La donna tosata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La donna tosata
Commedia in cinque atti
P.Oxy. II 211.jpg
Frammento di papiro della Perikeiromene, 976–1008 (P. Oxy. 211 II 211, I o II secolo a.C.).
AutoreMenandro
Titolo originaleΠερικειρομένη
Lingua originaleGreco antico
GenereCommedia greca
AmbientazioneCorinto
Composto nel314 a.C. circa
Personaggi
  • Polemone
  • Moschione
  • Glicera, concubina di Polemone
  • Mirrina, ricca donna che adotta Moschione
  • Sosia, servo
  • Doride, serva di Polemone
  • Davo, servo di Moschione
  • Pateco, vecchio e padre di Glicera e Moschione
  • La dea Ignoranza
 

La donna tosata (in greco antico: Περικειρομένη, Perikeiroméne) è una commedia in cinque atti scritta da Menandro nel 314 a.C. circa e ci è nota grazie a cinque papiri che hanno conservato all'incirca cinquecento versi totali. L'opera, anche se si comprendono le linee essenziali dell'azione, è fortemente incompleta: manca la parte iniziale e vi sono importanti lacune anche nel resto del testo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Moschione e Glicera sono abbandonati in tenera età dai genitori e vengono cresciuti separati: Moschione viene adottato dalla ricca Mirrina mentre Glicera diventa la concubina del soldato Polemone. Glicera è consapevole di essere la sorella di Moschione, ma il fratello ne è ignaro e si innamora di lei. I due vengono colti da Polemone mentre si abbracciano e ciò suscita l'ira di Polemone, il quale, per vendicarsi, rasa i capelli di Glicera, per umiliarne la bellezza. La giovane si rifugia quindi nella casa di Mirrina, rivelandole la verità. Dopo numerose complicazioni (tra cui un tentativo di assalto alla casa di Mirrina da parte di Polemone), la situazione inizia a chiarirsi grazie all'intervento di Pateco, un vicino di casa di Mirrina. Egli, spinto dalla curiosità, si interessa alla faccenda e alla fine scopre di essere il padre dei due fratelli. La commedia termina con un lieto fine: Glicera e Polemone possono riappacificarsi e convolare a nozze, mentre Moschione, ritrovata la sorella, ottiene a sua volta una sposa grazie al padre Pateco.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Menandro, Commedie, a cura di Guido Paduano, Oscar Mondadori, 2005. ISBN 978-88-04-35502-1
  • Menandro, Il misantropo, La donna tosata, La donna di Samo, a cura di Gianpaolo Marin Grimani, Solaria, La Spezia, 1990. ISBN 88-403-6543-5
  • Letteratura Greca cultura autori testi, a cura di Giulio Guidorizzi, Einaudi Scuola, 6a, ristampa 2015.ISBN 978-88-286-1359-6

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN176948876 · LCCN (ENnr2006003310 · BNF (FRcb16546375v (data)