Eubulo (commediografo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Eubulo del demo di Cetto (in greco antico: Εὔβουλος, Eùboulos; Atene, anni Dieci del V secolo a.C. – dopo il 376 a.C.) è stato un commediografo ateniese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Eubulo, ateniese del demo di Cetto, viene ricordato da Suda[1] come autore di passaggio tra la commedia antica e la commedia di mezzo. Inoltre, da fonti epigrafiche risulta vincitore sei volte alle Lenee, probabilmente per la prima volta a partire dal 376 a.C. circa[2].

Commedie[modifica | modifica wikitesto]

Di Eubulo restano una cinquantina di titoli e 150 frammentiː

  • Ancylion
  • Anchises
  • Amaltheia
  • Anasozomenoi ("Quelli che cercano di sopravvivere")
  • Antiope
  • Astytoi ("Impotenti")
  • Auge
  • Bellerophon
  • Ganymede
  • Glaucus
  • Daedalus
  • Danae
  • Deucalion
  • Dionysius
  • Dolon
  • Eirene ("Pace")
  • Europa
  • Echo
  • Ixion
  • Ion
  • Kalathephoroi ("I portacesti")
  • Campylion
  • Katakollomenos ("Il tifoso")
  • Cercopes
  • Clepsydra
  • Korydalos
  • Kybeutai ("Giocatori di dadi")
  • Lakones o Leda
  • Medea
  • Mylothris ("La mugnaia")
  • Mysians
  • Nannion
  • Nausicaa
  • Neottis
  • Xuthus
  • Odysseus o Panoptai
  • Oedipodes
  • Oenomaos o Pelops
  • Olbia
  • Orthannes
  • Pamphilus
  • Pannychis ("La festa notturna")
  • Parmeniscus
  • Pentathlos ("Il pentatleta")
  • Plangon
  • Pornoboskos ("Il lenone")
  • Procris
  • Prosousia o Cycnus
  • Semele o Dionysus
  • Skyteus ("Il calzolaio")
  • Stephanopolides ("La fioraia")
  • Sphingokarion
  • Titans
  • Tithai o Titthe ("La balia" o "Le balie")
  • Phoenix
  • Charites
  • Chrysilla
  • Psaltria ("L'arpista")

Una notizia, peraltro abbastanza confusa, in uno scolio a Platone[3] sembra suggerire che alcuni dei suoi drammi fossero prodotti da Filippo, figlio di Aristofane. Inoltre, l'attacco personale non era risparmiato da Eubulo, che, a quanto emerge dai frammenti, criticò Filocrate, Callimedonte, Cidia e Dionisio I di Siracusa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Test. 1 K.-A.
  2. ^ IG II2 2325, 144.
  3. ^ Test. 4 K.-A.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • R. Kassel-C. Austin, Poetae Comici Graeci, vol II.
  • R. L. Hunter, Eubulus: The Fragments, Cambridge, CUP, 1983.
Controllo di autorità VIAF: (EN94978214 · LCCN: (ENn82045871