Filemone di Siracusa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Filemone di Siracusa (in greco antico: Φιλήμων, Filèmon, in latino: Philemon -ŏnis; Siracusa, 361 a.C.Atene, 263 a.C.) è stato un poeta e drammaturgo siceliota, autore della Commedia Nuova.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dalle testimonianze di Apuleio e Quintiliano[1], sappiamo che fu uno dei rivali di Menandro, che lo sconfisse in alcune gare[2]; scrisse 97 commedie, di cui restano numerosi frammenti ed una sessantina di titoli. Ebbe un figlio omonimo, Filemone il Giovane, anch'egli poeta comico.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Delle 97 commedie di Filemone, restano i titoli di 60 di esse in frammenti e negli adattamenti latini[3]. Tra i titoli più frequentemente citati sono Il siciliano, L'uomo stravagante, Intromettersi, L'inseguitore, Morire insieme, Il tesoro, La donna di Corinto, Fratelli[4], Il fantasma, La vedova, La mendicante, L'uomo di Babilonia, I filosofi.
Probabilmente fu eccellente nelle commedie di situazione, mentre il linguaggio, dai frammenti che possediamo, era duro e, spesso, pedestre.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Apuleio,Florida, 16; Quintiliano, Institutio oratoria, X 1,72.
  2. ^ Gellio, XVII 4.
  3. ^ Mercator, Mostellaria e Trinummus di Plauto sono derivate da Filemone.
  4. ^ Una scena degli Adelphoe di Terenzio era tratta appunto da quest'opera.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]