
ottavi di finale Svezia Kopparbergs/Göteborg 1-1 2-3 3-4
2013-14 Champions League sedicesimi di finale Italia Tavagnacco 2-3 2-0 4-3
ottavi di finale Svezia Tyresö 1-2 0-4 1-6
2014-15 Champions League sedicesimi di finale Russia Rjazan'-VDV 3-1 2-0 5-1
ottavi di finale Svezia Rosengård 1-2 0-2 1-4
2015-16 Champions League sedicesimi di finale Bielorussia Minsk 2-0 4-0 6-0
ottavi di finale Italia Brescia 0-1 1-1 1-2
2016-17 Champions League sedicesimi di finale Spagna Athletic Bilbao

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Rosa iscritta al campionato 2015 aggiornata al 20 settembre 2015.[2]

N. Ruolo Giocatore
1 Danimarca P Maria Christensen
3 Brasile D Tamires Cássia Dias Gomes
4 Serbia C Nevena Damjanović
5 Camerun D Augustine Ejangue
6 Stati Uniti C Janelle Cordia
7 Danimarca D Line Jensen
8 Danimarca C Caroline Rask
9 Danimarca A Nadia Nadim (in prestito dallo Sky Blue FC)
10 Finlandia C Nora Heroum
11 Romania A Florentina Spânu Olar
12 Nigeria A Chi-Chi Igbo
13 Stati Uniti C Sydney Payne
N. Ruolo Giocatore
14 Danimarca C Karoline Smidt Nielsen
16 Danimarca D Nina Frausing Pedersen
17 Danimarca P Trine Jensen
18 Danimarca A Sarah Dyrehauge
19 Danimarca C Sine Hovesen
20 Danimarca C Signe Bruun
21 Danimarca A Amalie Jørgensen Vangsgaard
22 Danimarca D Frederikke Thøgersen
23 Danimarca D Luna Nørgaard Gewitz
24 Stati Uniti P Audrey Baldwin
25 Danimarca C Michelle Madsen
40 Stati Uniti P Aubrey Bledsoe (in prestito dallo Sky Blue FC)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DA) Fortuna Hjørring vandt mesterskabet, http://www.nordjyske.dk/, 1 giugno 2014. URL consultato il 10 giugno 2014.
    «Vendelboerne er tilbage på toppen af dansk kvindefodbold efter en fortjent sejr over Skovbakken. 0-3 endte kampen i Aarhus.».
  2. ^ (DA) 3F Truppen, su Fortuna Hjørring. URL consultato il 20 settembre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]